Polveri di Riccardo Taiana

POLVERI

di Riccardo Taiana

a cura di Paolo Biscottini

Il 23 marzo il Comune di Nova Milanese, Assessorato alla Cultura, ha inaugurato a Villa Vertua Masolo una nuova mostra dedicata al contemporaneo. Dopo Francesco Toniutti è stata la volta di una ricca personale di Riccardo Taiana che in quest’occasione propone, con il titolo emblematico POLVERI, una quarantina di opere di medio formato e altrettante di formato molto piccolo, dedicate al paesaggio.

Continua a leggere

Annunci

Non può piovere per sempre ma a Pasquetta sì

Oggi è Venerdì Santo e nonostante il 90% della popolazione non abbia ancora un programma per il giorno di Pasquetta, il dilemma sul da farsi si è aperto, all’incirca, appena superato quello di Capodanno.

Insomma, nessuno sa mai cosa fare, ma tutti se lo domandano. Quello che succede ogni anno, tranne in quei rari casi in cui eventi superiori si impongono con prepotenza nelle agende personali: l’ultima puntata di una serie tv, ad esempio.

Ogni marzo/aprile/maggio (Pasqua viene sempre quando le pare), la stessa storia, che suona più o meno così:

“Cosa fai a Pasquetta?”
“Non lo so, tu?”
“Non lo so neppure io. E tua sorella che fa?”
“Non lo sa. Tuo fratello invece?”
“Non lo sa. Però ha sentito che la cugina di quel suo amico fa una cosa carina.”
“Ah e cosa?”
“Non lo sa .”

Poi ci sono gli inviti social (lo spam, per intenderci):

Aspettando #Pasquetta2017
… 3 giorni di puro #DIVERTIMENTO
Pacchetto completo € 80 e comprende:

Pernottamento
Mega #PARTY
Avanzi di abbuffata pre-pasquetta
Avanzi di vino pre-pasquetta
Vomitino di fine giornata post-pasquetta

Poi c’è l’amico della braciata, quello che ogni anno propone la braciata di carne in luogo indefinito all’aperto. Quello che da una settimana prima:

Ragazzi non per mettervi pressione, ma dobbiamo organizzare il programma, scegliere il posto, stilare una lista delle persone presenti, stilare una lista della spesa, stilare una lista dei vegetariani, scegliere gli hamburger di tofu per i vegetariani, stilare una lista dei pro/contro, dividere le quote, raccogliere le quote, andare al supermercato, comprare tutto il necessario, pensare cosa fare a Capodanno.”

Poi c’è quello timido, ma non per questo meno irritante, l’amico voglio-non-voglio. Quello che non vuole fare niente, ma non vuole non fare niente (chiaro?) e quindi, a giorni alterni, gli parte il messaggio vago-indagatorio:

“Beh ma alla fine, quindi, tu che fai a Pasquetta?”

E infine c’è lui, l’amico della cosa tranquilla. Che non formula una proposta, un invito, una preferenza, o un consiglio, ma solo… UNA COSA TRANQUILLA.

“Che ne dici di una cosa tranquilla?”
“Ma una cosa tranquilla cosa?”
“Una cosa tranquilla, cioè facciamo qualcosa tranquillo.”
“Ma qualcosa tranquillo cosa?”
“Una cosa tranquilla.”

Il mio consiglio è quello di non riporre troppe aspettative in questa fantomatica giornata, non serve, davvero: rilassatevi, godetevi le feste, mangiate, divertitevi. Ma non fate programmi, non organizzate megaparty, non stalkerate gli amici per una cosa tranquilla, non comprate la carne per la megabraciata… lasciate stare tutto…

tanto piove.

 

 

Leonardo. La macchina dell’immaginazione

Leonardo. La macchina dell’immaginazione

19 aprile – 14 luglio 2019

Palazzo Reale – Milano

Per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, il Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e l’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, promuovono un’esposizione multimediale affidata a Studio Azzurro che integrando linguaggi e competenze diverse – dal video all’animazione grafica ai sistemi interattivi – ha intrapreso un percorso progettuale complesso, affiancato dalla competenza scientifica dello storico dell’arte Edoardo Villata. Continua a leggere

Amore a prima svista

Risultati immagini per amore a prima svista

Hal, interpretato da Jack Black, fa la conoscenza di un guru che lo ipnotizza con lo scopo di aiutarlo a scoprire quanto di bello ci sia in una donna meno attraente. Quando Hal incontra Rosemary, interpretata da Gwyneth Paltrow, una donna in sovrappeso e riservata, il miracolo si compie: in lei vede una donna perfetta e bellissima. Ma l’amico superficiale di Hal, Mauricio, lo risveglia dall’ipnosi, e Hal si ritrova davanti alla vera mole di Rosemary…

Immagine correlata

Per quanto questo sia un film dalla vena comica lascia un messaggio davvero importante: Hal, nonostante sia sotto una sorta di “incantesimo”, comincia davvero a essere una persona diversa e non solo grazie a Rosemary, ma anche agli amici e ai pazienti della clinica dove lei lavora. La sua visione delle cose, ma soprattutto delle persone, viene distorta in positivo anche nei confronti di altri: vede una piccola paziente diversa da ciò che è, la apprezza per la sua saggezza e la sua forza nel non sentirsi diversa, e lo stesso con il collega di Rosemary. Non capisce lì per lì come delle persone così incredibilmente belle e perfette possano avere anche un cuore così grande: lui, superficiale e insensibile come sempre è stato prima di incontrare queste persone e prima di vederle una seconda volta con i propri occhi, con il proprio modo di essere, e capire finalmente quanto in realtà prima fosse tutto sbagliato.

Consiglio questo film del 2001 per il messaggio che trasmette che riguarda la “diversità” e per la pellicola davvero divertente, emozionale e originale.

Risultati immagini per amore a prima svista

Dario Imbò. Sperimentazione e innovazione

Dario Imbò racconta ai lettori di Pink Magazine Italia della sua arte

“La spontanea dimestichezza con diverse tecniche artistiche mi ha sempre liberato da condizionamenti. Ho iniziato a utilizzare i materiali tessili nel 1996, in modo spontaneo, soltanto a posteriori mi sono chiesto il perché.

Oggi, lavorando spesso all’estero, vedo chiaramente l’influenza materica e concettuale della cultura romana e dell’Arte Povera che ho assorbito per via non accademica. Utilizzo i materiali tessili come tali e non con come supporto. Continua a leggere

Coachella fa rima con… passerella?

Coachella (pronunciato Cocella), è una cittadina nel deserto della Palm Valley, California, 210 chilometri a Est di Los Angeles della quale non si sente mai parlare tranne che ad aprile.

Coachella è infatti diventata famosa per il suo festival musicale, che soprattutto da quando sono esplosi i social, si è trasformato in un vero e proprio evento mondano frequentato dalle star del panorama internazionale ed è diventata ufficialmente la vetrina di lancio di tutti i trend dell’estate. Vi ricordate la fenicottero-mania esplosa due anni fa? Già, ha preso piede proprio dal Coachella festival del 2017.

Quindi, visto che questo week-end ha avuto luogo il festival di quest’anno, oggi vi svelo dieci curiosità sull’evento più social dell’anno. Continua a leggere

Le sorelle Marinetti

Le sorelle Marinetti:

un viaggio musicale in un’epoca che fa ancora sognare

Mai avrei immaginato di poter intervistare le sorelle Marinetti – ammetto che le amo da sempre – , quando mi si è presentata l’occasione l’ho presa al volo. Come poter dire di no a un tuffo nel passato, ormai poco recente, ma affascinante e ricco di cambiamenti sociali, politici, culturali come è stata la prima metà del Novecento? Già il palazzo da cui vengo accolta mi catapulta in quegl’anni: stile sobrio, elegante; linee pulite che trovano però il loro momento di follia nella maestosa scala centrale che è un vorticare verso l’alto, un movimento concentrico veloce, repentino, chiaro segnale dell’aria futurista che troverò appena inizierò l’intervista. Continua a leggere

Gran Gala delle Margherite

Al Gran Gala delle Margherite la collezione couture di abiti da sposa di Via della Spiga Milano

A Roma, per i trenta anni del Gran Gala delle Margherite tutto è spettacolo negli splendidi saloni dell’Hotel Excelsior, solidarietà a favore di CABSS Onlus, arte e musica con l’omaggio a Ennio Morricone e sullo sfondo per il momento Alta Moda la collezione Couture Sposa 2019/20 di Via della Spiga Milano. Continua a leggere

Gli effetti del Coachella sulla vita reale

Ed eccoci giunti anche quest’anno al momento del Coachella Valley Music and Arts Festival. Giunti in senso metaforico, io sono a casa mia. Credo anche voi.
Ma lo avrete sicuramente notato, se così non fosse (Instagram, ce l’avete?), sto parlando del tanto rinomato festival della musica che ogni anno, in California (Los Angeles per l’esattezza), riunisce le celebrità più celebri di tutte le celebrità. Continua a leggere