Prima l’italiano!

Come antidoto agli errori di grammatica più diffusi arriva in libreria il manuale di Vera Gheno, Prima l’italiano. Come scrivere bene, parlare meglio e non fare brutte figure (Newton Compton, Roma 2019)

Con la diffusione dei social network si è nuovamente imposta l’abitudine di usare quotidianamente la parola scritta; l’uso della lingua italiana sui social è però spesso inappropriato, sicché non mancano congiuntivi a sproposito, storpiature di vocaboli e di modi di dire, errori di ortografia e di grammatica.

Come antidoto a tutto ciò viene opportunamente in aiuto il libro di Vera Gheno, Prima l’italiano. Come scrivere bene, parlare meglio e non fare brutte figure (Newton Compton, Roma 2019): in questo testo, scorrevole e a tratti divertente, sono Infatti esaminati i più comuni errori di italiano, con una particolare attenzione al linguaggio usato su internet. Continua a leggere

La grammatica non va in vacanza!

LA GRAMMATICA NON VA IN VACANZA!

Passeggiate flemmatiche; autobus che passano con una frequenza minore; la scuola che chiude i battenti; la comunicazione che lascia lo spazio alla lenta gestualità, alle emoticons.

D’estate, si sa, tutto rallenta, anche il nostro modo di pensare, di parlare, di scrivere. Per pigrizia (e si spera solo per quella) la grammatica cede il sopravvento a qualche: “Sì, dài, il senso si coglie!”. Per pigrizia saltano le virgole. Per pigrizia i cappelli diventano capelli di paglia, il Po abbonda e straripa, erroneamente, in quasi tutte le frasi. Per pigrizia le parole non scritte si trasformano in tanti puntini di sospensione che, da essere tre, mal interpretati, mandano in tilt la comunicazione. Immaginiamo una conversazione estiva (nello specifico) in chat tra due fidanzati o tra amici, per esempio: a un certo punto un interlocutore, solo perché è in vacanza e le ferie sono sacrosante, risponde con una riga di puntini di sospensione… “perché che noia, l’ho scritto prima!” e cosa significheranno mai quei puntini? la comunicazione, a quel punto, è fortemente compromessa. Continua a leggere