Sigismondo e Isotta. Una storia d’amore

Sigismondo e Isotta, una storia d’amore di Maria Cristina Maselli, edizioni Piemme, è un affascinante affresco di storia rinascimentale con dovizia di testi e documenti dell’epoca, saldamente ancorato alle reali vicende politiche e personali di Sigismondo dei Malatesta, Signore di Rimini.

Se l’autrice, Maria Cristina Maselli, si fosse limitata a raccontare le gesta del capitano di ventura Sigismondo, come in un poema epico celebrativo, questo romanzo non avrebbe avuto quel potere evocativo e catalizzante che esercita sul lettore, rapito dalla luce di nobiltà e magnificenza splendenti alla corte malatestiana.

Esso si dimostra subito una imponente opera di ricostruzione di storia, politica, arte e letteratura cui la totalizzante e anticonformista relazione amorosa con Isotta degli Atti, figura tutta ingenuità e devozione, conferisce un significativo valore aggiunto.

Puntuali e precise citazioni del Liber Isottaeus che chiudono quasi ogni capitolo e accompagnano il racconto dell’amore che tenne avvinti per sempre Sigismondo Pandolfo de Malatestis e Isotta degli Atti:

E infatti benché la nostra città abbia molte fanciulle

Che potrebbero tentare persino gli dei

tu sola sempre sei piaciuta ai miei occhi,

tu sola hai le spoglie mortali del mio cuore.

La storia di Sigismondo e Isotta è la perfetta compenetrazione tra vita e arte, storia e romanzo in una intrigante alchimia.

Come nella miglior tradizione dell’amore cortese-cavalleresco assistiamo qui alla nobilitazione di un rude condottiero, stratega senza scrupoli e mercenario, che finisce per piegarsi sotto il giogo di Isotta che con la sua purezza d’animo e idealo lo costringe a ravvedersi e ad adottare una nuova morale. Purtroppo la ragion di stato impone scelte dolorose e difficilmente comprensibili, soprattutto in un’ottica moderna, e spesso deve sacrificare i sentimenti a una logica feroce di sopravvivenza. L’Italia del Quattrocento è lacerata da continue lotte, intervallate da mutevoli alleanze, tra la miriade di signorie locali in cui è frastagliato il potere politico mentre il Papa recita la sua parte da prepotente alla stessa stregua. Un mondo spietato, attraversato da guerre, tradimenti, crimini efferati  dove la vita degli esseri umani vale davvero poco.

Ma in mezzo a tanta crudeltà sboccia come perla rara la storia di Sigismondo e Isotta.  Questa è una storia vera, d’amore e di guerra, talmente bella e intensa che doveva essere raccontata.

Ne è diventata cantore Maria Cristina Maselli (con la sua toccante dedica a Maria Grazia Capulli, prematuramente scomparsa) e ne sono testimoni immoti ed eterni il Tempio Malatestiano e Castel Sismondo, che sono ancora lì, a Rimini, monumenti alla memoria di Sigismondo e Isotta, e che meritano senz’altro una doverosa visita in loro omaggio.

Libri in valigia: promozione Pickwick

Ciao booklovers,

l’estate di promozioni continua! Fino al 15 luglio 2017, 25% di sconto su una selezione di titoli Pickwick. Ecco quelli che abbiamo scelto di consigliarvi.

81MT-9D3UIL

Jean Perdu ha cinquant’anni e una libreria galleggiante ormeggiata sulla Senna, la “Farmacia letteraria”: per lui, infatti, ogni libro è una medicina dell’anima. Da ventun anni vive nel ricordo dell’amata Manon, arrivata a Parigi dalla Provenza e sparita all’improvviso lasciandogli soltanto una lettera, che Jean non ha mai avuto il coraggio di aprire. Ora vive solo in un palazzo abitato dai personaggi più vari: la pianista solitaria che improvvisa concerti al balcone per tutto il vicinato, il giovanissimo scrittore in crisi creativa, la bella signora malinconica tradita e abbandonata dal marito fedifrago. Per ciascuno Jean Perdu trova la cura in un libro: per tutti, salvo se stesso. Finché decide di mettersi in viaggio per cercare la donna della sua vita. Verso la Provenza e una nuova felicità.

Link per l’acquisto: Una piccola libreria a Parigi

 

91JMIPpjuxL

È l’inverno del 1943 ad Amsterdam. Mentre i cieli europei sono sempre più offuscati dal fumo delle bombe, Hanneke percorre ogni giorno, con la sua vecchia bicicletta rossa, le strade della città occupata. Ma non lo fa per gioco, come ci si aspetterebbe da una ragazzina della sua età. Hanneke è una “trovatrice”, incaricata di scovare al mercato nero beni ormai introvabili: caffè, tavolette di cioccolato, calze di nylon, piccoli pezzetti di felicità perduta. Li consegna porta a porta, e lo fa per soldi, solo per quello: non c’è tempo per essere buoni in un mondo ormai svuotato di ogni cosa. Perché Hanneke, in questa guerra, ha perso tutto. Ha perso Bas, il ragazzo che le ha dato il primo bacio, e ha perso i propri sogni. O almeno così crede. Finché un giorno una delle sue clienti, la signora Janssen, la supplica di aiutarla, e questa volta non si tratta di candele o zucchero. Si tratta di ritrovare qualcuno: la piccola Mirjam, una ragazzina ebrea che l’anziana signora nascondeva in casa sua Hanneke, contro ogni buon senso, decide di cercarla. E di ritrovare, con Mirjam, quella parte di sé che stava quasi per lasciar andare, la parte di sé in grado di sperare, di sognare, e di vivere.

Link per l’acquisto: La ragazza con la bicicletta rossa

81zXlos7S8L

Per i detrattori è “Elisabetta la Lunga”, la sovrana senza qualità particolari, dotata della sola virtù della longevità. Per la grande maggioranza degli inglesi, e anche per qualche convinto repubblicano, è l’amato e indiscusso simbolo della nazione e della grandezza del Paese. Per i media è un’icona mondiale. Chi è dunque, e chi è stata, nei novant’anni della sua vita, Elizabeth Alexandra Mary Windsor? Per rispondere a questa curiosità Antonio Caprarica, che ha avuto più occasioni d’incontrarla, ne ha esplorato la storia a partire dalla nascita nella casa londinese di Bruton Street, il 21 aprile 1926, e dall’infanzia trascorsa a Buckingham Palace insieme ai nonni, dai quali ha ereditato la parsimonia fino alla tirchieria e il maniacale rispetto della forma e dei ranghi che ancora oggi le vengono rimproverati. Ha seguito Elisabetta nei viaggi giovanili con Filippo e nelle stanze dove, ad appena ventisei anni, ha imparato l’arte di regnare. L’ha osservata nelle occasioni ufficiali e nelle crisi famigliari ricostruite attraverso le indiscrezioni di corte… Una biografia che ripercorre le cadute e i trionfi di oltre sessant’anni di regno, indaga sulla magia che circonda la monarchia britannica e narra, al tempo stesso, una favola d’altri tempi.

Link per l’acquisto: Intramontabile Elisabetta

 

61hCWll8JBL

A trentaquattro anni, Brett Bohlinger ha tutto quello che vuole: un lavoro invidiabile nell’azienda di famiglia, un loft molto trendy, un fidanzato irresistibile e una mamma affettuosissima che è anche la sua migliore amica. Perciò, quando l’adorata madre Elizabeth muore, Brett è devastata per aver perso il suo punto di riferimento. E il dolore si trasforma in rabbia nel momento in cui si ritrova anche con un pugno di mosche. Perché alla lettura del testamento, invece di nominarla nuova amministratrice della Bohlinger Cosmetici, Elizabeth le lascia soltanto una lettera. Ed è una lettera strana, che la esorta a riconsiderare la sua vita, partendo dalla “lista dei desideri” che aveva stilato da ragazzina, vent’anni prima. Solo se nell’arco di un anno realizzerà tutti gli obiettivi di allora – innamorarsi, salvare il mondo, essere felice, desideri semplici e assoluti al contempo – riceverà la sua eredità. Inizialmente riluttante, a Brett non resta che seguire le istruzioni materne: mese dopo mese, ogni volta che Brett spunta una voce della lista, riceve dal notaio una nuova lettera della mamma. Affettuosa, comprensiva, protettiva e piena di una fiducia senza riserve. Come una carezza che la spinge, fra una lacrima e un sorriso, a non mollare e ad aprirsi al domani. A scoprire l’affetto di una famiglia vera e a esplorare il terreno dei sentimenti più teneri. Perché la vita è fatta per essere vissuta, sempre.

Link per l’acquisto: La lista dei miei desideri

Dentro l’acqua di Paula Hawkins

Ciao booklovers,

oggi Rosaria Russo ci racconta uno dei thriller del momento edito Piemme.

71btJccX3IL

Quando il corpo di sua sorella Nel viene trovato in fondo al fiume di Beckford, nel nord dell’Inghilterra, Julia Abbott è costretta a fare ciò che non avrebbe mai voluto: mettere di nuovo piede nella soffocante cittadina della loro adolescenza, un luogo da cui i suoi ricordi, spezzati, confusi, a volte ambigui, l’hanno sempre tenuta lontana. Ma adesso che Nel è morta, è il momento di tornare. Di tutte le cose che Julia sa, o pensa di sapere, di sua sorella, ce n’è solo una di cui è certa davvero: Nel non si sarebbe mai buttata. Era ossessionata da quel fiume, e da tutte le donne che, negli anni, vi hanno trovato la fine – donne “scomode”, difficili, come lei -, ma mai e poi mai le avrebbe seguite. Allora qual è il segreto che l’ha trascinata con sé dentro l’acqua? E perché Julia, adesso, ha così tanta paura di essere lì, nei luoghi del suo passato? La verità, sfuggente come l’acqua, è difficile da scoprire a Beckford: è sepolta sul fondo del fiume, negli sguardi bassi dei suoi abitanti, nelle loro vite intrecciate in cui nulla è come sembra.

Questo libro l’ho cominciato con grande curiosità. Avevo letto il precedente thriller “La ragazza del treno”,  che mi aveva colpito particolarmente e ero convinta che sarebbe stato lo stesso con questo. Invece non è andata proprio così . La storia è interessante, misteriosa e ha tanti punti di vista. Gli eventi sono narrati da diversi personaggi come la sorella di Nel, la donna trovata morta nel fiume. Poi c’ è Lena, sua figlia, adolescente dal carattere forte. Sean, ispettore di polizia, un’altra poliziotta, il padre di Sean. Ma forse proprio tutti questi personaggi che raccontano mi hanno creato un po’ di confusione. Almeno all’inizio, poi col tempo imparando i loro nomi è risultato semplice capire i fatti. La storia affonda comunque le sue radici nel passato. Sia quello antico, narrato nel libro di Nel, di tantissime donne che accusate di stregoneria, o macchiate di brutti crimini, venivano gettate nel fiume, in un processo di purificazione, ma anche in un passato più recente che vede persone legate ai protagonisti.

Il tutto contornato da questo luogo, Beckford, che appare chiaro agli occhi del lettore. Ti sembra di essere lì a guardare i fatti da un punto di vista preferenziale, che ti fa scorgere ogni piccolo elemento. Questo è molto interessante e importantissimo.

Il personaggio di Julia, la protagonista, è molto enigmatico. Fin dall’inizio si comprende il suo distacco dalla città dove è cresciuta e da sua sorella. Un odio apparentemente incomprensibile, ma che pian piano verrà snocciolato al lettore e che mostrerà tutta la sua fragilità di adolescente derisa e bullizzata e anche della sua attuale difficoltà a accettare se stessa. Un percorso lungo e tortuoso da percorrere. In lei c’è però una gran voglia di comprendere quale sia la verità. Sua sorella non si è suicidata, di questo è sicura, e farà di tutto per scoprire chi sia stato a mettere fine alla sua vita.

Tornando all’uso dei diversi punti di vista, credo che abbiano influito negativamente, disperdendo il punto centrale della storia. Non abbiamo un unico filo conduttore e mentre questo da un lato rende il tutto molto più misterioso, dall’altro crea attese e aspettative e anche qualche ingarbugliamento. Nonostante tutto però, ogni nodo giungerà al pettine e non mancherà il colpo di scena finale.

Una perfetta sconosciuta

Ciao booklovers,

oggi Rosaria Russo ci racconta un thriller mozzafiato edito Piemme.

81IlwtdvKGL

Immagina che la polizia arrivi a casa tua e ti mostri una foto in cui tu – con i capelli di quel tuo rosso inconfondibile, il tuo cappotto blu – stai baciando un uomo. Peccato che quell’uomo sia stato trovato morto trentuno ore prima, e tu non ricordi di averlo mai baciato. Anzi, lo conoscevi appena. Era il tuo nuovo capo, l’uomo che ti aveva dato in gestione la galleria per conto di un misterioso proprietario. Il lavoro dei tuoi sogni: ti era sembrato troppo facile, troppo bello per essere vero. Eppure tutto era andato liscio, la galleria esisteva davvero, avevi firmato un contratto regolare. Adesso, però, guardando quella foto capisci che non c’era niente di regolare. Niente di facile. Perché là fuori qualcuno sta cercando di incastrarti, anche se non riesci a immaginare il motivo. Qualcuno che sa molte cose di te. E che forse ti è molto vicino… In questo thriller in cui nulla è come sembra, Alice Humphrey vede crollare intorno a sé, come un castello di carte, ogni certezza. Compresa quella più importante: la sua stessa innocenza.

Alice Humphrey non è  una donna come tante. Ha un padre ingombrante, famoso regista e implicato in scandali sessuali. Una madre, ex attrice, troppo accondiscendente. Un fratello, Ben, ex tossicodipendente ma mai fuori completamente dalle vecchie abitudini. Un ex fidanzato, che è  a metà  tra l’essere amico o qualcosa di più, e una migliore amica, Lily, che fa da grillo parlante.

Ha una gran voglia di farsi strada da sola, di farcela con le sue sole forze e proprio per questo accetta un lavoro capitato per caso, ma che rappresenta ciò  che ha sempre sognato di fare. Un uomo affascinante, incontrato ad una mostra le propone di gestire una piccola galleria d’arte a New York. Una proposta come questa non capita tutti i giorni e Alice la afferra subito, nonostante i mille dubbi che la attanagliano. Non immagina però  che dopo pochi giorni un poliziotto le mostrerà  una foto che la ritrae di spalle, baciare proprio quell’affascinante uomo. Peccato che è  morto, è  stata lei a trovare il cadavere e non lo abbia mai baciato.

Insomma una storia adrenalinica dove tutto scorre velocemente, ma con grande precisione. Nulla viene lasciato al caso. Ogni cosa appare come un tassello di un puzzle che prende il suo posto nel mucchio. I punti di vista si susseguono ed è  questo elemento che rende interessante ancor di più  la storia. C’è  la vicenda di Alice, la sparizione di una ragazza adolescente, e un poliziotto ossessionato da un delinquente, responsabile della morte di sua sorella ma che è  libero di continuare nelle sue malefatte.

Le tre vicende apparentemente a se stanti, sono collegate tra loro in maniera magistrale. L’autrice ha creato una trama complessa, non certo una storiella, ma riesce a barcamenarsi benissimo nella sua descrizione, senza annoiare e senza costringerti a tornare indietro per capire meglio. Anche i luoghi sono parte integrante della storia. Ti sembra di passeggiare con la protagonista per le strade di New York, di fermarti con lei a bere un caffè o mangiare un waffle. Insomma tutto perfetto o quasi, perché  se proprio devo trovare un difetto , direi che il finale è  un po’ frettoloso.  A parte questo però, se dovessi mettere un voto, un bel dieci ci starebbe tutto.

Link di acquisto: Una perfetta sconosciuta

Non guardare nell’abisso di Massimo Polidoro

Ciao booklovers,
manca poco all’atteso ritorno di Bruno Jordan con un nuovo giallo firmato Massimo Polidoro per Piemme.

13445841_1722260171378239_825320114_o.pngÈ una notte di luna piena. In un cimitero di campagna, una piccola processione guidata da un anziano sacerdote impaurito entra in una cripta. Ma non si tratta di un morboso rito esoterico: dalle profondità di una buca nascosta sotto l’altare riemergono mitragliatori, munizioni ed esplosivi. Un vero arsenale di guerra sepolto da chissà quanti anni. «Questi cambieranno ogni cosa» dice il leader del gruppo, estraendo il coltello che metterà fine alla vita del prete.
È una tranquilla mattina estiva, a Milano. Bruno Jordan esce di casa per la solita corsa nel parco: è un periodo piuttosto piatto, nella vita dell’inquieto cronista di nera, dopo le vicende che l’anno prima lo hanno portato al ritrovamento di una donna scomparsa e creduta morta da tutti. Forse anche per questo, di fronte all’irrituale e insistente richiesta di un ex senatore in pensione di aiutarlo a rintracciare la giovane nipote che non ha mai conosciuto, Jordan non riesce a resistere e accetta l’incarico. Per questo, e perché Publio Virgilio Strazzi non è un ex senatore qualunque: è uno dei nomi più quotati per l’imminente elezione a prossimo presidente della Repubblica italiana. Cominciando le indagini, però, Jordan si rende conto ben presto che l’uomo gli ha raccontato solo una parte della verità. Dietro il nonno tormentato dai rimpianti si allunga l’ombra inquietante di un complotto inimmaginabile, che affonda le sue radici negli anni più tragici e irrisolti del dopoguerra. E dietro il vicino della porta accanto potrebbe annidarsi un nemico che aspetta solo il momento giusto per seminare morte e terrore. In una crudele corsa contro il tempo, Bruno Jordan si trova di nuovo faccia a faccia con l’abisso più nero dell’animo umano: questa volta, oltre alla sua, sono in gioco molte altre vite.

13436009_1722260181378238_2018698009_n

Il thriller è in uscita il 21 giugno, ma potete già leggere le prime 30 pagine cliccando su questo link http://goo.gl/5AT15g

#NonGuardareNellAbisso #gialloestate
#savethedate21giugno

Isabella

Il Battello a Vapore

13322177_1717470718523851_7410491275787504190_nCiao booklovers,
oggi mi sono imbattuta in questa citazione anonima “TV. Se i bambini si divertono con queste due lettere, immaginate il divertimento che avranno con ventisei. Aprite l’immaginazione del vostro bambino. Aprite un libro.”
Dopo averla letta, ho pensato alla mia infanzia ed adolescenza e subito mi sono venuti in mente loro: i libri del Battello a Vapore!

Io ho acquistato da poco un romanzo, il primo di una serie che si prospetta imperdibile!

13335994_1717470831857173_3731223396010440474_nLe tribù dei draghi sono in guerra da generazioni per la successione al trono del Regno. Seguendo una misteriosa profezia, però, il gruppo di ribelli chiamato Artigli della pace è determinato a porre fine alla sanguinosa battaglia. Così cinque cuccioli di tribù diverse vengono rapiti ancora nelle loro uova, nascosti per anni in una caverna segreta e chiamati, contro la loro volontà, all’estremo sacrificio per riportare la pace. Ma quando un pericolo minaccia la più debole del gruppo, i cinque prescelti decidono di rovesciare il loro destino…

Approfittate della promozione “Drizza le antenne” : Fino al 19 Giugno, tutti i titoli della serie Arcobaleno, Bianca, Azzurra, Arancio e Rossa, e tutti i Classici, ti aspettano sugli scaffali con uno speciale sconto del 25%!
Tantissime storie per le vacanze dei più piccoli e tantissime avventure per far viaggiare con la fantasia i più grandicelli.
Scoprite tutte le storie qui: Drizza le Antenne 

Non perdete i bellissimi classici!
13325530_1717470988523824_6774672447185475377_n13325612_1717470995190490_2044857362040449334_n

Buon viaggio nel mondo della fantasia!
Isabella