Les Journées Particulières de Fendi #LVMH

Maestri calzaturieri o orologiai, stilisti, gioiellieri… tutti gli artigiani sono a disposizione del pubblico, per condividere la storia e i segreti della Maison Fendi dal 12 al 14 ottobre al Palazzo della Civiltà Italiana all’Eur.

Les Journées Particulières sono l’espressione della generosità dei creatori, artigiani e talenti delle nostre Maison, mossi dal desiderio di condividere ciò che li unisce, nella diversità: l’amore per il proprio mestiere, la passione creativa e la ricerca della perfezione nell’elaborazione di prodotti ed esperienze eccezionali. Un invito a scoprire un patrimonio architettonico e culturale unico, così come i savoir-faire in cui si incontrano innovazione e tradizione”, dice Antoine Arnault, membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo LVMH.

È cominciata ieri nel palazzo della Civiltà Italiana all’Eur (sede della storica Maison romana) la rassegna Les Journées Particulières di Fendi dedicata alle maestranze della casa di moda. Un vero e proprio patrimonio storico e culturale che rende famosa la maison in tutto il mondo.

La scoperta del patrimonio e del savoir-faire  costituisce il filo conduttore delle Journées Particulières. Un laboratorio aperto al pubblico in cui si può parlare direttamente con chi rende vive e palpabili le visioni del genio di Karl Lagerfeld e non solo: sarte, artigiani del mobile (perché Fendi è anche arredamento), gioiellieri e pellettieri ci offrono l’opportunità di fare l’esperienza di una  visita in totale libertà o in compagnia di una guida della maison e di  partecipare a conferenze e dimostrazioni.

Ogni luogo riserva un percorso di visita unico e originale, immaginato dalla Maison ospite. L’obiettivo è offrire un’esperienza “immersiva” e interattiva, come quelle proposte durante i tanti workshop organizzati dagli artigiani o nelle esclusive master class con gli esperti e i designer del Gruppo LVMH. Il programma è inoltre arricchito da numerosi happening: performance, proiezioni, esplorazione di luoghi segreti, incontri inediti, workshop esclusivi.

È un’occasione unica, questa delle Journées, per poter parlare con le sarte che creano preziosi ricami e straordinari intrecci tra tessuti, pellicce e sete, farsi spiegare come nasce la pelliccia-non-pelliccia, uno dei punti di forza della collezione di Haute Couture che ha appena sfilato alla Parigi Fashion Week di settembre. O per vedere come nascono le famose scarpe e borse della Maison; la cura e la dedizione con cui i maestri pellettieri assemblano i pezzi.

Les Journées ci permettono di vivere nel cuore della moda, di entrare in uno dei palazzi dell’eccellenza italiana, che tutto il mondo ci invidia. Perché la moda non è solo ciò che vediamo in passerella, è l’insieme di arte, cultura, lavoro certosino e passione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Ricetta beauty: l’acqua di rose

L’acqua di rose è stata per tantissimi anni l’elisir di bellezza delle nostre nonne. Un rimedio antico, ma con tanti effetti benefici per la nostra pelle.

Ottima per ogni tipo di pelle, ha spiccate proprietà: purifica e tonifica il nostro viso, è ricca di vitamine C e E che contrastano i radicali liberi ossia la principale causa dell’invecchiamento della pelle.

Tempo di preparazione: 20 minuti

Occorrente:

Petali di rosa freschi

Acqua distillata

Boccetta di vetro

Preparazione

Mettere in un pentola l’acqua distillata e i petali di rosa, far bollire per 15 minuti.

Attendere che si raffreddi e filtrarla prima di mettere in boccetta.

Lasciatela riposare per una notte e il vostro elisir di bellezza sarà pronto per essere utilizzato per la vostra beauty routine.

Chantal Pistelli McClelland e la bellezza delle unicità

La bellezza delle donne è nella loro forza. La loro forza è nel loro coraggio. E di coraggio, bellezza e fascino la modella Chantal Pistelli McClelland ne ha da vendere. Conosciamola insieme…

Mi chiamo Chantal, sono italoamericana e vivo a Pisa.
Da molto tempo sto percorrendo una battaglia personale, che spero possa invece aiutare molte altre persone.
Credo fermamente nella bellezza delle unicità, a tutto ciò che da valore alle caratteristiche di ognuno. Siamo purtroppo abituati dalla moda e televisione a una bellezza stereotipata, irreale e questo porta a non accettarsi, a vergognarsi delle proprie caratteristiche fisiche.
Per molti anni mi sono nascosta, vergognata della mia situazione, vittima di pregiudizi e discriminazioni fin quando ho deciso di alzare la testa e considerare la mia caratteristica un’unicità. Da quel momento la mia vita è cambiata radicalmente.
Sono nata con un’aplasia al piede e porto una protesi da tutta una vita.
Grazie allo sport ho messo alla prova me stessa superando molti limiti, sono arrivata terza alla prima regata al mondo di Windsurf per diversamente abili, ad oggi pratico surf e snowboard e continuo ad affrontare i limiti che ogni giorno mi si presentano con determinazione e ottimismo.

Nella vita sono una modella. Modella. Punto. Senza etichette! Non sono una modella disabile, sono semplicemente una modella, perché la mia battaglia sta proprio in questo, eliminare le etichette che siamo abituati ad affibbiare alle persone: disabili, normodotati, siamo tutti semplicemente persone e ognuna con la propria meravigliosa unicità.
Essendo la mia protesi il mio personale must have non potendone farne a meno, ho deciso di valorizzarla, di renderla ancora più mia, considerandola un accessorio moda. Grazie a un caro amico artista la mia protesi è stata vestita di foglie d’oro a tema Klimt rendendola un vero e proprio pezzo d’arte non da nascondere ma bensì da esaltare.

L’arte e la moda sono un perfetto veicolo comunicativo e il concetto di bellezza può essere espresso attraverso l’esaltazione delle proprie unicità.
Mi piacerebbe essere rappresentata da un’agenzia senza etichette di genere, al momento cosa molto difficile dato che l’Italia in questo ambiente è ancora molto indietro con il concetto dell’inclusione.
Mi sto battendo per annullare l’etichetta di modella disabile, mi sto battendo per tutte quelle persone che ancora si nascondono.
Non vergognatevi delle vostre unicità, non ascoltate le voci di chi in realtà ha poco da dire, vivete a testa alta e lasciate che siano gli altri a guardare in basso.

Chantal

Fast fashion: una scelta consapevole.

 

 

Se la parola fast fashion vi fa venire in mente la parola fast food, allora ci siamo, il concetto è quello: distribuzione di un prodotto di massa in tempi veloci, a basso costo e con servizio ridotto al minimo.

Tutti almeno una volta nella vita abbiamo mangiato in un fast food. E comprato fast fashion.

Se dico, per esempio, Zara (e tutto il gruppo Inditex di Amancio Ortega composto da Stradivarius, Pull&Bear, Bershka, Oysho, etc…), H&M, Mango, Primark, Top Shop, Forever21? Ok, ora sappiamo di cosa parliamo

Cosa caratterizza questi brand? Prezzi accessibili, vasto assortimento, nuove collezioni che arrivano nei negozi ogni due settimane, somiglianza agli stili presentati dai designers alle passerelle della moda, privilegio della vendita on-line.

E fin qui, ci saltano agli occhi quelli che sono gli aspetti positivi di questo fenomeno.

Ma cosa rende questa fashion così fast, così veloce?

I tempi

In genere, il processo che va dal design della collezione, all’arrivo della collezione nei negozi, impiega circa due settimane. Ciò permette al brand di lanciare dalle dodici fino anche ventiquattro (sì, 24!) collezioni l’anno (Il «Guardian» documenta che Zara arriva a lanciare 12’000 pezzi ogni anno https://www.theguardian.com/business/2012/aug/17/zara-inditex-profits).

La collezione arriva nei negozi, mentre il brand ne sta già preparando una nuova da lanciare tra altri quindici giorni, quindi il ciclo di ricambio tra collezione e collezione è giusto di due settimane, creando nell’acquirente (noi) l’urgenza di comprare un pezzo “novità” ora e subito, prima che questo venga sostituito da quello ancora più nuovo (con la conseguenza di fare passare di moda la collezione precedente, che automaticamente diventa vecchia).

Il design

Anche il dipartimento creativo, che è il cuore e l’anima una grande maison di moda (è famosa la storia di Gianni Versace, che durante un’intervista, venendo a sapere che la giornalista si sarebbe sposata a breve, preso dall’estro, si mise a disegnare un abito da sposa per lei sul momento e a cucirlo il giorno dopo!), nei brand fast fashion pare sia ridotto al minimo, perché più che la capacità di creare moda, è richiesta quella di imitare la moda.

Designer tra i più famosi hanno citato per plagio diversi brand fast fashion perché, a pochi giorni di distanza dalla presentazione delle loro collezioni alle fashion week, nelle vetrine dei negozi fast sono spuntati cloni degli abiti che avevano sfilato in passerella (Zara e Forever21 tra i più coinvolti, come racconta il «Business Insider» https://www.businessinsider.com/zara-forever-21-fast-fashion-full-of-copycats-2018-3?IR=T). Tagliare sul costo di un dipartimento creativo (che in genere impiega mesi e pensare e disegnare una collezione), è uno dei modi che permette al brand di tenere basso il prezzo dei pezzi.

Le quantità

I brand fast fashion producono enormi quantità di ogni pezzo, perché se questo vende bene, non c’è bisogno di farlo produrre ancora (anche perché non c’è il tempo materiale, visto che mentre questo è nei negozi, nelle fabbriche si sta già producendo la collezione nuova).

Per la legge dell’economia di scala, più produci, meno spendi.

La qualità dei tessuti

Basta un giro in un negozio fast fashion, e leggendo le etichette sugli abiti, si vede che la composizione dei materiali di rado prevede 100% cotone, 100% lana, 100% seta, ma piuttosto un misto con altissima percentuale di sintetico (viscosa, elastame, poliammide…) che abbassano ulteriormente il costo del capo.

La produzione

Taglio e confezionamento dei capi avvengo in quei paesi dove la manodopera ha un costo più basso, le condizioni contrattuali per i lavoratori meno stringenti (per non dire assenti) e le normative anti-inquinamento più concessive, tipo Marocco, Turchia, Cina, Bangladesh, Vietnam, Brasile. E il costo del capo scende.

Tutto questo lo scrivo non per fare un pistolotto contro il fast fashion e invitare tutti a unirsi in una crociata di boicottaggio.

Anche io compro fast fashion, quindi sono la prima a non potermi erigere a paladina della moda sostenibile.

Ma scrivo per una questione di consapevolezza, perché quando compriamo fast fashion, sappiamo cosa stiamo portando a casa e che segmento rappresentiamo nel mercato.

A me piace seguire la moda, il fast fashion ha reso accessibili a tutti i trend lanciati dalle passerelle, cosa che prima era di appannaggio solo di pochi privilegiati.

Il cappottino a trentanove euro e novanta ha contribuito a eliminare una barriera sociale che distingueva in modo netto il ricco dal povero e questo, almeno, rappresenta un progresso sociale che era un saldo baluardo dell’Italia del dopoguerra.

Ma una cosa dobbiamo tenerla a mente: la professionalità di un designer (la stessa di quella del dentista che ci cura una carie, e quindi da lui pretendiamo capacità e competenza); la qualità di un tessuto naturale destinato a durare nel tempo; l’equità e dignità del lavoro di chi produce i capi (e che vogliamo anche per noi stessi ogni giorno) hanno un costo, e in genere è un po’ di più di trentanove euro e novanta.

Consapevolezza, dal mio punto di vista, non vuol dire boicottare la fast fashion; significa non comprare esclusivamente fast fashion.

Come Audrey Hepburn

Audrey Hepburn attrice Vintage Movies MotiChi di noi non si è mai trovata di fronte all’armadio, tra le due ante aperte, a guardare, scrutare, pensare e infine decidere (il più delle volte per nulla sicure della nostra scelta), di fretta e di furia, cosa indossare? Credo che capiti a molte, senza distinzione d’età. E per qualsiasi situazione: per il lavoro, per una riunione, per una passeggiata in centro con le amiche, per una festa, per una cena romantica, per portare al parco i bambini…

Insomma, ogni situazione mette in crisi. Perché per quanto, oberate dai tanti impegni, ci diciamo che non importa, che qualcosa di comodo ci farà stare meglio durante le nostre giornate, in realtà sappiamo che non è proprio così. Altrimenti come spiegate quegli interminabili minuti di fronte all’armadio?

Audrey Hepburn Actress Movie Woman Person

C’è anche un’altra verità, però: non tutte amiamo seguire la moda del momento, per i più svariati motivi. Può semplicemente non piacerci, oppure amiamo i nostri capi semplici e ci sentiamo a nostro agio senza dover per forza indossare gli outfit del momento. Ma non è finita qui… Cosa mi dite degli accessori da abbinare? Per non parlare del trucco che tanto ci piace ma che diventa a volte frustrante, perché richiede tempo e poi pensiamo, ci convinciamo, che non siamo capaci neppure a mettere un filo di rossetto. Eppure, sappiate che il modo c’è per essere alla moda, in tutto e per tutto, senza in realtà seguirla, questa moda. Non è solo un semplice gioco di parole e ce lo insegna un’icona di stile, una bellezza anni ’50 che era davvero fuori dagli schemi per il periodo in quanto, in realtà, le donne erano piuttosto formose e appariscenti.

La nostra beniamina di oggi è l’intramontabile Audrey Hepburn: splendida attrice, umanitaria, che ha fatto del suo stile un esempio per molte generazioni. E allora, perché non provare a seguire questo suo stile senza moda né tempo per sentirci perfette in ogni situazione, mettendo in risalto la nostra semplicità?

Di seguito alcuni semplici consigli che faranno davvero la differenza:

  • L’outfit: Audrey indossava spesso un classico tubino nero che, a differenza di come si può pensare, è perfetto per tutte le fisicità. Basta trovare il modello giusto per noi, che metta in risalto i nostri punti di forza. Per chi ha braccia esili è perfetto un modello senza maniche, per chi invece ha braccia più tornite, è perfetto un modello con maniche a tre quarti. Un’accortezza e regola che vale per tutte, e che Audrey ci ha insegnato, è di indossare sempre gonne o vestiti che arrivino appena sotto il ginocchio, e allora sì che potremo davvero fare la differenza, sempre con semplicità ma classe da vendere. Per l’inverno possiamo abbinare al nostro tubino un cappotto o un trench con cintura in vita, i due capi che davvero fanno la moda, unici e indiscussi, senza tempo.

Cary Grant Audrey Hepburn Man Woman Stars

Se invece vogliamo sentirci ancora più comode un pantalone classico e, perché no, per le più audaci, una gonna a ruota. Ma ricordate: entrambi, rigorosamente a vita alta. Saranno perfetti anch’essi per tutte le fisicità. Indossati dalle donne più morbide e formose doneranno un bell’effetto clessidra mettendo in risalto le forme prorompenti. Entrambi, sia pantaloni che gonna a ruota, potranno essere abbinati a una camicetta annodata in vita con un colletto importante, o a un semplice lupetto, proprio come tanto piacevano a Audrey.

Audrey Hepburn attrice Vintage Movies Moti

  • Gli accessori: scarpe con tacco medio, per star comode durante il giorno ma risultando comunque eleganti, da abbinare a una pochette se le indosserete per una cena importante. Oppure le ballerine, magari di un colore vivace da abbinare alla borsa a tracolla, per una passeggiata con le amiche a fare acquisti. Occhiali da sole con lenti scure e grandi e… assolutamente un filo di perle!

Beads Chain Silk Jewellery Sensual Pearl N

  • Trucco e capelli: la nostra Audrey aveva un regola ben precisa, una regola che, in effetti, ha il suo perché e che vi ripropongo. Innanzitutto non deve assolutamente mai mancare il mascara. Le ciglia devono essere lunghissime, voluminose, il risultato sarà più che soddisfacente, non avrete bisogno di molto altro. Un rossetto rosso, se gli occhi non saranno molto marcati dal trucco, un rossetto chiaro perlato se gli occhi saranno invece molto truccati. Per i capelli, invece, mi sento solo di consigliarvi una cosa: portateli corti, lunghi, scalati, fitti, con frangia o senza, ricci o lisci, solo come piacciono a voi e come vi fanno sentire bellissime. In fondo, anche in tal caso, la nostra Audrey li portava in modo unico e inconfondibile.

Ed è proprio così che dovrete sentirvi anche voi: uniche e inconfondibili.

Audrey Hepburn Attrice Vintage Movies Imma

Chanel alla #PFW

PARIS FASHION WEEK

CHANEL BY THE SEA

Karl Largerfeld ha nuovamente incantato il Grand Palace portando il mare a Paris. Una nuova spring summer collection fresca e piena di colore, non accessori essenziali e pratici come la double bag, vera novità di questa stilata!
Semplicemente favolosi gli ombrelli dipinti sugli abiti, il taglio vintage dei costumi, le cinture e i cappelli.

Marion Mestre

La storia del profumo

Foto di riserva libera di fiori, di vetro, di trasparente, di lussoUn profumo scelto con cura valorizza il nostro essere ed è proprio dal nostro essere che possiamo tornare indietro nel tempo, per scoprire come è nato. Perché la storia del profumo ha origini davvero antiche: dal latino fumum, che significa “attraverso il fumo”.
Il profumo ha da sempre numerose finalità: sacra (come poi derivante dalla sua nascita nei riti di imbalsamazione), di seduzione, di piacere, aristocratica, di identità e vitalità. Da tutto ciò possiamo davvero capire che è molto più che un vezzo e il fatto che esprima sul serio il nostro essere è una veridicità importante tramandata dai nostri avi.
L’Antico Egitto è il primo e indiscusso testimone dell’utilizzo del profumo, sempre presente nei templi e durante i rituali religiosi per purificare il corpo e la mente dei propri e cari defunti. Ma importante anche come potente arma di seduzione delle donne, dai tempi dei tempi e non solo… Pensate che i faraoni e le loro consorti utilizzavano il Kyphi, una fragranza composta anche da più di cinquanta essenze in grado di dare un senso di pace, favorendo il sonno e spazzando via le preoccupazioni quotidiane.
Tra i diversi ingredienti i più utilizzati erano il pistacchio, la menta, la cannella, il ginepro, l’incenso e la mirra che diventavano, così, anche preziosi profumi che i faraoni donavano ai sovrani alleati.

Chiara bottiglia di profumo su tessuto di pelliccia bianca
L’arte di miscelare gli aromi si diffuse anche in Occidente, in Grecia e a Roma. Fin dall’epoca Cretomicenea (1500 a.C.).
Ma fu in Oriente il vero commercio: la scoperta della distillazione dà il via al mercato dei profumi. E nonostante gli Arabi non siano gli inventori di questa tecnica, l’hanno comunque raffinata e diffusa.
Il primo profumo moderno in soluzione alcolica fu preparato in Ungheria nel 1370 da un monaco esperto di chimica. Il profumo, noto come Eau de Hongrie (Acqua Ungherese), era un estratto di rosmarino, timo e lavanda.
Nel Rinascimento l’arte della profumeria si sviluppò ulteriormente: la chimica sostituì definitivamente l’alchimia migliorando la distillazione e la qualità delle essenze e portando i profumieri del Rinascimento spagnoli e italiani a essere dei grandi profumieri.

Foto di riserva libera di vetro, bottiglia, contenitore, profumo
Nel 1600 nasce l’Acqua di Colonia. Secondo alcuni il suo “inventore” fu Gian Paolo Feminis, originario di Santa Maria Maggiore, cittadina della Val Vigezzo. In origine venditore ambulante, Feminis inventa e produce una sostanza che porterà davvero a cambiamenti significativi: l’Aqua Mirabilis (Acqua Mirabile, dicitura generica per indicare una categoria di acque contenenti sostanze differenti al loro interno).
Nell’Ottocento, poi, una scoperta rivoluziona ulteriormente il mondo dei profumi: la sintesi dell’urea ( ciclo metabolico presente negli organismi ureotelici (es. mammiferi) volto a trasformare l’ammoniaca (altamente tossica) in urea, affinché possa essere eliminata con le urine), ottenuta da Friedrich Wöhler nel 1828. Questa scoperta dà l’avvio alla chimica organica, contribuendo all’evoluzione della profumeria attraverso l’utilizzo degli aldeidi, elementi sintetici che aumentano all’infinito la possibilità di disporre di diverse profumazioni. Componenti naturali e prodotti di sintesi sono poi uniti a sostanze chiamate fissatori, che hanno il compito di “amalgamare” il profumo alla pelle. I fissatori hanno caratteristiche particolari, tra cui quelle di essere poco volatili, incolori, solubili nell’alcol e negli oli essenziali.
Nasce così la profumeria moderna.

Quattro bottiglie di vetro profumate assortite
Conosciamo qualche piccolo trucco o dettaglio su come acquistare la profumazione adatta a noi.
Per prima cosa è importante sapere che vi sono tre diversi tipi di profumazioni:

  • Gli Eau de parfum, profumi creati dalle grandi firme che sono dei veri e propri gioielli, sia nella loro preparazione che per le boccette finemente lavorate che li contengono. Le loro fragranze sono decisamente forti, particolari e indimenticabili a tal punto da diventare dei veri e propri must. Sono adatti a ogni età: dalle profumazioni fresche e fruttate, a quelle più forti e decise. La scelta giusta sta solo nella propria personalità. Affidarsi al nostro gusto personale risulta certamente la scelta giusta.
  • Gli Eau de toilette, invece, sono profumazioni sicuramente meno forti e decise. A differenza dei profumi creati dalle grandi firme, la loro fragranza si disperde nel tempo e sulla nostra pelle, durante il passare delle ore, sarà sempre meno accentuata. Io li trovo alleati perfetti durante l’estate, in quanto danno alla pelle un vero e proprio senso di freschezza.
  • L’Acqua di colonia, a differenza dei primi due, è usata principalmente dagli uomini e, solitamente, ha una fragranza più muschiata e legnosa. Anche se negli ultimi anni è tanto apprezzata anche dalle donne, in quanto spesso pensata per entrambi. Una sorta di profumazione unisex perfetta in tutte le stagioni, proprio come i profumi delle grandi firme.
    Spesso si parla del PH della pelle, di come un profumo, lo stesso profumo, possa risultare differente da una persona a un’altra. In verità questo mito è stato un pochino sfatato: ciò che davvero fa sì che la stessa profumazione cambi un po’ è la levigatezza della pelle. Se tendiamo ad avere la pelle un po’ più secca anche il profumo più deciso può risultare differente in quanto non viene ben assorbito. Invece su una pelle più liscia e morbida l’effetto sarà molto più intenso e duraturo.

Quale profumazione vi rappresenta di più?

L’eleganza di Carlo Alberto Terranova al Fashion Show

L’eleganza e la tradizione del grande Carlo Alberto Terranova sono la punta di diamante del Fashion Show, che si terrà domenica 23 Settembre 2018 presso la stupenda Sala Liberty sita a Milano in Via Clerici 10, a pochi passi da Piazza Duomo. Il noto stilista definito “Il delfino del sarto napoletano Fausto Sarli”, special guest della serata, porta nelle passerelle milanesi il marchio “Sari New Land”, testimonial del brand la bellissima Angela Tuccia.

Carlo Alberto Terranova porta alla luce la grande tradizione del suo grande Maestro Sarli, che ancor oggi rivive nelle sue collezioni, un incontro che gli ha cambiato la vita e che ancor oggi commuove lo stilista.

La sua storia è musica, come egli stesso definisce, approda nella moda, muovendo i primi passi, occupandosi delle scelte musicali legati alle passerelle del grande Maestro, i suoi primi incarichi furono legati alla scelta delle musiche e agli effetti luce in passerella per poi diventare responsabile di tutta la comunicazione del marchio.  A distanza di anni giunge il momento fatidico, in cui il confronto e le affinità con il Grande Sarli Lo portarono a condurre la direzione artistica della stessa Maison, una sintonia ed un rispetto autentico tra i due inalterabile nel tempo, tanto da identificare in Carlo Alberto Terranova l’unico erede del Grande Maestro.

In lui tutto lo ricorda, come, il suo concetto di donna che rispecchia l’immagine di una donna raffinata ed essenziale e secondo una sua visione: il compito di chi fa moda è di rendere un capo oltre che bello unico e confortevole, un binomio che garantisce un immagine di classe e vincente.

Questa stasera nel cuore di Milano, una splendida occasione per apprezzare ed ammirare quell’eleganza che ricorda l’intramontabile Fausto Sarli.

Gabriella Chiarappa

Ricetta beauty: maschera alla banana

Dolce, gustosa, delicata la reginetta del potassio: la banana oggi è la protagonista della mostra maschera di bellezza: è ricca di carboidrati, vitamine e oli naturali che aiutano la nostra pelle ad avere un’idratazione perfetta.

Difficoltà: facile

Preparazione: 5 minuti

Occorrente:

1 banana matura

1ciotola

Preparazione :

Tagliate la banana e con una forchetta schiacciate fino a ottenere un composto omogeneo.

Applicazione:

Direttamente con le mani o con l’aiuto di un pennello applicate la maschera su tutto il viso, lasciatela in posa per 25 minuti e risciacquate con acqua tiepida.

La vostra pelle ora è morbida e vellutata!

Attendo i vostri commenti, provate a farla voi e fatemi sapere cosa ne pensate!!

Labbra in primo piano

Le labbra sono le protagoniste dell’estate, quando la pelle del viso abbronzata veste il nostro sorriso di una nuova luce. Allora divertiamoci a truccarle in modo impeccabile, ma anche prepararle correttamente.

Se siete ancora al mare non dimenticate mai di applicare uno stick con protezione totale sulle labbra per evitare che si scottino al sole. La sera prima di andare a dormire applicate uno stick al burro di karité che le renderà morbide e a prova di bacio.

Per quanto riguarda la scelta del rossetto il colore must per risaltare abbronzatura è l’arancio perfetto sia per le bionde che per le brune.

Se sei stravagante e ti piace sperimentare applica un rossetto mat rosa shocking, mentre se non vuoi dare troppo nell’occhio applica un gloss con pigmenti perlati che renderà il tuo sorriso scintillante.

E tu con che colore preferisci vestire le tue labbra? Sono curiosa di sapere cosa ne pensi. Scrivici!