Il profumo del nostro animo

«La felicità non è altro che il profumo del nostro animo»

Quando entro in libreria spesso mi fermo sulla porta inspirando profondamente la magia che mi accoglie. Il profumo della carta, il sorriso del libraio, l’ordine composto che solo il silenzio sa offrire… ogni singola cosa ha il suo personale profumo. Anche le persone, specialmente quelle belle ne hanno uno tutto particolare. Senza parlare della pace che scende fin dentro l’anima. Un vero e proprio ingresso in un mondo parallelo. Non riesco ancora ad abituarmi agli e-book; certo è il futuro, ma come si può rinunciare alla carta? Al suo odore, al sentirla tra le mani pagina dopo pagina, al piacere di passare le dita sulla copertina. No, non posso. E non poteri mai rinunciare al rapporto creato con i miei librai. Risorsa preziosa! Così mi lascio spesso consigliare. Mi piace parlare con loro, hanno una luce tutta particolare negli occhi quando ti accompagnano tra gli scaffali! Ed è priorio camminando lentamente tra di essi che, al tempo, ho avuto la fortuna di entrare in contatto con l’autrice che oggi definisco “il mio tutto”. La mia perla rara. Mi ha attirato la copertina ed il titolo, libro fra tanti libri, libro che mi ha letteralmente chiamato a gran voce. Che fai? Non lo prendi? Continua a leggere

Consigli di lettura: #ScrittoinAmerica – Scrittrici americane

young women waving american flags by roger kahan

L’Usignolo, di Kristin Hannah è il romanzo che ho scelto di consigliarvi per il progetto #scrittoinamerica tema: Scrittrici americane.

La storia narrata è ambientata nella Francia occupata dai nazisti durante la seconda guerra mondiale.

Le protagoniste sono due sorelle Isabelle e Vianne Rossignol che vivono ognuna a suo modo  la guerra nel proprio Paese devastato e depredato dai tedeschi.

Gli uomini francesi sono tutti al fronte e tocca alle donne rimboccarsi le maniche per sopravvivere.

Isabelle, giovane diciottenne intrepida e forse inizialmente con una buona dose di incoscienza, inizia un percorso di ribellione che la porterà ad essere la partigiana più ricercata di Francia, “l’Usignolo” per l’appunto (ndr. la traduzione del cognome Rossignol è Usignolo). Vianne inizialmente più remissiva e sottomessa al regime, ma con un animo forte e generoso, si batterà per salvare molte vite umane.

Due sorelle, inizialmente molto distanti, che si troveranno a combattere per gli stessi ideali sentendosi alla fine inverosimilmente più vicine che mai.

Un libro bellissimo in cui l’autrice coinvolge il lettore a tal punto da farlo immergere nei luoghi e nelle situazioni senza permettergli di respirare.

Un romanzo ricco di colpi di scena, dove fino alle ultime pagine il lettore non riesce a figurarsi il finale.

Una storia realistica, storicamente ben documentata  nella quale si trova il cuore in ogni dove.

La scrittrice americana Kristin Hannah nei ringraziamenti al termine del suo libro definisce questo romanzo “un parto d’amore” e vi assicuro che dopo averlo letto non posso che darle ragione, aggiungendo che i dolori del parto il lettore li sente tutti.

Le lacrime scendono tuo malgrado, ho letto le ultime pagine con gli occhi completamente appannati

@marilenasjournal

Continua a leggere

DIEFFE EVENTS PLANNER

Per la nostra rubrica sulle donne imprenditrici, oggi vi parliamo di una società nata a Napoli nel segno delle creatività: la DIEFFE EVENTS PLANNER

La DIEFFE Events Planner è la società di eventi di Diana Dominech e Flavia Marcone. Le due socie da sempre hanno la passione per l’organizzazione di eventi e feste e da qualche anno questa passione è diventata realtà: Diana e Flavia si sono affermate con successo come organizzatrici di eventi.

Nate e cresciute entrambe a Napoli, le due socie lavorano in tutta Italia, e si sono fatte conoscere per i loro progetti innovativi e creativi ma anche per il noleggio delle attrezzature importate proprio dalla patria dei party: il Brasile. Continua a leggere

Benvenuti a L’ANTIVIRUS!

Il programma Tv/Web ideato, diretto e condotto da Claudio Dominech, in onda su tutte le piattaforme social e online, dal lunedì al venerdì h 21, che esorta a trasformare la quarantena in un’opportunità per tutti, attraverso nuovi progetti professionali, passioni creative, o semplicemente riscoprendo gli affetti… a 1 metro di distanza!

Il format si struttura in una chiacchierata informale con personaggi celebri attivi in ogni campo: dallo spettacolo allo sport, dal sociale all’imprenditoria, dalla politica alla scienza. In videochiamata, ciascuno racconta gli aspetti positivi della propria esperienza tra le quattro mura e le occasioni che sta cogliendo durante una reclusione forzata che non fa sconti a nessuno. Un confronto “a specchio” in grado di livellare tutti sullo stesso piano. In fondo, siamo tutti nella stessa condizione!

Obiettivo della trasmissione, stimolare chi segue a non abbandonarsi alla noia e allo scoramento, ma approfittare del tempo a disposizione per fare tutto ciò di cui ognuno ha bisogno, per affrontare al meglio la situazione e ripartire di slancio quando tutto sarà finito.

Buona visione…

Tutte le puntate

https://www.youtube.com/user/ClaudioDominech/videos?view_as=subscriber

Gli Ospiti

Gianluca Mech – Imprenditore

Roberta Capua – Conduttrice e showgirl

Stefania Pinna – Conduttrice Sky Tg24

Andrea Sannino – Cantante

Emilio Fede – Giornalista

Cristina Donadio – Attrice

Vittoria e Bobo Craxi – Politico

Denny Mendez – Attrice

Sean Kanan – Actor

Sergio De Gregorio – Giornalista e Consulente

Cristian Cocco – Attore e inviato

Maurizio De Giovanni – Scrittore

Claudio Gubitosi – Presidente Giffoni Film Festival

Gianfranco Gallo – Attore

Peppino di Capri – Cantante

Gigi D’Alessio – Cantante

Rosalia Porcaro – Attrice

Carlo Verna – Presidente ODG e giornalista Rai

Maria Teresa Ruta – Conduttrice Tv

L’isola dei fiori rossi di Alan Brennert

L’isola dei fiori rossi di Alan Brennert – Newton Compton Editori

Hawaii, fine Ottocento. La piccola Rachel Kalama vive serena insieme alla sua famiglia ; un nucleo numeroso e allegro: il padre marinaio, la madre che invece dedica tutto il suo tempo e le sue energie a lei e ai suoi fratelli. La vita scorre tranquilla, tutto è normale sino a quando il morbo di Hansen – più comunemente conosciuto come lebbra – s’insinua in lei distruggendole la vita e l’infanzia. Rachel, nel rispetto della legge di quel periodo, viene letteralmente strappata alla sua famiglia per essere condotta ed inserita sull’isola di Moloka’i – passata alla storia come l’isola dei lebbrosi. Continua a leggere

Generazione Spice Girls

Risultato immagini per le spice girls

Era il 1994 quando sul quotidiano inglese The Stage si legge un annuncio in cui vengono selezionate ragazze per formare una band pop tutta al femminile.

Se ne presenteranno davvero a centinaia e, tra tutte, furono scelte le future e iconiche Geri Halliwell, Melanie C, Melanie B, Victoria Adams e  Emma Bunton (quest’ultima fu scelta solo dopo, in quanto la prima ragazza aveva deciso di ritirarsi).

Il loro primo singolo, Wannabe, venne pubblicato due anni dopo, il primo di tanti incredibili successi.

Ricordo che, oltre le loro musiche e la loro danza, il tutto così coinvolgente, ciò che ho davvero sempre apprezzato, era il loro modo di essere sì unite, ma comunque ognuna diversa dall’altra. Ognuna con le proprie caratteristiche che le facevano sentire così vicine e in un certo senso simili alle teenager di quella generazione e perché no: anche di questa. Continua a leggere

Zagara

Nella stanza da letto di qualsiasi donna dovrebbe esserci un baule di legno chiuso. Come quello sopra le mansarde dei film, dove le ragnatele avviluppate negli angoli sembrano capelli di bionda lanuggine grazie ai lucernari, lacunari affrescati di sogni che profumano di fiori d’arancio.

Perché le donne sono disposte a spendere tanto per un vestito solo? Che rapporto abbiamo con l’amore?
Penso abbia a che fare con noi, con la nostra espressione, che vuole restare fedele a quel momento di compiutezza, in cui uno strascico sembra leggero ed ogni taglio ci rappresenta. Potremmo invecchiare all’istante e aggrappare gli stessi sogni lisci insieme alla pelle.

Le mode sono cambiate: gli abiti destrutturati fanno tendenza, come se l’amore tronfio non si addicesse più alla praticità di oggi. Ma io ho sempre seguito la bellezza di quello che ho toccato con mano, di tutto quello che funzionava anche se gli altri dicevano che era out. Ali di farfalle nere che nessuno vuole, tranne la notte. Continua a leggere

Tegamini: l’arte di raccontare e raccontarsi attraverso i social

Fashionblogger, bookblogger, influencer… ormai sono una realtà consolidata di cui né i produttori né i consumatori sembra possano fare più a meno. Ma è realmente così? Ho girato la domanda a Francesca Crescentini alias “Tegamini”, una delle influencer più conosciute e stimate – nel 2018 IlSole24Ore l’ha inserita tra le bookblogger italiane più influenti – che ha risposto a questa domanda e a molto altro, restituendomi l’immagine di un mondo che forse conosciamo ancora troppo poco.

Chi è Francesca Crescentini alias Tegamini, come nasce professionalmente.

Mi sono laureata alla Bocconi in “Economia per l’arte, la cultura e la comunicazione”, virando verso l’editoria durante la specializzazione. All’ultimo anno di università ho fatto uno stage in Einaudi e, dopo la laurea, sono stata confermata e sono rimasta a Torino per 4 anni. Per ragioni spiccatamente sentimentali mi sono poi trasferita a Milano, dove ho lavorato come copy in un’agenzia digital. Ho sempre pasticciato online, alimentando diverse finestrelle sul mondo e diari che mi servivano a raccontare quel che mi stava succedendo. Una versione del blog molto simile a quella di oggi è spuntata ormai dieci anni fa, quando mi sono spostata a Torino e, di fatto, ho avuto la percezione di essere diventata “grande”. C’era bisogno di uno spazio che rappresentasse e sapesse accogliere questo cambio di passo. Continua a leggere

Da oggi voglio essere felice di Valeria Benatti

Da oggi voglio essere felice di Valeria Benatti – Giunti editore

Nino è un bambino piccolo- “un mucchietto d’ossa”- sballottato come un pacco; malnutrito, malvissuto, silenzioso spettatore d’una vita nella quale sua madre Gianna, non lo vuole. Lo vorrebbe amare, ma non può. Gianna è arrabbiata, imprigionata in una vita che non le permette di dimenticare i demoni che ha incontrato e che le hanno distrutto i sogni di bambina, perchè ha poco più di 16 anni quando diventa ragazza madre. Ragazza madre, tossicodipendente, che si trascina di giorno in giorno, verso la prossima dose con una piccola ombra accanto: suo figlio.

Ma la loro maledetta routine – fortutamente – viene spezzata quando Gianna viene ricoverata per overdose e il piccolo Nino preso in custodia dagli assistenti sociali. Per la ragazza ora c’è l’obbligo di riprendere in mano la sua vita, disintossicandosi; per Nino è l’inizio di tutto: entra in una comunità dove verrà accudito e custodito come mai finora, incrocerà sguardi di altri bambini come lui, vittime di adulti e di dinamiche familiari non umanamente comprensibili… in questa struttura fatta di pareti pulite, aria, vita, quotidianità e operatori volenterosi di donare tranquillità e amore, senza chiedere nulla di viscido in cambio; Nino e il suo cuore troveranno nuova linfa per cominciare a battere ritmi non più serrati, al contrario di quando viveva in apnea emotiva, in mezzo alla caotica vita con sua madre. Continua a leggere

IN PRINCIPIO ERA IL SILENZIO

MADDALENA- Tu sei bellissimo, ti ricordi quando hai cacciato quei millantatori: “Distruggerò questo tempio e nessuno sarà in grado di ricostruirlo”, hai rovesciato i tavoli dei cambiavalute terrorizzando sacerdoti e scribi… Come ho amato la tua forza.

GESÙ – Era quello che andava fatto

MADDALENA- È lì che ti ho scelto, unico tra tutti e non posso accettare di vederti agonizzare su una croce che tuo padre stesso è stato costretto a inchiodare!

IN PRINCIPIO ERA IL SILENZIO

Un’ipotesi apocrifa per il Vangelo di Maria Maddalena

Di Roberta Calandra

Regia Antonio Serrano

Con Valentina Ghetti, Mauro Racanati

Aiuto regia Gianna Paola Scaffidi, Costumi Michela Marino, Musiche Emanuele Martorelli

 

DAL 27 FEBBRAIO AL 1 MARZO 2020

Dal martedì al sabato ore 21.00 domenica ore 18.00

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47, Roma

La figura di Maria Maddalena raccontata attraverso la tradizione apocrifa che dipinge Maddalena come discepola prediletta e immagine del Cristo stesso. Una donna straordinariamente vitale, illuminata, che aveva con Gesù una relazione profondamente intima che l’ha resa erede di un insegnamento di libertà.

Con un occhio al Marat Sade di Peter Brook e un altro a Godot, Gesù e Maddalena nel pieno di una complessa consapevolezza spirituale, come fossero diventati quello che la Storia non ha permesso, ci faranno chiedere a ogni tappa chi sono veramente: santi, barboni, vagabondi, millantatori, illusionisti, pazzi osemplici compagni di viaggio? Continua a leggere