Intervista ai Council

I Council sono una band composta da tre fratelli originari di Baldwinsville (NY) – Pat, Doug e Andy Reeves – che sono riusciti a fare della musica, loro grande passione, il loro lavoro. Il loro sound originale e le loro performance carismatiche hanno avuto successo a livello nazionale e avendo anche fatto da band di apertura per gruppi come gli Strumbellas, gli All American Rejects e i Kooks, si sono affermati come una delle band più promettenti del panorama musicale contemporaneo.

Noi di Pink Magazine Italia li abbiamo intervistati per voi.

Ok ragazzi iniziamo questa intervista col chiedervi come mai avete deciso di chiamare la vostra band “Council”. Personalmente lo trovo un nome originale. C’è una ragione particolare che vi ha portato a questa scelta?

Doug: Siamo felici che lo trovi originale. Credo che sia già di per se un complimento.

Pat: Stavamo cercando qualcosa che ci descrivesse e che avesse un significato. Mi sono imbattuto nella parola “council” nella Bibbia e ho amato il fatto che avesse un significato religioso e descrive appieno la nostra band: siamo un concilio, una tavola rotonda quando dobbiamo prendere delle decisioni.

Andy: Penso che Doug volesse che il nome della band fosse orecchiabile ma come ha detto Pat anche i nostri fan hanno voce in capitolo: cerchiamo di sentire ciò che dicono perché è importante per noi.

La musica è sempre stata una vostra passione e ha sempre fatto parte delle vostre vite. Quando avete deciso di impegnarvi totalmente nella musica e perché?

Andy: Fin da quando eravamo piccoli nostro padre ci faceva ascoltare la musica dalla sua collezione di dischi. La nostra passione per la musica è il frutto di ore passate ad ascoltare band come gli Who, i Queen, gli U2, Neil Diamond, Meat Loaf e tantissimi altri artisti sul 45 giri.  

Pat: Molti probabilmente non sanno che quando eravamo ragazzi non abbiamo mai suonato uno strumento o cantato. Abbiamo sempre fatto sport ma ascoltare la musica occupava gran parte del nostro tempo libero. È al college che abbiamo deciso di diventare una band. In seguito a ciò abbiamo compiuto l’ardua scelta di abbandonare gli studi per imparare a suonare da autodidatti. Ovviamente essere in grado di suonare come si deve era lontano anni luce.

Doug: Imparare da autodidatti richiede molto più tempo di quello che normalmente si pensa e non avevamo mai messo in conto il fatto che avremmo avuto bisogno di un cantante. Tuttavia, per dirla breve, alla fine siamo riusciti a raggiungere un livello di competenza tale che ci ha permesso di poterci definire una band. Abbiamo iniziato a dedicarci a tempo pieno alla band circa quattro anni fa quando abbiamo rilasciato la nostra prima canzone “Rust to Gold” e abbiamo deciso di giocare il tutto e per tutto. Continua a leggere

Il racconto di speranza dei Dik Dik

 

“Ci sarà”. I DIK DIK realizzano un videoclip con le immagini inviate dai fan

Memoria e speranza nel racconto musicale e fotografico dell’immortale band milanese

https://youtu.be/PzLkqbdYEiE

“Rifondare il nostro repertorio è un modo per rimanere vitali e carichi. Sentirsi arrivati, consolidati, spesso conduce alla fine della creatività e quindi alla morte per un’artista. Potersi stupire davanti a un suono nuovo è tutto”.

Così dichiara Pietruccio Montalbetti, uno degli storici fondatori dei DIK DIK, in occasione della pubblicazione del videoclip “Ci sarà”, singolo estratto che anticipa il nuovo album “Una vita d’avventura”, e realizzato grazie al contributo fotografico di circa 2500 fan.

In tempo di pandemia, è bastato un semplice annuncio sui social al grande pubblico della band milanese richiedendo due foto (una prima del Covid, dalla finestra, l’altra ebbra di serenità immortalante un momento pre-epidemia)

La premessa, oltre 100.000 visualizzazioni in sole 24 ore, è già – come sempre per il gruppo – l’inequivocabile indicatore del grande amore che lo lega in maniera forte al pubblico. Continua a leggere

L’unicità della musica di Mallards

Avete mai conosciuto un musicista straordinariamente unico? Uno di quelli che quando lo ascoltate nelle cuffiette, vi aiuta a stare meglio o sta male con voi, diventando subito il vostro nuovo BestFriendForever.

Vittorio Somma, in arte Mallards, è quel tipo di persona che ha avuto la capacità di rendere la propria vita il sottofondo perfetto per le sue melodie, tanto movimentate, quanto struggenti e di riuscire a catturare la mia attenzione prima con la sua musica e poi col suo sarcasmo innato.

Partiamo con l’intervista!

Ma tu… Chi sei?
Sono Vittorio, ho ventinove anni e non bevo alcool da due mesi.

Posso importunarti con qualche domanda?
Adesso sì, posso risponderti a questa intervista, ma più tardi mi dedicherò alla mia occupazione principale, ovvero contattare persone su internet per spiegargli il motivo per cui “Mean Girls” è l’opera cinematografica più importante del ventunesimo secolo. Nel tempo libero mi piace cimentarmi nella musica sotto lo pseudonimo di Mallards.

Quando hai iniziato a suonare per qualcuno fuori dalla tua camera?
Non me lo ricordo più, forse nel 2015. Ma suono (male) praticamente da sempre.
Ho un paio di band hardcore in pausa da anni, attualmente invece pesto i tamburi per gli Smashkin’, brutti ceffi con la passione dei cartoni animati e mi dedico al mio progetto da solista: Mallards.
Continua a leggere

Benvenuti a L’ANTIVIRUS!

Il programma Tv/Web ideato, diretto e condotto da Claudio Dominech, in onda su tutte le piattaforme social e online, dal lunedì al venerdì h 21, che esorta a trasformare la quarantena in un’opportunità per tutti, attraverso nuovi progetti professionali, passioni creative, o semplicemente riscoprendo gli affetti… a 1 metro di distanza!

Il format si struttura in una chiacchierata informale con personaggi celebri attivi in ogni campo: dallo spettacolo allo sport, dal sociale all’imprenditoria, dalla politica alla scienza. In videochiamata, ciascuno racconta gli aspetti positivi della propria esperienza tra le quattro mura e le occasioni che sta cogliendo durante una reclusione forzata che non fa sconti a nessuno. Un confronto “a specchio” in grado di livellare tutti sullo stesso piano. In fondo, siamo tutti nella stessa condizione!

Obiettivo della trasmissione, stimolare chi segue a non abbandonarsi alla noia e allo scoramento, ma approfittare del tempo a disposizione per fare tutto ciò di cui ognuno ha bisogno, per affrontare al meglio la situazione e ripartire di slancio quando tutto sarà finito.

Buona visione…

Tutte le puntate

https://www.youtube.com/user/ClaudioDominech/videos?view_as=subscriber

Gli Ospiti

Gianluca Mech – Imprenditore

Roberta Capua – Conduttrice e showgirl

Stefania Pinna – Conduttrice Sky Tg24

Andrea Sannino – Cantante

Emilio Fede – Giornalista

Cristina Donadio – Attrice

Vittoria e Bobo Craxi – Politico

Denny Mendez – Attrice

Sean Kanan – Actor

Sergio De Gregorio – Giornalista e Consulente

Cristian Cocco – Attore e inviato

Maurizio De Giovanni – Scrittore

Claudio Gubitosi – Presidente Giffoni Film Festival

Gianfranco Gallo – Attore

Peppino di Capri – Cantante

Gigi D’Alessio – Cantante

Rosalia Porcaro – Attrice

Carlo Verna – Presidente ODG e giornalista Rai

Maria Teresa Ruta – Conduttrice Tv

Silvano Calabrese: musicista e stilista Made In Italy

Silvano Calabrese è un giovane napoletano dalle mani d’oro che ha deciso di investire su se stesso e modellare il tessuto della vita in modo fantasioso.

“We have never looked for shortcuts. Melting passion,culture and tradition while always offering an original piece of clothing was the main reason we started this project. Our prerogative has always been the quality and craftsmanship of our clothes, produced and designed entirely in Italy.”

C’è chi sceglie un’esistenza fatta di routine giornaliera e vive in modo tranquillo, senza uscire con la punta del naso dalla propria “zona sicura” e chi, invece, affronta ogni giorno puntando il dito su un mappamondo girevole e parte all’avventura; Silvano è una persona di quest’ultimo tipo: un vero e proprio pioniere della moda, che crea abiti moderni e all’avanguardia, tenendo però sempre un occhio sul passato!

“Our product was born as handicraft product while maintaining tight the passion and craftsmanship of Neapolitan culture melted with a minimal contemporary taste. We bring the style of the classy Italian man researched and demanded all around the world mixed with an international contemporary look.”

Continua a leggere

Generazione Spice Girls

Risultato immagini per le spice girls

Era il 1994 quando sul quotidiano inglese The Stage si legge un annuncio in cui vengono selezionate ragazze per formare una band pop tutta al femminile.

Se ne presenteranno davvero a centinaia e, tra tutte, furono scelte le future e iconiche Geri Halliwell, Melanie C, Melanie B, Victoria Adams e  Emma Bunton (quest’ultima fu scelta solo dopo, in quanto la prima ragazza aveva deciso di ritirarsi).

Il loro primo singolo, Wannabe, venne pubblicato due anni dopo, il primo di tanti incredibili successi.

Ricordo che, oltre le loro musiche e la loro danza, il tutto così coinvolgente, ciò che ho davvero sempre apprezzato, era il loro modo di essere sì unite, ma comunque ognuna diversa dall’altra. Ognuna con le proprie caratteristiche che le facevano sentire così vicine e in un certo senso simili alle teenager di quella generazione e perché no: anche di questa. Continua a leggere

Diorhà è su Un Altro Pianeta!

Angela Pinto, in arte Diorhà è una cantautrice italiana dalle mille sfaccettature; dall’amore per la musica alla gioia di vivere, Diorhà mette tutta se stessa in ciò che fa e, prima di ogni altra cosa, diffonde bontà!

Ho avuto la possibilità di parlare con questa splendida donna e di ascoltare qualche aneddoto sulla sua vita: cantautrice, poetessa, volontaria per la clown terapia negli ospedali e mamma, Angela è riuscita a emozionarmi e farmi sorridere all’istante; la sua vita è impegnata in numerose attività benefiche per l’anima! Continua a leggere

Pink Magazine Italia – Inverno 2020

Un numero frizzante e leggero quello che state per leggere, con interviste, curiosità e tanto spettacolo. Abbiamo intervistato il noto conduttore TV Claudio Dominech, siamo andati a visitare la Roma del Gran Tour e abbiamo letto tanti libri. Pink Magazine Italia è sempre à la page per voi. 

Cinzia Giorgio

Editor-in-Chief

clicca qui per scaricare la tua copia gratuita: Pink Magazine Italia – Inverno 2020

Tutte le mattine del mondo di Pascal Quignard

Tutte le mattine del mondo di Pascal Quignard, una trama sulle note di un concerto per viola

Titolo: Tutte le mattine del mondo
Autore: Pascal Quignard
Genere: narrativa

Ed eccomi di nuovo a voi con un’altra delle mie recensioni… sono andata a caccia di libri un po’ particolari perché a me piace andare a scovare cose che sembrano perdute o dimenticate o semplicemente ignorate dalla massa e vi assicuro che di libri che meriterebbero di essere condivisi ce ne sono parecchi, tant’è che dalla mia ricerca ho portato a casa un bottino di tutto rispetto…

Oggi vi parlerò di Tutte le mattine del mondo, romanzo ambientato nella Francia del Seicento e scritto da Pascal Quignard, autore francese che, confesso, fino a ora non avevo mai sentito nominare, ma che, a seguito di qualche ricerca, ho scoperto avere all’attivo diversi volumi tra saggi, romanzi e ricerche erudite, nonché essere considerato come una figura di intellettuale eclettico dotato di molteplici talenti. Figlio di un insigne latinista e di un altrettanto stimato grammatico, è stato anche consigliere della prestigiosa casa editrice Gallimard grazie alla sua autorevolezza.

Eh sì, ammetto che io l’ho scoperto per caso perché i suoi libri non hanno mai, fino ad oggi, incrociato la mia strada ma devo altresì dire che è stata una fortuna poterci inciampare (perché anche per noi cacciatori e cacciatrici di libri è sempre bello essere sorpresi da autori che si incontrano quasi per caso). Continua a leggere

RUMORI. Musica e letteratura in un unico evento

“Lo senti il rumore?

Delle onde che s’infrangono sul cuore,

mentre noi due ci avviciniamo,

quando il giorno

muore?”

Non So Dirti Quando – Silvio Mauro

Lunedì 25 novembre alle 18:00 presso l’A&M Bookstore di Napoli ci sarà la prima presentazione di RUMORI, libro che il cantautore Silvio Mauro ha pubblicato con la Diogene Edizioni e che offre un approfondimento del suo album AMANTI EROI: emozioni, musica ed introspezione raccontate inchiostro su carta.

“Rumori è un’opera che merita di essere letta e divulgata, al fine di comprendere meglio, e successivamente diffondere, la sensibilità di un giovane artista che ama la musica ed il canto.”

Scrive il giornalista Fabio Pistoia sul Blog di Corigliano Calabro.

Continua a leggere