L’Inganno (di nome e di fatto) – Contiene spoiler

Sinceramente non sapevo se andare a vedere l’ultimo film della Coppola. Una persona però, del cui giudizio cinematografico mi fido molto, mi ha detto: “Scusa li hai visti tutti i film della Coppola, vediti anche questo”. Ho fatto trenta facciamo trentuno, non fa una piega. Così oggi ho varcato la soglia della sala mezza buia carica di aspettative. Primo errore.
Il film inizia, e continua per un bel po’, in modo lento e cadenzato, che ti viene quasi da chiedere: “Ma la storia quando inizia?”. Mi dico che sono la solita impaziente e devo dare al tutto un po’ di tempo in più. Quanto non lo so, però dai Sofì, aspetta.
La storia ruota intorno a questo collegio femminile di una tale signora Martha (Nicole Kidman, grazie al cielo con meno botox del solito) popolato da sei ragazze di varie età che cercano riparo durante la guerra di Secessione. Le dinamiche di questa casa sono praticamente un incrocio tra “Piccole Donne” (de’ noantri) e Clara alle prese con la Signorina Rottermeier. Sarebbe forse anche un allegro andante se non fosse tutto così dannatamente lento. Comunque, la ragazzina vaga-boschi Amy trova questo caporale nordista, ferito e fuggitivo – che è the new “cornuto e mazziato” – tale Jonathan McBarney, e ovviamente lo porta spalla spalluccia al collegio. L’arrivo di un essere di genere maschile rompe tutti gli equilibri – e gli ormoni – delle giovani donne che in soldoni non vedono l’ora, in ordine, di: stare nella stessa stanza con lui, parlarci, baciarlo, trescarci, farselo in varie modalità non ben identificate. La sagra della civetta nelle sue migliori varianti.
Ora, io capisco il periodo storico in cui è ambientato, capisco la situazione in cui erano queste figlie, capisco che il caporale è Colin Farrell, però questa tirata stereotipata della ragazza/donna che (ri)scopre l’ortaggio e non ci capisce più niente sinceramente la trovo abbastanza patetica. E questo mi conduce al secondo nodo problematico: la psicologia dei personaggi. Sofia cara, non me ne sviluppi neanche mezza per caso! Io esco dal cinema e non so perchè Edwina si sente fuori posto nel collegio, non mi è chiaro perchè Jane ce l’ha con i nordisti, non ho capito perchè Amy ha la fissa per gli animalacci del bosco. Insomma, tutto molto superficiale, ecco. Non solo, alcuni snodi narrativi sono praticamente buttati lì per caso. Martha decide di amputare la gamba di Jonathan, dopo essere stato scaraventato per le scale da una gelosa (?) Edwina (una Kirsten Dunst invecchiata senza alcun senso logico), per vendetta. Peccato che di questa vendetta non se ne abbia neanche un minimo cenno perchè l’espressione, e le parole, della Kidman rimangono sempre le stesse per tutto il film. Quindi da cosa dovrei dedurre che il fatto che il caporale non è venuto da te cara Martha, ti ha portato a segargli un arto? Non è dato sapere. Dulcis in fundo, il simpatico Jonathan si arrabbia perchè non vuole fare “gamba di legno”, e comincia a spadroneggiare nella casa sparando e urlando contro le ragazze. Ma questo ovviamente non è un problema per Edwina che si concede al pazzo violento senza alcun problema, anzi quasi con gusto. Io la chiamo sindrome di Stoccolma, non so voi. Non commento il finale, per lasciare un briciolo di suspense a chi, nonostante i miei deliri, ha voglia di andarselo a vedere.
Nota positiva: la fotografia è molto bella, ne vale davvero la pena.
Insomma, l’inganno c’è, ma per chi guarda e prova a capirci qualcosa. Non andate a vederlo con grandi aspettative perchè, ahimè, non saranno soddisfatte. Poi magari voi lo adorerete e vivremo tutti felici e contenti (e ingannati).
Sofia Martuscelli

Colazione da Pink – Podcast #4

Quarto episodio per la trasmissione podcast Colazione da Pink, targata Pink Magazine. Con le voci di Riccardo Iannaccone, Fabrizio Maggi e Chiara Apicella, tra cinema, consigli, news e recensioni. In questo quarto appuntamento si parlerà di: Ritorno al futuro (con una news speciale e divertente), La Mummia, Wonder Woman e La doppia verità con Keanu Reeves.

 

Remix – Cinema, Cultura, Migrazioni al Kino di Roma

REMIX

CINEMA|CULTURA|MIGRAZIONI

II edizione

26|28 maggio 2017

Cinema KINO – Roma

(via Perugia, 34)


INGRESSO GRATUITO con tessera Arci

REMIX, rassegna cinematografica in collaborazione con il CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche che coniuga racconto cinematografico e approccio scientifico sul tema delle migrazioni e della convivenza

Proiezioni e incontri con registi e ricercatori,

tre documentari che raccontano le migrazioni

da punti di vista inediti

Dal 26 al 28 maggio si svolgerà presso il cinema KINO di Roma (via Perugia 34) la seconda edizione della rassegna REMIX, evento che intende coniugare racconto cinematografico e approccio scientifico per affrontare la sfaccettata realtà delle migrazioni e della convivenza. Il progetto è realizzato dal cinema nel quartiere Pigneto, dal DSU (Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale) e dall’ILIESI Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee del CNRTre le opere attorno alle quali ruotano proiezioni e incontri della rassegna: I Migrati, diretto da Francesco Paolucci, lo spagnolo En tierra extraña di Icíar Bollaín e Sponde. Nel sicuro sole del nord, diretto da Irene Dionisio.

Tre documentari che raccontano la percezione – e il vissuto – delle migrazioni da parte di persone comuni e si tramutano in tre occasioni di riflessione sui temi del viaggio e della mobilità umana. Un approccio che racconta i sentimenti e le scelte di vita, senza false retoriche. Perché una cultura delle migrazioni sottolinea Maria Eugenia Cadeddu si costruisce non solo con studi e dati, ma anche attraverso il racconto di storie, incontri, esperienze di quotidiana convivenza”. Ogni proiezione sarà accompagnata da un incontro fra autori dei documentari ed esperti. In questa edizione della rassegna si segnala in particolare l’autorevole presenza di Daniela Di Capua, Direttore del Servizio Centrale SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati).

Venerdì 26 maggio, alle ore 20.30 la proiezione de I Migrati, diretto da Francesco Paolucci e a seguire incontro con il regista e con Daniela Di Capua, Direttore del Servizio Centrale SPRAR. Ore 22.30, seconda proiezione. Prodotto dalla “Comunità XXIV luglio – handicappati e non” de L’Aquila, il documentario racconta il viaggio di quattro ospiti della comunità, divenuti giornalisti per l’occasione, nei paesi dell’Appennino che accolgono richiedenti asilo e rifugiati. Attraverso interviste ai migranti e agli abitanti dei luoghi visitati, discussioni e riflessioni, il risultato è un’Italia differente da quella spesso descritta dai media.

Sabato 27 maggio, sempre alle ore 20.30 e alle 22.30, proiezione del documentario spagnolo En tierra extraña, di Icíar Bollaín, che sarà discusso in sala da Iris Martín Peralta, direttore del Festival del Cinema Spagnolo, e da Maria Eugenia Cadeddu, ricercatore CNR-ILIESI. Il documentario presenta la storia di Gloria e di altri spagnoli emigrati a Edimburgo per sfuggire alla crisi economica e costruirsi una vita migliore. Attraverso la simbologia di un guanto perduto e l’opera d’arte collettiva Ni perdidos, ni callados, gli spagnoli intervistati raccontano in modo originale la loro condizione di migranti, emblematica dei flussi migratori interni all’Europa.

Ultimo appuntamento della rassegna domenica 28 maggio, alle ore 20.30 e 22.30, con la proiezione del documentario Sponde. Nel sicuro sole del nord, diretto da Irene Dionisio, che sarà presente in sala per discutere con Michele Colucci, ricercatore CNR-ISSM. A Lampedusa, Vincenzo, custode (in pensione) del cimitero, si preoccupa di seppellire i migranti vittime dei naufragi, nonostante le critiche per l’uso della croce in tombe destinate a persone non di fede cattolica. A Zarzis, in Tunisia, il postino Mohsen Lidhabi raccoglie indumenti e oggetti restituiti dal mare alla terra, a seguito di naufragi. Fra i due inizia una singolare corrispondenza.

Il cinema Kino ha creato negli anni un marchio riconosciuto nella diffusione del cinema di qualità a livello nazionale ed europeo. Il DSU è istituzione di riferimento nei migration studies e diversi Istituti ad esso afferenti sono impegnati in progetti di ricerca sulle migrazioni, promossi anche dal Ministero dell’Interno e dal Ministero del Lavoro. La rassegna Remix rientra in un progetto di collaborazione incentrato sulla relazione tra fenomeni migratori e loro rappresentazione audiovisiva, al fine di esaminare i modi in cui tali fenomeni sono narrati nella contemporaneità.


Consulenza scientifica CNR Maria Eugenia Cadeddu

Coordinamento e gestione CNR Rosanna Godi

Coordinamento generale Claudia Pecoraro


Per informazioni

KINO
via Perugia 34 – Roma

tel. 06 96525810

info@ilkino.it
www.ilkino.it