Netflix: un autunno pieno di novità!

«L’estate sta finendo, e un anno se ne va…», cantavano i Righeira negli anni Ottanta. Se anche voi vi state già proiettando verso fresche serate autunnali, fatte di felpe calde e tazze di tè, di colori avvolgenti e temperature miti e un buon film da vedere dopo cena, sappiate che Netflix ha in programma per settembre, ottobre e novembre una sfilza di nuove uscite che accontenteranno tutti.

Per esempio, dal 6 settembre prende il via la seconda stagione di Élite, serie tv spagnola a metà tra il teen drama e il thriller che annovera tra i protagonisti molti degli attori già visti (e amati) in La casa di carta: imperdibile questa seconda parte per seguire gli sviluppi sull’indagine dell’omicidio avvenuto nella prima stagione, e non faccio altri spoiler. Continua a leggere

Annunci

Paul e Joanne: una storia d’amore lunga una vita

Chi non ricorda gli occhi di ghiaccio del bellissimo Paul Newman? L’attore dallo sguardo magnetico e dal fascino immortale, a più di dieci anni dalla sua morte (avvenuta per un cancro ai polmoni nel 2008) rimane impresso nell’immaginario collettivo come uno degli uomini più belli e talentuosi dello showbiz americano. Continua a leggere

House Trends 2.0

Il nuovo trend per la casa: arredamenti unici e personalizzati recuperando le antichità.

Impatto ambientale, costi e qualità sono i nuovi motori nell’arredamento delle nostre case. Mobili e oggetti di seconda mano non solo una tendenza di moda, ma un cambiamento consapevole con un importante impatto ambientale.

Se la moda  vintage ha fatto da apripista anche alle nuove tendenze di arredamento, con il vintage fashion è stato dimostrato che qualità e ecosostenibilità sono ormai irrinunciabili anche per quanto concerne l’arredamento; inoltre, alcuni studi sull’impatto ambientale delle nostre abitazioni sostiene che almeno il 20% dell’inquinamento deriva dai nostri arredi e accessori. Pertanto, i cosiddetti mobili antichi, il loro ripristino e nuovo uso, oltre a rappresentare una personalizzazione  della propria abitazione, costituiscono anche un limite all’inquinamento e favorisce la protezione ambientale. Continua a leggere

Tra i vigneti del Chianti: il Castello dei Rampolla

Siamo andati a visitare l’azienda vinicola del Castello dei Rampolla, i cui vigneti si trovano nella splendida Conca d’Oro, presso la località di Panzano.

Siamo in Toscana, nel cuore del territorio del Chianti, e in particolare nella zona di Santa Lucia in Faulle: secondo la tradizione, si tratta infatti di una santa che favorisce la rinascita della terra e delle uve dopo i rigori del periodo invernale.

Ci accoglie con squisita gentilezza Maurizia Di Napoli Rampolla, che insieme al fratello Luca gestisce l’azienda vinicola, con i suoi numerosi dipendenti. Il fondatore della tenuta è stato il padre, il principe Alceo Di Napoli Rampolla: nel 1964 ha deciso di trasformare questa magnifica proprietà in Toscana, che appartiene alla famiglia fin dal Settecento, in una moderna azienda vinicola.

Il principe Alceo è stato tra i primi a introdurre le uve Cabernet Sauvignon nell’area del Chianti, producendo anche vino cosiddetto “SuperTuscan”, ossia realizzato in prevalenza non con l’autoctona uva Sangiovese ma con uve Cabernet (coltivate però sul fertile terreno toscano). Grazie al principe Alceo è nato così il “Sammarco”, un vino eccellente ottenuto con il 90% di uve Cabernet Sauvignon, il 5% di Sangiovese e il 5% di Merlot. Continua a leggere

Dex Pascal: dalla Sicilia con furore!

Fabio Aiello, in arte Dex Pascal, è un giovane cantautore siciliano originario di Partanna.

Fin dalla più tenera età, Dex ha amato la musica ed a 17 anni ha imparato a suonare la chitarra elettrica da autodidatta, così da poter creare corposi sound per le sue prime canzoni, rifacendosi principalmente al grunge dei Nirvana e degli Offspring.

Il suo vero e proprio percorso artistico ha avuto inizio con i Blackout, una alternative band che lo vede impegnato con il fratello (leader) e con cui suona rock a numerosi festival siciliani.

Negli ultimi anni, l’approccio alla chitarra acustica ha completamente stravolto il suo timbro musicale: ispirandosi ad artisti attuali come Mannarino e Max Gazzè, senza tralasciare le influenze dei “big” italiani del passato, i suoi testi parlano di ciò che prova e della società sbagliata in cui vive, venendo messi in scena da sapienti melodie. Continua a leggere

Non sei mia moglie!


Maria Doyle Kennedy alias Caterina d’Aragona (The Tudors)

La storia di Caterina d’Aragona

Nel Cinquecento Caterina d’Aragona, figlia di Ferdinando d’Aragona e Isabella di Castiglia, incarnava appieno lo spirito della cristianità e del decoro, la moglie perfetta per il principe Arturo, futuro re d’Inghilterra.

Si dice che una vita priva di scelte sia qualcosa di riposante, e in questo caso chi poteva essere più riposata di una regina a cui veniva chiesto unicamente di onorare il marito, generare figli e pregare? Caterina sembrava pronta a compiere il suo dovere e tutti attendevano grandi cose da questa unione. Si dice anche un’altra cosa, però, ovvero che la vita sia quello che succede quando si è impegnati in altri progetti: questo matrimonio fu piuttosto breve, a cinque mesi e un giorno dalle nozze Arturo morì, lasciando una vedova di sedici anni vergine e lontana dalla famiglia. Continua a leggere

Dress Code: differenza tra Black Tie e White Tie

Facciamo chiarezza. Qual è la differenza tra un evento che richiede il White Tie Dress Code e un evento che richiede invece il Black Tie Dress Code? Per gli uomini è semplice: rispettivamente Frac e Smocking. Ma per le donne?

Quando si viene invitati a un evento formale il dress code è indicato di solito nell’invito. Le parole magiche sono: Black Tie o White Tie, che stanno a indicare che l’uomo deve indossare nel primo caso lo smocking nel secondo caso il frac. E le donne?

Il sito britannico Debretts, una vera autorità in materia di etichetta, ci indica con grande precisione la differenza tra i due eventi e ci suggerisce che cosa indossare per non essere fuori luogo e rispettare il dress code (per saperne di più: https://www.debretts.com). Continua a leggere

Un amore su misura di Sugar Jamison

Un amore su misura di Sugar Jamison, casa editrice Leggereditore

Sinossi: Ellis Garrett è una ragazza che non teme sfide. Insoddisfatta della sua vita è fuggita da New York, lasciando un lavoro prestigioso e un fidanzato ipercritico, per rifugiarsi nella cittadina natale dove ha aperto un negozio dedicato a tutte quelle donne che come lei non rientrano nelle taglie ufficiali. Al Size Me Up le clienti non si sentono strane, ma solo piacevolmente diverse: Ellis infatti è convinta che non sia necessario essere una Barbie taglia 40 per sentirsi felici e che ci si debba godere un pasticcino (o due) ogni tanto, senza troppi sensi di colpa. Ma tutto il suo coraggio si dilegua quando per caso incontra il sexy poliziotto Mike Edwards, vecchio flirt della sorella per cui lei si era presa una strepitosa cotta. Mike non la riconosce, ma è immediatamente attratto dalle sue curve… decisamente pericolose. Più Ellis lo respinge, più lui è deciso a conquistarla, con qualunque mezzo. Che entrambi abbiano trovato la loro taglia perfetta?

Oggi per la rubrica Curvy voglio parlarvi di un romanzo che mi ha molto emozionata

Continua a leggere

La grammatica non va in vacanza!

LA GRAMMATICA NON VA IN VACANZA!

Passeggiate flemmatiche; autobus che passano con una frequenza minore; la scuola che chiude i battenti; la comunicazione che lascia lo spazio alla lenta gestualità, alle emoticons.

D’estate, si sa, tutto rallenta, anche il nostro modo di pensare, di parlare, di scrivere. Per pigrizia (e si spera solo per quella) la grammatica cede il sopravvento a qualche: “Sì, dài, il senso si coglie!”. Per pigrizia saltano le virgole. Per pigrizia i cappelli diventano capelli di paglia, il Po abbonda e straripa, erroneamente, in quasi tutte le frasi. Per pigrizia le parole non scritte si trasformano in tanti puntini di sospensione che, da essere tre, mal interpretati, mandano in tilt la comunicazione. Immaginiamo una conversazione estiva (nello specifico) in chat tra due fidanzati o tra amici, per esempio: a un certo punto un interlocutore, solo perché è in vacanza e le ferie sono sacrosante, risponde con una riga di puntini di sospensione… “perché che noia, l’ho scritto prima!” e cosa significheranno mai quei puntini? la comunicazione, a quel punto, è fortemente compromessa. Continua a leggere

Dimenticate dalla storia: le ragazze fantasma

Mettiti seduta, ti racconto una storia.

È una storia dell’orrore, anche se non è Halloween.

È una storia dimenticata, come la maggior parte delle storie vere.

Ti parlo di Amelia Maggia, detta Mollie, che morì il 12 settembre del 1922, negli USA.

Una strana malattia aveva iniziato a divorarle il corpo. Iniziò tutto dai denti, che le tolsero uno a uno, a causa dei continui ascessi.

In seguito le si sviluppò una forte infezione che contagiò le gengive con gravi ulcere, fino al punto che nel giro di poche settimane perse l’uso della mandibola.

Accusava dolori lancinanti alle ossa e quando le si ruppe l’anca non poté più camminare.

Poco più tardi, l’infezione alla bocca le era scesa fino in gola e, quando le prese la giugulare, Mollie morì per una emorragia inarrestabile.

Sul certificato di morte il medico scrisse: sifilide.

Mollie fu la prima di una lunga serie di donne che morirono in strane circostanze: a decine perirono in giovane età per problemi di salute gravissimi, con sintomi differenti e senza nessun legame all’apparenza.

Nessun legame a parte uno: il lavoro. Continua a leggere