I quattro enigmi degli eretici di Armando Comi

È un personaggio oscuro e da sempre avvolto in una foschia fatta di leggenda, mito e stupore: Cola di Rienzo, al secolo Nicola di Lorenzo Gabrini. Eletto il 20 maggio 1347 tribuno e “liberatore” dello stato romano, obbligò i potenti baroni a sottomettersi, reclamando per Roma la dignità di capitale del mondo; pur dichiarando di non voler attentare ai diritti della Chiesa, insospettì l’allora pontefice Clemente VI. Nella cupa Roma del tardo Medioevo, Cola splende di quella luce che è propria dei sognatori: visionari, tormentati e mai compresi dai loro contemporanei. Il dramma della solitudine è palpabile non solo nella storia reale di Cola di Rienzo ma anche tra le pagine del raffinato thriller di Armando Comi, che descrive un personaggio vero, concreto pur nella sua eccezionalità.

Siamo nell’autunno del 1342. A Roma sì è appena consumato un crimine abominevole. Un cavaliere cinto da una corona con dieci corna uccide un neonato per impedire l’avverarsi di un’inquietante profezia. Il piccolo sembra essere colui che un giorno erediterà uno specchio che porterà sciagure nel mondo. Cinque anni dopo, nel giorno di Pentecoste, Cola di Rienzo esce di prigione con l’intenzione di realizzare una predizione ricevuta in sogno, ma il suo destino si incrocia con un messaggio che giunge dal passato e lo incita a mettersi alla ricerca di uno specchio occulto, lo Speculum in Aenigmate. Si tratta di un manufatto realizzato con la pietra incastonata nella corona di Lucifero, prima della caduta, capace di stravolgere le sorti dell’umanità. La sua non è una ricerca solitaria: da secoli due sette cercano di entrarne in possesso ed entrambe tramano alle spalle di Cola per manovrarlo. Cosa sono disposti a fare coloro che cospirano per impossessarsi dell’oscuro oggetto della profezia?

Il Cola di Rienzo di Comi è un uomo pieno di ombre, visionario, brillante e cupo nello stesso tempo, il cui comportamento ci pone dinnanzi a domande e a questioni etiche. È questa la grandezza del thriller I quattro enigmi degli eretici: la trama impone riflessioni sul comportamento umano, sulla tragedia della libertà negata, sul destino dell’uomo. Scritto magistralmente e fluido nel lettura, il romanzo di Comi è una sorta di viaggio iniziatico ai confini tra il bene e il male, tra la ragione e la necessità.

Spiccano le figure femminili: Luna, la donna accusata di stregoneria, e Giovanna Colonna. Entrambe forti e determinante, con alle spalle una sofferenza che però le ha forgiate, incidendo nella loro carne le ferite dell’anima.

Annunci

Torna la detective Erika Foster di Robert Bryndza

Il 2019 inizia all’insegna di nuove letture e nuove recensioni. Il romanzo di cui vi parlo oggi è “La ragazza nell’acqua”, terzo romanzo della serie thriller Erika Foster scritta dall’inglese Robert Bryndza. Ringrazio la casa editrice per la lettura in anteprima.

Il dolore aveva messo radici profonde nel suo cuore: era diventato parte di lei ormai. Continuava a versare lacrime su lacrime, ma aveva imparato a convivere con quell’agonia, come una compagna fedele. Guardare il cappottino, il disegno, vedere di sfuggita la foto di Jessica mentre superava la camera da letto e andava in bagno: faceva tutto parte della sua routine, così come il dolore.

L’autore ci racconta il cosiddetto cold-case. Improvvisamente durante lo svolgimento di un’operazione di polizia viene trovato uno scheletro. Uno scheletro così piccolo da poter essere solo quello di un bambino. E se poi lo scheletro appartiene alla povera Jessica Collins, scomparsa ventisei anni prima, per Erika Foster è l’opportunità per fare chiarezza sul caso e trovare finalmente il colpevole della sua morte.

Devi trovare un posto tutto tuo in questo mondo. Un posto dove essere felice senza essere un poliziotto.

Non sono una grandissima appassionata del genere. Ho quindi iniziato la lettura con tutto lo scetticismo possibile. Devo però ammettere che il romanzo di Bryndza ha saputo catturare il mio interesse.
Lo svolgimento delle indagini sembra ricordare le serie televisive che, in questi anni, vediamo su vari canali televisivi. La scelta di avere capitoli brevi, poi, rende la lettura molto scorrevole. I colpi scena non mancano, sono assicurati.
L’autore ha saputo, inoltre, unire due aspetti molto importanti nella stesura di un romanzo. Se da una parte abbiamo lo svolgimento del caso, dall’altra possiamo apprezzare un’analisi del personaggio di Erika Foster. Una donna che vive costantemente con un conflitto interiore. Una donna che ha perso tanto e che non sa quale sia la via per la felicità.
C’è solo un piccolo difetto, ma essendo un romanzo thriller posso anche accettarlo. Mi sono sentita troppo spettatrice e non protagonista del romanzo. Mi è mancato sentirmi parte della storia.

Una morte perfetta

Quando ho deciso di andare a Milano a trovare Chiara, sapevo che il tragitto in pullman sarebbe stato lungo. Otto ore. A me piacciono i viaggi lunghi, sul serio. Ma tant’è, ho assolutamente bisogno di un libro da leggere, oppure le chiacchiere del passeggero dietro di me mi faranno impazzire (oltre a condurre lui ad una rapida morte per accoltellamento da matita).

Nello zaino mi sono portata un thriller, il quarto della serie dell’autrice inglese Angela Marsons. Ho già letto un suo romanzo e ricordo che mi era piaciuto molto.

Questo si intitola Una morte perfetta, ed è stato appena pubblicato da Newton Compton, come tutti gli altri della serie.

Sono fiduciosa. Apro il romanzo. Dove si va oggi?

Nella campagna inglese. Nella Black Country.

Inizia tutto col botto. La protagonista, Kim Stone, è una detective della polizia inglese e sta effettuando un arresto con la sua squadra. Nel loro mirino, trafficanti stranieri di bambini da destinare alla prostituzione.

Quando Kim ne malmena uno verrebbe da abbracciarla.

Il loro superiore è talmente soddisfatto dell’arresto che manda tutta la squadra in gita: a Westerley, una struttura che studia la decomposizione dei cadaveri, una fattoria dei corpi. Un ameno posticino dove se cammini col naso per aria rischi di cadere nella buca di una mummia infestata di vermi. E ti multano pure, perché i vermi non vanno disturbati. Stanno lavorando, loro!

Kim, il suo braccio destro Bryant, e i due giovani Duncan e Stacey, non sono proprio entusiasti all’idea dell’escursione. Tanto più che durante la visita guidata uno di loro inciampa davvero in un cadavere. Solo che non è uno di quelli del centro.

È la vittima di un omicidio recente, una donna a cui è stata spaccata letteralmente la faccia, poi soffocata con della terra in gola.

Fine della gita. Kim fa schioccare la frusta e immediatamente la squadra si mette alla ricerca dell’assassino. Ma tutte le piste sono vicoli ciechi.

Nella narrazione si inframmezzano parti di racconto di qualcuno che parla in prima persona. Non si sa chi sia, ma è decisamente inquietante. E affascinante.

Nel frattempo Kim rinviene un altro cadavere, e una donna che per un pelo ancora non è morta. Da un omicidio siamo passati rapidamente a dare la caccia ad un serial killer. Già la squadra è affogata di lavoro, ci mancano solo le critiche del capo, gli agguati di una vecchia quasi-fiamma di Kim e le telefonate di una giornalista zoppicante e mostruosamente rompiballe. O così sembra.

Fuori dal finestrino del pullman sfila la scintillante campagna toscana, ma io non la degno di uno sguardo. Non ci riesco. Corro tra le pagine alla ricerca del prossimo indizio.

Inciampo in qualche verbo messo male ma mi dico che dev’essere un problema della traduzione e vado avanti.

Mi sono quasi fatta un’idea di chi possa essere il colpevole. Ecco, ora lo arrestano! Lo sapevo,  dovevo fare l’investigatore, un momento, ah no, ho sbagliato tutto.

Oddio! Hanno rapito la giornalista!

Coraggio Kim, ce la puoi fare.

Il punto forte di tutta la storia sono decisamente i personaggi. Non sono scontati, anzi hanno una coerenza tutta loro a cui non riesci proprio a non affezionarti. Kim Stone è una detective dura e fuori dagli schemi, e si muove in un ambiente strano, grigio, dove il sospetto la fa da padrone. Forse è per questo che le vuoi bene.

Arriviamo a Milano troppo presto. Non ho ancora finito il libro e voglio sapere come va a finire. Quasi quasi resto sul pullman e proseguo fino a Zurigo… No, poi Chiara mi darebbe per dispersa, e chi lo sente mio padre?

Metto il segnalibro a malincuore, scendo e do un appuntamento silenzioso al libro per questa sera. Non vedo l’ora di scoprire come finisce.

Devo aggiungere una nota di tenerezza da lettrice italiana ai personaggi inglesi che per tutta la storia svengono di caldo con ventiquattro gradi.

Adorabili principianti.

Dentro l’acqua di Paula Hawkins

Ciao booklovers,

oggi Rosaria Russo ci racconta uno dei thriller del momento edito Piemme.

71btJccX3IL

Quando il corpo di sua sorella Nel viene trovato in fondo al fiume di Beckford, nel nord dell’Inghilterra, Julia Abbott è costretta a fare ciò che non avrebbe mai voluto: mettere di nuovo piede nella soffocante cittadina della loro adolescenza, un luogo da cui i suoi ricordi, spezzati, confusi, a volte ambigui, l’hanno sempre tenuta lontana. Ma adesso che Nel è morta, è il momento di tornare. Di tutte le cose che Julia sa, o pensa di sapere, di sua sorella, ce n’è solo una di cui è certa davvero: Nel non si sarebbe mai buttata. Era ossessionata da quel fiume, e da tutte le donne che, negli anni, vi hanno trovato la fine – donne “scomode”, difficili, come lei -, ma mai e poi mai le avrebbe seguite. Allora qual è il segreto che l’ha trascinata con sé dentro l’acqua? E perché Julia, adesso, ha così tanta paura di essere lì, nei luoghi del suo passato? La verità, sfuggente come l’acqua, è difficile da scoprire a Beckford: è sepolta sul fondo del fiume, negli sguardi bassi dei suoi abitanti, nelle loro vite intrecciate in cui nulla è come sembra.

Questo libro l’ho cominciato con grande curiosità. Avevo letto il precedente thriller “La ragazza del treno”,  che mi aveva colpito particolarmente e ero convinta che sarebbe stato lo stesso con questo. Invece non è andata proprio così . La storia è interessante, misteriosa e ha tanti punti di vista. Gli eventi sono narrati da diversi personaggi come la sorella di Nel, la donna trovata morta nel fiume. Poi c’ è Lena, sua figlia, adolescente dal carattere forte. Sean, ispettore di polizia, un’altra poliziotta, il padre di Sean. Ma forse proprio tutti questi personaggi che raccontano mi hanno creato un po’ di confusione. Almeno all’inizio, poi col tempo imparando i loro nomi è risultato semplice capire i fatti. La storia affonda comunque le sue radici nel passato. Sia quello antico, narrato nel libro di Nel, di tantissime donne che accusate di stregoneria, o macchiate di brutti crimini, venivano gettate nel fiume, in un processo di purificazione, ma anche in un passato più recente che vede persone legate ai protagonisti.

Il tutto contornato da questo luogo, Beckford, che appare chiaro agli occhi del lettore. Ti sembra di essere lì a guardare i fatti da un punto di vista preferenziale, che ti fa scorgere ogni piccolo elemento. Questo è molto interessante e importantissimo.

Il personaggio di Julia, la protagonista, è molto enigmatico. Fin dall’inizio si comprende il suo distacco dalla città dove è cresciuta e da sua sorella. Un odio apparentemente incomprensibile, ma che pian piano verrà snocciolato al lettore e che mostrerà tutta la sua fragilità di adolescente derisa e bullizzata e anche della sua attuale difficoltà a accettare se stessa. Un percorso lungo e tortuoso da percorrere. In lei c’è però una gran voglia di comprendere quale sia la verità. Sua sorella non si è suicidata, di questo è sicura, e farà di tutto per scoprire chi sia stato a mettere fine alla sua vita.

Tornando all’uso dei diversi punti di vista, credo che abbiano influito negativamente, disperdendo il punto centrale della storia. Non abbiamo un unico filo conduttore e mentre questo da un lato rende il tutto molto più misterioso, dall’altro crea attese e aspettative e anche qualche ingarbugliamento. Nonostante tutto però, ogni nodo giungerà al pettine e non mancherà il colpo di scena finale.

Una perfetta sconosciuta

Ciao booklovers,

oggi Rosaria Russo ci racconta un thriller mozzafiato edito Piemme.

81IlwtdvKGL

Immagina che la polizia arrivi a casa tua e ti mostri una foto in cui tu – con i capelli di quel tuo rosso inconfondibile, il tuo cappotto blu – stai baciando un uomo. Peccato che quell’uomo sia stato trovato morto trentuno ore prima, e tu non ricordi di averlo mai baciato. Anzi, lo conoscevi appena. Era il tuo nuovo capo, l’uomo che ti aveva dato in gestione la galleria per conto di un misterioso proprietario. Il lavoro dei tuoi sogni: ti era sembrato troppo facile, troppo bello per essere vero. Eppure tutto era andato liscio, la galleria esisteva davvero, avevi firmato un contratto regolare. Adesso, però, guardando quella foto capisci che non c’era niente di regolare. Niente di facile. Perché là fuori qualcuno sta cercando di incastrarti, anche se non riesci a immaginare il motivo. Qualcuno che sa molte cose di te. E che forse ti è molto vicino… In questo thriller in cui nulla è come sembra, Alice Humphrey vede crollare intorno a sé, come un castello di carte, ogni certezza. Compresa quella più importante: la sua stessa innocenza.

Alice Humphrey non è  una donna come tante. Ha un padre ingombrante, famoso regista e implicato in scandali sessuali. Una madre, ex attrice, troppo accondiscendente. Un fratello, Ben, ex tossicodipendente ma mai fuori completamente dalle vecchie abitudini. Un ex fidanzato, che è  a metà  tra l’essere amico o qualcosa di più, e una migliore amica, Lily, che fa da grillo parlante.

Ha una gran voglia di farsi strada da sola, di farcela con le sue sole forze e proprio per questo accetta un lavoro capitato per caso, ma che rappresenta ciò  che ha sempre sognato di fare. Un uomo affascinante, incontrato ad una mostra le propone di gestire una piccola galleria d’arte a New York. Una proposta come questa non capita tutti i giorni e Alice la afferra subito, nonostante i mille dubbi che la attanagliano. Non immagina però  che dopo pochi giorni un poliziotto le mostrerà  una foto che la ritrae di spalle, baciare proprio quell’affascinante uomo. Peccato che è  morto, è  stata lei a trovare il cadavere e non lo abbia mai baciato.

Insomma una storia adrenalinica dove tutto scorre velocemente, ma con grande precisione. Nulla viene lasciato al caso. Ogni cosa appare come un tassello di un puzzle che prende il suo posto nel mucchio. I punti di vista si susseguono ed è  questo elemento che rende interessante ancor di più  la storia. C’è  la vicenda di Alice, la sparizione di una ragazza adolescente, e un poliziotto ossessionato da un delinquente, responsabile della morte di sua sorella ma che è  libero di continuare nelle sue malefatte.

Le tre vicende apparentemente a se stanti, sono collegate tra loro in maniera magistrale. L’autrice ha creato una trama complessa, non certo una storiella, ma riesce a barcamenarsi benissimo nella sua descrizione, senza annoiare e senza costringerti a tornare indietro per capire meglio. Anche i luoghi sono parte integrante della storia. Ti sembra di passeggiare con la protagonista per le strade di New York, di fermarti con lei a bere un caffè o mangiare un waffle. Insomma tutto perfetto o quasi, perché  se proprio devo trovare un difetto , direi che il finale è  un po’ frettoloso.  A parte questo però, se dovessi mettere un voto, un bel dieci ci starebbe tutto.

Link di acquisto: Una perfetta sconosciuta