Tutti i libri di Marilyn

Marilyn Monroe è nata il 1 Giugno del 1926, quest’anno avrebbe compiuto novantaquattro anni, se non fosse stata trovata morta il 4 Agosto del 1962. Conservo tra i miei libri una sua immagine iconica, quella scattata da Eve Arnold, una delle più grandi fotografe del ‘900 e la prima donna ad entrare nell’agenzia Magnum, dove Marilyn, all’anagrafe Norma Jeane Mortenson, è ritratta seduta in un parco intenta a leggere l’Ulisse di James Joyce. 

È il 1955, Eve e Marilyn sono a Long Island per un servizio fotografico. La fotoreporter le chiese cosa stesse leggendo per farsi un’idea di come la diva passasse il tempo. Marilyn rispose che aveva l’Ulisse di Joyce in macchina e che lo aveva iniziato a leggere già da molto. Quando si fermarono in un parco giochi per iniziare lo shooting, Marilyn tirò fuori il libro e si mise a leggere mentre Eve preparava la macchina fotografica: 

Stavamo lavorando sulla spiaggia di Long Island. Lei stava facendo visita al poeta Norman Rosten… Le chiesi che stava leggendo quando passai a prenderla (volevo farmi un’idea di come occupasse il suo tempo libero). Mi disse che teneva l’Ulisse in macchina e che lo stava leggendo da molto tempo. Disse che le piaceva il suono e che se lo leggeva a se stessa, ad alta voce, per dare un senso a quelle parole, ma faceva fatica ad andare avanti. Non riusciva a leggerlo continuativamente. Quando poi ci fermammo più avanti per fare delle foto, prese il libro e cominciò a leggerlo, mentre io caricavo la pellicola. Così, ovviamente, la fotografai. C’era sempre una certa collaborazione, uno sforzo comune tra fotografo e soggetto, ma quella volta fu un’idea sua. Continua a leggere

Lucy Maud Montgomery: la storia dell’autrice di Anna dai capelli rossi

Lucy Maud Montgomery: vita e opere

Il 30 novembre 1874, nacque in Canada Lucy Maud Montgomery. Fu autrice di molti libri per l’infanzia di grandissimo successo, ma noi la ricordiamo soprattutto per Anna dai capelli rossi, pubblicato nel 1908. Seguirono poi una serie di altri romanzi con la stessa protagonista. Il luogo dove erano ambientate le storie della dolcissima e indimenticabile Anna era l’Isola del Principe Edoardo, dove nacque la stessa Lucy Maud Montgomery. L’isola si trova nel Golfo di San Lorenzo, davanti alla costa orientale del Canada. Grazie al successo dei suoi libri, molti luoghi dell’isola divennero mete turistiche per i lettori e fan di Anna dai capelli rossi.
Lucy Maud Montgomery rimase orfana di madre a neanche due anni, e il padre la lasciò ai genitori materni che le diedero un’educazione piuttosto severa, esperienza che la portò a creare il personaggio dell’orfana Anna. Cominciò a scrivere già da ragazzina: i suoi primi racconti furono pubblicati a ventidue anni, quando lavorava come insegnante. Continua a leggere

Tutte le volte che ho detto Ti Amo – Intervista a Sara Gazzini

Tutte le volte che ho detto Ti Amo: il manuale degli errori di SARA GAZZINI (Harper Collins)

“Ti lascio perché ti amo troppo”, “Non ti merito”, “Ho bisogno di un periodo di pausa”… quant’è volte abbiamo sentito queste frasi? Se non rivolte direttamente a noi, le abbiamo sentite da qualche amica in lacrime. In amore, si sa, non esistono regole, la scorrettezza regna sovrana, e sbagliare è umano. Si può provare a non sbagliare più? Si può leggere un manuale che ci indichi come provare a non fare più errori? (o almeno a non fare sempre gli stessi). Sara Gazzini riesce a indicarci una via nel suo manuale Tutte le volte che ho detto ti amo, in libreria e negli store online dal 21 maggio 2020 per la Harper Collins.

Per quanto possiamo essere diversi, uomini e donne si trovano ad affrontare delle costanti universali: alcune sono immutabili fin dai tempi della Preistoria, come: “Uomini e donne sono due mondi paralleli destinati a non incontrarsi mai. Mondi lontani, fatti per amarsi ma non per capirsi”. Non è forse vero che si dice che gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere?

Altre costanti sono cambiate con le evoluzioni tecnologiche e comunicative, dai geroglifici a WhatsApp: “Dio, WhatsApp. Quanto impegno per codificare tutte le spunte e capirne i contenuti. Son dettagli, dite voi? No. Sono problemi”.

Con questo libro Sara Gazzini, La Gazza, ci mostra le costanti dell’amore tra leggi universali e ricordi personali. Lo fa con ironia, spaziando dalle sue disavventure sentimentali a Candy Candy e i suoi dubbi in fatto di ragazzi, passando per le regole dell’amore ai tempi dei social network, facendoci sorridere e arrivando a commuoverci.

Tutte le volte che ho detto ti amo è un perfetto e ironico manuale sull’amore e sugli sbagli che ci porta a fare. Un libro irresistibile che ci ricorda che amare è anche sbagliare, spesso soffrire, ma poi ripartire, pronte a vivere e a sbagliare ancora. Perché di amare, comunque, vale sempre la pena. Perché amare è una cosa di cui vantarsi.

Abbiamo chiesto a Sara la genesi del suo manuale d’amore e di svelarci in anteprima qualche piccolo segreto. Continua a leggere

Il mistero della Bella Addormentata

La storia che sto per raccontarvi ci porta a Friburgo – nella foresta nera in Germania – nel piccolo cimitero monumentale del paese che è stato luogo di sepoltura dei suoi cittadini per oltre 200 anni (dal 1683 al 1872); mentre ora è un vero e proprio monumento storico e naturale.


Proprio quest’ultima sembra proteggere il camposanto silenzioso e maestoso al tempo stesso, custode di ricordi, dolore e del mistero della tomba della Bella Addormentata, Caroline Catherine Walter, che riposa nel suo giaciglio eterno da oltre 150 anni.


Caroline nasce nel 1850, ma rimane orfana presto di entrambi i genitori; accanto a lei ha solo la sorella maggiore Selma. Le bambine dopo il grave lutto che le ha colpite, vengono affidate alla nonna che abita proprio a Friburgo. Crescono serene, forti, unite e Caroline diventa sempre più bella.

Selma si sposa e la giovane sorellina la segue, andando a vivere con lei e il suo neomarito. Sembra tutto perfetto, nella loro quotidianeità le sorelle Walter credono di poter restare l’una accanto all’altra per sempre; ma nell’estate del 1867 Caroline, a soli 17 anni, contrae la tubercolosi e muore poco tempo dopo.
Selma è distrutta dall’ennesima insuperabile disgrazia che l’ha colpita; non riesce ad accettare la morte di Caroline e il suo destino.

Continua a leggere

Pazze di libertà di Silvia Meconcelli

Pazze di libertà di Silvia Meconcelli – Alter Ego Edizioni

“Non ci lasciavano fare niente, ci lasciavano inattive, impotenti, fiacche. Volevano renderci tutte uguali, toglierci la nostra identità, uccidere la nostra anima. Nasconderci dal mondo, cancellarci. Donne sole, donne inutili, ecco come ci volevano far sentire. Ci avevano detto che eravamo isteriche e malinconiche, ma eravamo solamente un po’ fragili e insicure.”

Maria è bella, giovane e ricca, ha tutta la vita dinnanzi a sé. Ma quando apre gli occhi non riconosce i suoni, i luoghi e gli odori che la investono. Non è più nella sua bella camera accogliente dove vive un’esistenza agiata e protetta, ma si ritrova stordita e confusa, legata al letto di un ospedale psichiatrico che di colpo la catapulta in una realtà lontana anni luce da tutto il suo vissuto. Continua a leggere

Alice di Battenberg, Principessa temeraria

La storia che vi sto per raccontare potrebbe iniziare tranquillamente con il più classico degli incipit:

“C’era una volta, in un castello coperto di neve e silenzio, una bambina dolce e bellissima…”. Il suo nome è Vittoria Alice Elisabetta Giulia Maria di Battenberg, ma per tutti sarà sempre e solo Alice, Principessa di Battenberg.

Alice cresce in una delle famiglie aristocratiche più importanti di tutta l’Europa, la sua bisnonna materna è la famosissima Regina Vittoria, sovrana del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda, Imperatrice d’India e dal suo lunghissimo regno verrà denominata un’epoca. Le sorelle di sua madre sono: l’ultima zarina Alessandra di Russia e la martire granduchessa Elisabetta Feodorovna; mentre suo nonno paterno è il Principe Alessandro d’Assia e del Reno – progenitore della famiglia di Battenberg, che successivamente diverrà Mountbatten (su esplicita richiesta del re Giorgio V, il quale chiese di anglicizzare il cognome, a causa dei forti sentimenti anti-germanici che aleggiavano nel Regno Unito). Tra i suoi discendenti si annoverano i nomi del calibro del Principe Filippo di Edimburgo e di Juan Carlos, Re di Spagna. Continua a leggere

Pietre preziose fra storia, leggende e curiosità: i diamanti

Fin da piccola ho subito l’attrazione delle pietre preziose, il loro sfavillio mi ha praticamente stregata già nella culla o, più probabilmente, i miei genitori mi hanno trasmesso questa Passione direttamente nel DNA. Comunque stia la cosa credo non sia di rilevante importanza perché, ho comunque deciso che vi parlerò di pietre preziose a tutto tondo cominciando dal “Re delle gemme” sua Maestà il diamante.

Considerato da millenni la gemma più preziosa -pensate che già Kautilya, l’Omero sanscrita, nel suo testo di “economia politica” Arthasastra, circa 6000 anni fa parlava del commercio dei diamanti- il diamante è una gemma di una purezza tale da essere totalmente priva di colore, trasparente come l’acqua, ha il potere di riflettere la luce a tal punto che brilla di mille minuscole sfaccettature piene di colori luminosissimi.

Per esattezza è bene dire che non tutti i diamanti sono trasparenti, alcuni possono avere delle colorazioni che dal giallo pallido giungono fino al marrone, varie sfumature di blu che vanno fino al violetto, sfumature di verde, arancio, rosa, diamanti neri e rarissimi (introvabili) diamanti rossi. Continua a leggere

Teodora e Galla Placidia a Ravenna

L’intraprendente Teodora e la nobilissima Galla Placidia nei mosaici di Ravenna

Ravenna è tra i siti italiani Patrimonio Unesco per la sua arte paleocristiana e i mosaici. Di fatto, le testimonianze artistiche ravennate mostrano uno stile peculiare nell’architettura, nella scultura su avorio e nell’arte musiva. In particolare Ravenna è ben nota per la ricca produzione di mosaici di gran pregio, un’attività di origine antichissima, risalente alla tradizione ellenistico-romana,  e che raggiunse la sua più fulgida espressione in epoca bizantina, nell’età di Teodorico.

Ci si può smarrire nello stupore della bellezza delle opere musive che è possibile ammirare in molti dei principali siti monumentali della città, tuttavia per non perderci in tour lungo e dispersivo, vorrei concentrare l’attenzione su due esempi emblematici di mosaico, che hanno in comune non solo la tecnica artistica ma anche due donne. Non si tratta di donne comuni, le loro azioni sono rimaste nella storia e le loro committenze le hanno rese immortali: mi riferisco all’imperatrice Teodora e alla principessa Galla Placidia.

Al margine nord occidentale del centro storico di Ravenna, non lontana da Porta Adriana, troviamo il complesso monumentale del Mausoleo di Galla Placidia e della Basilica di San Vitale dove si trova il mosaico di Teodora. Pare che Klimt si sia ispirato all’immagine dell’imperatrice di Bisanzio per il “Ritratto di Adele Bloch-Bauer”: vero o meno, Teodora nelle decorazioni di San Vitale è sicuramente iconica. Nella basilica dedicata al martire San Vitale che – secondo la leggenda – qui aveva subito il martirio, oltre alla cupola affrescata secondo il gusto barocco e il labirinto della pavimentazione, a rendere mozzafiato l’interno sono i mosaici bizantini che decorano l’abside. Tra gli innumerevoli dettagli che rendono unica questa decorazione musiva spicca la celebre rappresentazione del corteo di Teodora, visibile nella parte inferiore della parete destra, di fronte a quello del marito Giustiniano.

Continua a leggere

Happy Birthday, Sua Maestà!

Tanti auguri, Queen Elizabeth II

Che poi dico io, seconda a chi? Compi gli anni lo stesso giorno della fondazione di Roma, sicura sicura che non hai spento le prime candeline con Romolo e Remo?

Tu sei la Regina per eccellenza, la più longeva e la più amata, sei l’ultima della tua specie.

Indossi la Corona delle Corone, simbolo di dominio e potenza che attraversa i secoli. Siedi da sempre con eleganza e rispetto sul trono più difficile che la storia ci ricordi e al cui confronto quello “di Spade”, sembra quello del regno fatato di Barbie Raperonzolo!

Hai visto l’evoluzione umana e sociale del tuo popolo, sopravvivendo a conflitti, crisi diplomatiche e così tanti scandali, che neppure il miglior sceneggiatore della soap opera Beautiful, riuscirebbe a ideare. Continua a leggere

DIEFFE EVENTS PLANNER

Per la nostra rubrica sulle donne imprenditrici, oggi vi parliamo di una società nata a Napoli nel segno delle creatività: la DIEFFE EVENTS PLANNER

La DIEFFE Events Planner è la società di eventi di Diana Dominech e Flavia Marcone. Le due socie da sempre hanno la passione per l’organizzazione di eventi e feste e da qualche anno questa passione è diventata realtà: Diana e Flavia si sono affermate con successo come organizzatrici di eventi.

Nate e cresciute entrambe a Napoli, le due socie lavorano in tutta Italia, e si sono fatte conoscere per i loro progetti innovativi e creativi ma anche per il noleggio delle attrezzature importate proprio dalla patria dei party: il Brasile. Continua a leggere