Lillian Boxfish si fa un giro di Kathleen Rooney

Lillian Boxfish si fa un giro di Kathleen Rooney (8tto Edizioni)
“Ora, mentre cammino da Grimaldi verso Delmonico’s con lo stomaco pieno di Oreo e la testa di Chianti, vedo il mio pallido riflesso nelle vetrine oscurate a cui passo davanti, e non voglio né fissarlo né spostare lo sguardo altrove. Sono semplicemente Lillian Boxfish, ottantaquattro anni od ottantacinque. Nessuno che possa contraddirmi è ancora vivo.”

New York, notte di Capodanno del 1984: la Signora Lillian Boxfish – simpatica quanto eccentrica ultraottantenne – si prepara a festeggiare l’arrivo del nuovo anno nella sua amata città, tenacemente consapevole della sua solitudine e dalla quale scaturisce l’idea di affrontare l’arrivo del nuovo, passeggiando per le strade della metropoli.

Nonostante le insistenti richieste di suo figlio di lasciare New York e di trasferirsi vicino a lui e ai suoi nipoti, Lillian non riesce a prendere questa sofferta decisione perché è legata a doppio filo alla città simbolo dell’America, sin da quando ci si trasferì negli anni Venti, dove divenne da inesperta ma caparbia e volenterosa copywriter per l’importantissimo Macy’s, a pubblicitaria donna più pagata al mondo.

Ormai i tempi dei fasti e della gloria sono finiti e a Lillian restano la forza e i ricordi che saranno i suoi  compagni di viaggio più importanti durante questa lunga notte che vivrà passeggiando e riflettendo. Ogni passo un ricordo, ogni incontro casuale e semplice sarà fonte per Lillian di trovare confronto e in qualche modo, conforto. In un intreccio perfetto tra passato e presente, nulla la intimorirà neppure la notte più buia perché Lillian ha sempre affrontato la vita con la grinta e la perspicacia graffiante che l’hanno resa unica e inimitabile… lo scoprirete anche voi, scegliendo di accompagnarla in questa lunga e bellissima passeggiata tra le strade di una New York pericolosa e affascinante.

Mi ha fatto veramente bene leggere questo romanzo, conoscere Lillian Boxfish mi ha donato tanta forza ed energia. Non si può non amare un personaggio così: schietto, sublime, eccentrico e capace di rendere chiaro il concetto (a volte sottovalutato) che le Donne sono in grado di (s)muovere il mondo e di governare e vivere la propria esistenza con eleganza, unicità realizzando i propri sogni senza temere nulla, mai…

“L’inciviltà non è l’antidoto contro l’inciviltà.”

Buona lettura e buon viaggio!

8tto Edizioni. Quattro donne, quattro realtà, un amore… per i libri

8tto Edizioni è una nuova casa editrice indipendente specializzata in narrativa inglese, fondata da quattro splendide donne che hanno unito le loro forze e si sono strette in un abbraccio umano e professionale per dare nuova linfa al mondo editoriale, proponendo i loro romanzi.

Quattro donne, quattro realtà: un solo grande amore, quello per i libri.

Alessandra, Benedetta, Cristina & Manola sono il cuore di questo progetto che ha base a Milano e ha già all’attivo la pubblicazione di due romanzi: “Da dove entra la luce” di Clare Fisher e “Talk!” di Linda Rosenkrantz .

Quando ho iniziato a fare delle ricerche per la vostra intervista, mi ha subito colpito il vostro nome, caratteristico intreccio di un numero con delle lettere. Così singolare, che non può non essere apprezzato. Cosa significa: 8tto edizioni?

I numeri vengono spesso considerati qualcosa di inaccessibile e da evitare per gli amanti della letteratura, ma è un’idea limitante. I numeri definiscono ogni cosa che ci circonda e anche noi stessi. Raccontano storie ancora inesplorate, un po’ come vogliamo fare noi di 8tto. Tra i tanti numeri abbiamo scelto 8 prima di tutto perché assomiglia molto al simbolo dell’infinito, si può tracciare più e più volte senza mai staccare la penna dal foglio. Non ha un inizio né una fine, e rappresenta pienamente i viaggi – fisici e interiori – che la letteratura offre. Inoltre 8 è un numero idoneo, potente, pratico e naturale. Oltre che un numero è un nome e indica un’identità, o molte. È il numero atomico dell’ossigeno. Ci farà respirare dentro e fuori da storie vicine o lontanissime che avranno la forza, il coraggio e la presunzione di spiegarci infinitesimi tasselli di ciò che siamo e di ciò che ci circonda. Continua a leggere