Tecnologia e lockdown. In che modo ha influito?

È innegabile quanto la tecnologia abbia influito sulle nostre vite, soprattutto durante questo periodo di lockdown. Se in modo assolutamente e sempre positivo, o in modo positivo ma non sempre… è da pensarci su!

Di sicuro, grazie alla tecnologia, è possibile accorciare le distanze!

E con una videochiamata dal divano del salotto ritroviamo le famiglie, gli amici più cari, i colleghi di lavoro, i cugini di millesimo grado, i conoscenti alla lontana, i vicini con cui non avevi mai parlato, estranei a caso.

E infatti, le videochiamate sono diventate l’odi et amo new age.

“Scrivere non mi basta, posso videochiamarti?”, “Un messaggio vocale non è abbastanza esplicativo, videochiamata?”, “Abbiamo sempre comunicato via email, ma ora avrei voglia di videochiamarti, ok?”, “Ciao ho trovato il tuo numero in rubrica, ti videochiamo per scoprire chi sei?”

Una menzione se la meritano anche i non-proprio-esperti, che vorrebbero essere esperti, ma non ce la fanno. Continua a leggere

Trascorri tanto tempo in cucina? Lo so, anch’io!

In questo periodo, un po’ tutti stiamo trascorrendo tanto tempo in cucina, dedicandoci alla preparazione di dolci e manicaretti.

Perché cucinare è diventata l’attività preferita? Bella domanda!

A stuzzicare le nostre inesperte e inusuali doti culinarie è un mix di fattori più o meno individuabili.

Generalmente questi fattori raggiungono il culmine della loro influenza verso l’ora di colazione, merenda, brunch, pranzo, merenda numero due, spuntino, spuntino numero due, aperitivo, apericena, cena, post-cena, pre-nanna.

Generalmente questi fattori raggiungono il culmine della loro influenza sempre.

Cosa ci spinge a cucinare?

La voglia di appagare una latente ma costante sensazione di insoddisfazione, probabilmente. Il desiderio di minimizzare l’insofferenza generata dalla costrizione, forse. La speranza di ingannare la mente stimolando lo stomaco, sicuramente.

Per non parlare di quel totale stato di realizzazione che si raggiunge quando inforni un impasto a forma di vomito e ne sforni una soffice spugna a forma torta! Il magico mistero dell’arte culinaria.

Quali sono le capacità necessarie?

Dipende.

Abbiamo l’esperto panificatore che di mestiere fa il geometra, ma a mali estremi, estremi rimedi e quindi ha fatto come l’Homo di Neanderthal che ci ha creduto così tanto da trasformarsi in Homo Sapiens. Continua a leggere

Le scuse più assurde per uscire dalla quarantena: ANCHE MENO!

La quarantena è dura per tutti, per alcuni più che per altri e la ricerca forsennata della scusa perfetta per uscire, inizia ad essere l’attività più praticata.

A oggi, le direttive sono chiare: non uscire, se non per casi di necessità assoluta, spesa, lavoro, salute, assistenza. Un monito piuttosto chiaro, se non fosse per la libera e fantasiosa interpretazione di cui è spesso vittima.

Le più comuni? Vediamo un po’:

 Gli spesa-dipendenti, che fanno capolino al supermercato almeno una volta al giorno per comprare il pane, il latte fresco, le uova di galline allevate a terra che gli schiaccerei in testa.

Gli aspiranti detentori di animali, che si muniscono di bizzarri compagni a quattro zampe fatti di peluche e imbottitura. I più creativi azzardano vere e proprie creazioni degne di Art Attack, arrangiate con un po’ di cartoncino e cccccccolla vinilica.

E poi, fieri, sfoggiano al guinzaglio la prova di una creatività che prima d’ora non s’era mai manifestata. Volete essere creativi? Preparate una pizza, come fanno tutti. Continua a leggere

Meno energie negative, più energie positive! In che modo?

In un periodo di forte stress emotivo e psicologico, fare il pieno di energie positive può essere la soluzione!

I pensieri negativi provocano conseguenze sia per la mente che per il corpo, ed ecco che diventa importante attrarre energia positiva nella propria vita.

Qual è la strategia giusta?

  • L’accettazione

Accettare, innanzitutto, chi sei e dove ti trovi: lamentarsi di ciò che non sei e per ciò che non hai, non farà altro che alimentare negatività e sconforto.

Bisogna, invece, lamentarsi silenziosamente: così, le energie negative non ti sentono.

  • La meditazione

Meditando si può viaggiare alla scoperta della propria pace interiore, nascosta chissà dove tra i flussi d’angoscia che scorrono nelle vene, insieme ai globuli rossi, globuli bianchi e piastrine (informazione scolastica che non vedeva l’ora di essere usata).

La pace interiore influenza quella esteriore, che a sua volta influenza l’umore, che influenza l’allegria, che influenza l’energia positiva che mio padre al mercato comprò.

Se durante la meditazione non hai trovato la pace interiore, puoi lamentarti anche di questo (silenziosamente). Continua a leggere

Tanto tempo da trascorrere a casa? Niente paura!

Tanto tempo da trascorrere a casa? Niente paura: è tempo di fare cose belle!

È un po’ nella natura dell’essere umano desiderare sempre ciò che non si può avere e poi, rinnegarlo nel momento in cui questo diventa improvvisamente a portata di mano.

Quante volte ognuno di noi ha pensato “ah, vorrei più tempo per stare a casa… eccolo! Il momento è arrivato! E trasformare una necessità in una bella opportunità è il prossimo passo da compiere.

In che modo?

Riscoprendo i vecchi piaceri a cui abbiamo, nostro malgrado, rinunciato per mancanza di tempo; coltivando quell’hobby abbandonato in quinta elementare per il sopraggiungere dei super compiti delle scuole medie; dedicando maggiore cura e attenzione a noi stessi.

Non è chiaro? Proviamo a pensare ad alcune cose belle da poter finalmente fare! Continua a leggere

Seguire le tendenze per essere cool: errori da non commettere

In un mondo in cui per essere accettato devi essere cool, saper seguire le tendenze del momento è la vera chiave del successo.

Eppure non è facile come potrebbe sembrare, le tendenze sono infime e dispettose, subdole e meschine, spesso false e doppiogiochiste.

Come si comportano?

La tendenze gridano, schiamazzano, ti chiamano con la stessa vemenza di una madre quando “è pronto a tavolaaaaaa”, ti fanno credere d’essere giuste, quelle perfette, ma quando poi ti ci avvicini, ti guardano, si fanno una risata e vanno via.

E infatti quando arrivi a tavola, mica è pronto per davvero?

Qual è il modo giusto? Continua a leggere

Cose da fare al mattino per iniziare con il piede giusto

Il risveglio è il momento cruciale che determina lo sviluppo del resto della giornata e iniziare con il piede giusto è fondamentale!
Come favorire il risveglio perfetto?

Spulciando nel web è possibile trovare molte indicazioni utili, eccone di seguito un sintetico resoconto.

 La colazione

La colazione è il pasto più importante della giornata e non va sottovalutato. Riservargli cura e attenzione, concedersi qualcosa che sia sano, nutriente, ma anche appagante. Tipo, uno yogurt di soia al naturale biologico, accompagnato da cereali di frumento integrale colto da Antonio Banderas nel Mulino che vorrei… poi topping di Nutella. Il criterio è uno solo: coerenza!

L’esercizio fisico

Fitness, yoga, stretching, qualsiasi tipo di movimento andrà bene. In una sana routine mattutina è importante che vi sia del movimento, quindi prima di alzarsi dal letto: su un fianco, sull’altro, a pancia in giù, con le mani distese, con le mani incrociate, con le mani sulla testa, con le mani penzoloni, con i piedi flessi, con i piedi rilassati, con le gambe piegate, con le gambe divaricate, con la testa di lato, con la testa diritta… e l’attività fisica della giornata è stata completata. Continua a leggere

Come affrontare le persone sgarbate

Tra le problematiche più spiacevoli che affliggono il genere umano, una delle peggiori è sicuramente la scortesia.

Mi riferisco a quella rozzezza malsana di cui alcune persone sono geneticamente dotate e, ovviamente, naturalmente portate ad esternarla. Sempre.

Nessuno è perfetto e ne traiamo l’inconfutabile prova dal super ridotto numero di persone con cui riusciamo ad andare d’accordo; ma è bene saper distinguere i difetti caratteriali, pur sempre rettificabili, dalla scostumatezza più becera, che è invece irrecuperabile.

In che modo, quindi, possiamo affrontare la scorrettezza delle persone? Come dovremmo comportarci davanti a uno sgarbo?

Nella maggior parte dei casi, la miglior risposta è mantenere la calma, provare ad essere superiore ed evitare di generare un conflitto. In tutti gli altri casi: combattere e poi dire una frase a effetto. Continua a leggere

Luci, lucine, lucette e luci d’artista, come scegliere?

Durante il periodo natalizio luci, lucine e lucette abbelliscono le città con i loro colori sfavillanti.

Una consuetudine piuttosto comune, che negli anni si è evoluta in una vera e propria competizione a colpi di creazioni sbrilluccicanti.

Luci d’artista, villaggi di Babbo Natale, mercatini, ma anche strade, piazze, negozi, centri commerciali, gallerie, parchi, case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale… tutto ciò che ci circonda finisce per essere incorniciato da incantevoli scie di luminarie, vere e proprie opere d’arte luminose protagoniste del nostro Natale.

A stimolare l’apprezzamento di massa di una composizione, però, non s’è mai capito se sia l’originalità, il livello di complessità della composizione stessa, il colore, la forma, la grandezza, la brillantezza o se si tratti di un fenomeno puramente casuale che di anno in anno stabilisce se le più belle siano quelle che riproducono il Polo Nord, o quelle che beatificano il santo patrono della città.

Continua a leggere