Affreschi, un vino rosso barricato

Per i miei lettori ho stappato Affreschi dell’azienda agricola laziale Giulio Pesoli. Un vino IGT rosso ottenuto con uve Syrah e barricato in Rovere per 12 mesi.

Come sempre parliamo dell’etichetta che si presenta semplice, ma allo stesso tempo misteriosa, elegante ed essenziale. Lascia spazio al prodotto che è strepitoso.

Nel calice si può apprezzare tutto il suo colore rubino carico con riflessi purpurei, mentre in bocca esplodono i sapori. Già dal primo assaggio ti senti avvolgere dalle fragranze tipiche di un vino Riserva affinato in barrique.

Il connubio di sapori fruttati e speziati si amalgama bene con quella del rovere esaltando il vino e lo rendono persistente in bocca. I sensi vengono stuzzicati e solleticati dagli effluivi di frutti di bosco.

Un tale vino è ottimo per accompagnare piatti tipici, a base di carne rossa, della cucina romana e non solo quelli. Nel mio caso l’ho abbinato al Gulash e patate novelle al forno.

Dati informativi di Affreschi Rosso Riserva

Azienda: Azienda Agricola Giulio Pesoli di Ariccia

Grado: 13% vol.

Varietà: Syrah

Invecchiamento: 12 mesi in barrique di Rovere

 

http://www.aziendagricolapesoli.it

Annunci

Happy Blog Birthday!

happy-1st-birthday-to-my-blog-l-scufkf

Carissimi lettori, oggi prendo la parola per ringraziare la nostra meravigliosa Isabella D’Amore… il nostro blog compie un anno! Ne abbiamo passate tante insieme: Isabella ha letto per voi moltissimi libri, ha visto film, serie Tv e ha donato alla redazione entusiasmo, brio, amore per ciò che si fa e sopratutto ci fatto dono della sua grande professionalità. Questa prima candelina è tutta per lei. Grazie, Isabella, sei il nostro Pink Side of Life!

E grazie a voi lettori, che ci seguite sempre con attenzione e passione. senza di voi Pink non avrebbe ragione di esistere.

Tanti auguri a tutti noi

Cinzia

200910_tatler_alek_mr0275lm_tatl-2_large2

 

100 di questi articoli! #HerStory #SheWrites

Ciao booklovers,
oggi festeggiamo l’articolo numero 100 del #pinkmagblog!
Abbiamo deciso di dedicare questa tappa a delle grandi donne che con la loro scrittura combattono quotidianamente in nome dei diritti umani e dei diritti civili.
Donne che non impugnano fucili, ma penne, che trasformano in armi potenti contro l’ignoranza e la violenza.
Vi segnalo delle letture imperdibili non solo dal punto di vista del contenuto e della scrittura, ma perchè sono libri di apertura, di forza e di speranza.

13220168_1712880448982878_2101163824_nLa distanza tra la Nigeria e gli Stati Uniti è enorme, e non solo in termini di chilometri. Partire alla volta di un mondo nuovo abbandonando la propria vita è difficile, anche se quel mondo ha i tratti di un paradiso, ma per Ifemelu è necessario. Il suo paese è asfittico, l’università in sciopero. E poi, in fondo, sa che ad accoglierla troverà zia Uju e che Obinze, il suo ragazzo dai tempi del liceo, presto la raggiungerà. Arrivata in America, Ifemelu deve imparare un’altra volta a parlare e comportarsi. Diverso è l’accento, ma anche il significato delle parole. Ciò che era normale viene guardato con sospetto. Ciò che era un lusso viene dato per scontato. La nuova realtà, inclemente e fatta di conti da pagare, impone scelte estreme. A complicare tutto c’è la questione della pelle. Ifemelu non aveva mai saputo di essere nera: lo scopre negli Stati Uniti, dove la società sembra stratificata in base al colore. Esasperata, Ifemelu decide di dare voce al proprio scontento dalle pagine di un blog. I suoi post si conquistano velocemente un folto pubblico di lettori, che cresce fino ad aprire a Ifemelu imprevisti e fortunati sbocchi sul piano professionale e privato. Ma tra le pieghe del successo e di una relazione con tutte le carte in regola si fa strada un’insoddisfazione strisciante. Ifemelu si sente estranea alla sua stessa vita e, lì dov’è, non riesce ad affondare le radici, pur sapendo che in Nigeria il nuovo modo di guardare il mondo le guadagnerebbero l’epiteto di “Americanah”.

13245830_1712880445649545_2064243614_nValle dello Swat, Pakistan, 9 ottobre 2012, ore dodici. La scuola è finita, e Malala insieme alle sue compagne è sul vecchio bus che la riporta a casa. All’improvviso un uomo sale a bordo e spara tre proiettili, colpendola in pieno volto e lasciandola in fin di vita. Malala ha appena quindici anni, ma per i talebani è colpevole di aver gridato al mondo sin da piccola il suo desiderio di leggere e studiare. Per questo deve morire. Ma Malala non muore: la sua guarigione miracolosa sarà l’inizio di un viaggio straordinario dalla remota valle in cui è nata fino all’assemblea generale delle Nazioni Unite. Oggi Malala è il simbolo universale delle donne che combattono per il diritto alla cultura e al sapere, ed è stata la più giovane candidata di sempre al Premio Nobel per la pace. Questo libro è la storia vera e avvincente come un romanzo della sua vita coraggiosa, un inno alla tolleranza e al diritto all’educazione di tutti i bambini, il racconto appassionato di una voce capace di cambiare il mondo.

13246087_1712880452316211_85049052_nShirin Ebadi, la prima donna musulmana a ricevere il Premio Nobel per la Pace, ha ispirato milioni di persone nel mondo con il suo impegno da avvocato per i diritti umani, difendendo soprattutto le donne e i bambini dal brutale regime iraniano. Per questo il governo ha cercato di ostacolarla in tutti i modi, ha intercettato le sue telefonate, ha messo sotto sorveglianza il suo ufficio, l’ha fatta pedinare, ha minacciato lei e i suoi cari con metodi violenti e indicibili. Oggi Shirin Ebadi ci racconta la sua storia di coraggio e di ribellione contro un potere intenzionato a portarle via lutto – il matrimonio, gli amici, i colleghi, la casa, la carriera, persino il Premio Nobel – ma che non è riuscito a intaccare il suo spirito combattivo e la sua speranza di giustizia e di un futuro migliore: “è per amore dell’Iran e del suo popolo, delle sue potenzialità e della sua grandezza; che ho intrapreso ogni singolo passo di questo viaggio. E so che un giorno gli iraniani troveranno la loro strada per la libertà e la giustizia che meritano.” “Finché non saremo liberi” è il racconto incredibile di una donna che non si arrenderà mai, non importa quali rischi dovrà correre: un esempio per tutti, che insegna il coraggio di lottare per le proprie convinzioni.

Grazie a tutti i nostri lettori, continuate a seguirci, siete il nostro #thepinksideoflife

Isabella