Elena di Troia era davvero così bella?

Che cosa si nasconde dietro a un mito? Che cosa ci insegna ancora oggi la storia della bellissima Elena di Troia?

Nel suo coltissimo e raffinato romanzo La splendente (Feltrinelli editore) Cesare Sinatti ci conduce sulle antiche sponde del “greco mar”, come un moderno Omero, per raccontarci la storia delle storie. Una donna splendente e bella come nessuna viene alla luce e determina la storia. Ma è andata veramente così? Elena è stata davvero il pomo della discordia, la causa di una guerra sanguinosa e tremenda? La spartana Elena lega per sempre il suo destino (e il suo nome) a una città ostile e nemica, Troia.

La colpa non è di nessuno e di tutti. La bellezza non ha colpe ma solo vittime, potremmo azzardare.

Alternando capitoli in cui leggiamo di Achille, Odisseo e Penelope, Menelao e Agamennone, Elena appare quasi muta, immobile. La dea la avvolge, nessun uomo è capace di resisterle. Un’arma a doppio taglio, la bellezza di Elena, che lacera, divide e innamora. Continua a leggere

Addio a Inge Feltrinelli, la dama dei libri

Stanotte, 20 settembre 2018, Inge Feltrinelli ha dato il suo addio a un mondo che ha amato e divorato, alla soglia degli 88 anni.

Dicono che dietro a un grande uomo ci sia sempre una grande donna. In effetti la signora Feltrinelli non stravedeva per i riflettori. Eppure ne deve aver vista tanta, di Storia.

Nata nel novembre del 1930 Inge Schönthal, figlia di padre ebreo, viene salvata dalla madre che per evitare le leggi razziali allora nel pieno vigore, manda il marito in America (da cui non tornerà più, e da cui respingerà anche la figlia), e si risposa con un influente ufficiale tedesco, che protegge la bambina.

Ad Amburgo Inge diventa fotografa e giornalista: viaggia spesso in America, incontra personaggi celebri e ne cattura i momenti dietro l’obiettivo fotografico (tra i suoi scatti possiamo ricordare quelli a Greta Garbo, J.F. Kennedy, Winston Churchill, Picasso, Chagall ed Hemingway).

A New York incontra per la prima volta Giangiacomo Feltrinelli. Personaggio a dir poco contorto, miliardario, comunista e fondatore di una casa editrice.

Inge lo segue nel 1960 come moglie, arrivando in una Milano ancora provincilotta.

Feltrinelli è un inquieto, innamorato della politica e dell’attivismo, e quando nel ’69, all’inizio degli Anni di Piombo entra in clandestinità (una scelta che lo condurrà ad una tragica fine in capo a tre anni), lascia ad Inge il timone della casa editrice. Un compito certo non facile. La signora tedesca però può contare su un enorme bagaglio di esperienze internazionali, crede fermamente che “non si può fare questo mestiere per diventare ricchi, ma per far circolare le idee”. La casa editrice diventa un moderno “salotto letterario”, dove si incrociano giganti della letteratura e del pensiero, e giovani esordienti di belle speranze. Lei, la dama, la queen of publishing, tiene le fila, si ispira alle grandi case editrici tedesche come Gottfried e contribuisce a dare all’editoria milanese un respiro ben più ampio. Un po’ Virginia Woolf e un po’ Oriana Fallaci, verrebbe da pensare.

Quando lascia la direzione all’unico figlio, Carlo Fitzgerald, la Feltrinelli Editrice è florida e in salute, perfettamente lanciata verso il futuro.

Lei si ritira senza rimpianti o proteste; vuole diventare una “vecchia rompiscatole”, dice.

Ma come si può considerare rompiscatole chi ha vissuto tanto intensamente, chi ha attraversato tante tempeste e respirato per l’arte e i libri?

Come si può mai dimenticare una donna così?

La donna dei miei sogni di Nicolas Barreau

“Oggi ho incontrato la donna dei miei sogni. Era seduta al Café Flore, al mio tavolo preferito. Sfortunatamente però non era sola. Un uomo piuttosto attraente le stava accanto e le stringeva la mano. Sono un libraio, e se hai a che fare con i libri tutti i giorni, se vivi immerso nei romanzi, a un certo punto inizi a credere che nella vita possano accadere molte più cose del previsto. Forse sono un inguaribile romantico, ma chi dice che quello che capita in un libro non possa succedere anche nella realtà? Ed ecco infatti che qualcosa è successo davvero. La donna dei miei sogni si è alzata e ha lasciato un bigliettino sul mio tavolo mentre mi passava vicino. Un nome, un numero. Nient’altro. Il mio cuore ha fatto un salto. E così sono iniziate le ventiquattr’ore più eccitanti della mia vita.”

Ma quel che promette di essere un rendez-vous romantico si trasforma ben presto in una cocente delusione: il numero di telefono non si legge bene e Antoine, l’intraprendente proprietario della Librairie du Soleil a Saint-Germain-des-Prés, deve buttarsi in una rocambolesca avventura per ritrovare la donna con l’ombrello rosso che lo ha stregato.

Nicolas Barreau è nato a Parigi nel 1980 da madre tedesca e padre francese, motivo per cui è perfettamente bilingue. Ha studiato Lingue e letterature romanze alla Sorbonne, poi ha lavorato in una piccola libreria sulla Rive gauche. Ha scritto sei romanzi, tutti pubblicati da un piccolo editore tedesco che non ha potuto permettersi di lanciarli con una massiccia campagna promozionale, ma che ciononostante hanno ottenuto un ottimo successo, cresciuto sempre più soprattutto grazie al passaparola dei lettori. Gli ingredienti segreti dell’amore (Feltrinelli, 2011) è un vero e proprio caso editoriale: è stato un bestseller internazionale tradotto in 34 paesi, è rimasto per oltre quattro mesi in vetta alle classifiche italiane ed è diventato un film per ZDF. Con te fino alla fine del mondo (Feltrinelli, 2012), Una sera a Parigi (Feltrinelli, 2013), La ricetta del vero amore (Feltrinelli, 2014), prequel di Gli ingredienti segreti dell’amore, Parigi è sempre una buona idea (Feltrinelli, 2015), Il caffè dei piccoli miracoli (2017) e La donna dei miei sogni (2018; il suo esordio letterario) hanno confermato il talento di Nicolas, rendendolo uno dei giovani scrittori più amati dalle lettrici di tutto il mondo. Feltrinelli ha anche pubblicato, nella collana “Kids”, la fiaba La tigre azzurra (2016), con le illustrazioni di Simona Mulazzani.

Non è la fine del mondo!

Ciao booklovers,
Tra i bellissimi ritorni letterari di questo splendido #maggiodeilibri non poteva mancare Alessia Gazzola, dal 26 maggio in libreria.

13271673_1714405295497060_1677070154_o.pngEmma De Tessent. Eterna stagista, trentenne, carina, di buona famiglia, brillante negli studi, salda nei valori (quasi sempre).
Residenza: Roma. Per il momento – ma solo per il momento – insieme alla madre, rea di aver chiamato le figlie (Emma e Arabella) come le protagoniste di un romanzo Regency nella convinzione che avere nomi romantici sarebbe stato un punto di forza per loro (per essere sfottute, senz’altro).
Cosa non le piace: il chiasso. Le diete. La mondanità. Il rumore dell’aspirapolvere. La maleducazione.
La sua idea di felicità: bufera con folate di vento ululanti. Una candela, un divano e un plaid. Un romanzo rosa un po’ spinto, rigorosamente ambientato in epoca Regency. Un pacco di biscotti – vanno tutti bene, purché basti guardarli per dichiarare guerra alle coronarie.
Sogni proibiti: il villino con il glicine dove si rifugia sempre quando si sente giù. Un uomo che non può (non deve!) avere. Un contratto a tempo indeterminato.
A salvarla dallo stereotipo della zitella, solo l’allergia ai gatti.
Il giorno in cui la società di produzione cinematografica per cui lavora non le rinnova il contratto, Emma si sente davvero come una delle eroine romantiche dei suoi romanzi: sola, a lottare contro la sorte avversa e la fine del mondo.
Avvilita e depressa, dopo molti colloqui fallimentari trova rifugio in un negozio di vestiti per bambini, dove finisce per essere presa come assistente. E così tutto cambia.
Ma proprio quando si convince che la tempesta si sia allontanata, il passato torna a bussare alla sua porta: il mondo del cinema rivuole lei, la tenace stagista.
Deve tornare a inseguire il suo sogno oppure restare dov’è, in quel piccolo paradiso di tulle e colori pastello? E perché il famoso scrittore che aveva a lungo cercato di convincere a cederle i diritti di trasposizione cinematografica per il suo romanzo si è infine deciso a farlo? E cosa vuole da lei quell’affascinante produttore che per qualche ragione continua a ronzare intorno al negozio dove lavora?

#leggiamoleitaliane

Isabella