Curvy è un modo di essere

Ricordo così bene quando il termine curvy ancora non esisteva, quando una fisicità più importante veniva definita con “grossa”, “grassa” “robusta” e parole così, ovviamente rivolte anche al genere maschile, seppure per noi donne è sempre stato un bel po’ più difficile da accettare.

Se poi alcune parole arrivano dalla nostra famiglia è ancor più difficile da comprendere che da estranei, questa è una verità.

La fisicità di una persona va al di là di ciò che noi vediamo, dietro ognuno di noi ci sono storie e vissuti differenti e non sempre quando una persona è più formosa è da intendersi che non si curi o che mangi troppo. In questo caso è ben diverso, non per questo però deve mancare il rispetto.

Sicuramente il termine curvy è una parola più deliziosa, orecchiabile e che dà importanza, però non è solo questo: è anche un modo di essere, un modo di esprimere se stessi, ciò che siamo.

Pensate un po’ se fossimo tutti biondi, o mori, o alti o bassi… Ci sarebbe una distinzione nell’individuo? O questo essere tutti uguali condizionerebbe anche il nostro carattere? Continua a leggere