Un cattivo ragazzo come te di L.A. Casey

UN CATTIVO RAGAZZO COME TE di L.A. Casey (Newton Compton)

L.A. Casey è tornata, e anche questa volta travolge e stravolge con questo ultimo romanzo. Non ci si stacca da questa storia, non ci si stanca di leggere e continuare fino all’ultima pagina perchè l’autrice edita in Italia da Newton Compton Editori è brava e si riconferma capace di stupire i propri lettori con un romanzo denso e accattivante.

Lane è fuggita dalla sua città natale, lasciandosi dietro porte sbattute, incomprensioni e silenzi perchè la sua famiglia non ha accettato la sua volontà di mollare tutto e cercare nuovo ossigeno a New York. Lontana anni luce da loro, ma soprattutto lontana con gli occhi e con la mente da Kane, l’amore dello sua vita; quel sentimento puro e incontaminato che s’incontra una sola volta, quello che lascia segni e cicatrici . L’uomo che ama con tutta se stessa da quando era poco più di una bambina. New York le regala l’effimera consistenza di un presente sempre sul confine tra il dolore e la consapevolezza di dover, prima o poi, far i conti con le proprie verità e il proprio passato.

La morte improvvisa del suo amato zio Harry, la costringe a tornare, impedendosi di proteggersi dal dolore attraverso la distanza oceanica e il silenzio. Il lutto profondo che colpisce Lane la riporta tra le braccia dei suoi fratelli, dei suoi parenti più prossimi… e poi, la riconduce dopo sei anni, a osservare gli occhi che sono lo specchio della sua anima, le restituiscono la voce che le ha scaldato il cuore, la riconducono a Kane Hunt. Il suo migliore amico, il suo primo unico amore. Il dolore, la lontananza e le vicissitudini accadute ai protagonisti di questa romantica storia, non impediranno al passato di spingere con forza per dare voce ai silenzi e asciugare lacrime troppo a lungo trattenute.

Il primo Amore può scalfirti il cuore fino a dargli una forma diversa? Può un’amicizia diventare un amore grande e immenso da essere vissuto sempre e per sempre? Io l’ho scoperto divorando questo romanzo, accompagnata dalla musica di Adele.

Mirtilla Amelia Malcontenta

Annunci

La governante di Rebecca Quasi

“Mi occuperò di vostra figlia meglio che posso, le insegnerò le buone maniere e tutte quelle sciocchezze che servono per affrontare il vasto mondo. E poiché è una donna le insegnerò anche a non fidarsi degli uomini, soprattutto di quelli che hanno una gran parlantina e baciano come Dio comanda.”

Nella brughiera inglese di fine Ottocento incontriamo i protagonisti di questa incantevole storia d’amore. Dopo essere rimasto (felicemente) vedovo, Lord Leonard Lennox, conte Moncrieff, decide di assumere una nuova governante per educare e gestire la sua presunta figlia Penelope. Il fallimentare matrimonio con la prima moglie ha lasciato nel conte molti dubbi e perplessità anche riguardo alla paternità della ragazzina che porta il suo cognome.

Dopo attente valutazioni e colloqui, Lord Leonard ha il piacere di conoscere Mrs Sidonie Tate giovane vedova che, da subito, lo colpisce per il temperamento e la bellezza. Assumendola come governante, capisce in poco tempo quanto la giovane donna sia riuscita a legare con Lady Penelope, colmando i grandi vuoti emotivi e affettivi della giovane fanciulla; ma Lord Leonard deve anche accettare la forte attrazione che lo spinge sempre di più verso Mrs Tate.

In un continuo gioco di ruoli e di convezioni sociali, Lord Leonard e Mrs Tate si lasceranno “coinvolgere” l’uno dall’altra, permettendo a un nuovo sentimento di farsi strada. Una strada non facile da percorrere perché lastricata di pregiudizi sociali e ipocrisie dell’alta società inglese. Si sorride e si sospira in questo nuovo romanzo di Rebecca Quasi (edito da DRI editore), che ci accompagna tra le pagine del suo libro con capacità e bravura. Mentre leggevo questo suo ultimo lavoro, mi sono fatta cullare dalle note de: Top Cello Covers of Popular Songs 2018 – Best Instrumental Cello Covers. Buona Lettura…

Mirtilla Amelia Malcontenta

Non ci resta che il crimine

Non ci resta che il crimine (Regia di Massimiliano Bruno).

La commedia italiana più pura e bella, torna prepotentemente grazie alla magistrale regia di Massimiliano Bruno. Ennesima prova della bravura del regista romano che dietro e davanti alla cinepresa, dirige e confeziona una storia surreale quanto spassosa. Un cast sublime capitanato proprio da Massimiliano Bruno con Marco Giallini, Alessandro Gassman e Gianmarco Tognazzi, Eduardo Leo e la fantastica Ileana Pastorelli; il pubblico sta letteralmente riempendo le sale cinematografiche: un film da ridere e rivedere.

La trama. Roma ai nostri giorni: tre amici, Moreno, Giuseppe e Sebastiano, s’improvvisano guide turistiche per tentare di “fare i soldi co’ la pala”, cercando di far conoscere la storia della Città Eterna sotto l’ombra della banda della Magliana. Ma il destino di voler far rivivere le sanguinose gesta della famosa banda criminale che insanguinò la capitale negli anni ’80, li catapulterà proprio in quei giorni con un salto spazio temporale. Trovarsi il boss De Pedis in carne e ossa davanti, non è una situazione facile da gestire e controllare, figuratevi se poi ad avere questa “fortuna” sono tre sprovveduti che non hanno ancora capito che forse tornare indietro nel tempo, potrà aiutarli solo ad apprezzare il presente e a lottare per tornare alla vera realtà.

Mille disavventure, una cascata di scene comiche, battute esemplari e la bravura dell’intero cast, rendono insuperabile questo film che sta sbancando i botteghini nelle ultime settimane. Devo confessare che alcune battute me le sono perse, perché ridevo troppo, e con me il resto della sala; pertanto “Non ci resta che il crimine”… non mi resta che rivederlo!

Mirtilla Amelia Malcontenta

La villa di Famiglia di Amanda Hampson

La villa di famiglia di Amanda Hampson (Newton Compton)

“Ogni notte mi fermo sulle soglie e guardo dentro le stanze buie, scorgendo solo i contorni dei mobili alla luce concessa dalla luna, chiedendomi come siano state le vite di chi ha vissuto qui in passato. C’è una stanza in particolare che mi attrae notte dopo notte. È lì che mi trattengo più a lungo. So che dovrei concentrarmi su questioni più pratiche, ma i miei pensieri sono troppo sparsi anche solo per tentare.”

Ben e Mia. Mia e Ben Tinker, una coppia in procinto di ricominciare, di donarsi una nuova possibilità. Cercano un nuovo inizio trasferendosi dall’Australia, loro terra natale, in Francia in un paesino pittoresco e incantevole. Acquistano una bellissima casa, piena di storia e pronta ad accoglierli. Per la giovane coppia non è facile inserirsi in questo nuovo contesto, soprattutto per Ben che parla poco e male il francese. In loro aiuto arrivano i vicini di casa, i coniugi Dominic e Susannah Harrington: due frizzanti sessantenni inglesi che si renderanno subito amichevoli e ospitali. Dominic e Susannah.

Susannah e Dominic, un’intera vita insieme sempre sull’orlo del precipizio emotivo, economico; umano. Tra le due coppie s’instaura da subito un feeling, Ben e Mia sono felici d’aver trovato negli Harrington la chiave per integrarsi nella loro nuova realtà sociale. Ma come ben spiega il detto “l’abito non fa il monaco”, Ben e Mia si ritroveranno presto a capire che la realtà che i loro nuovi amici vivono è contornata di segreti e silenzi.

In un susseguirsi di avvenimenti, la giovane coppia scoprirà che Dominic e Susannah Harrington dietro al fascino e alla generosa ospitalità celano molte verità da troppo tempo sepolte, ma ormai pronte a vedere la luce. I Tinker saranno in grado di non farsi avvolgere tra le spire di questa coppia così troppo perfetta, da non essere effettivamente vera? Non ci si stanca di questo romanzo, incalzante e coinvolgente. Queste due coppie così agli antipodi tra loro creano un vortice dal quale è difficile allontanarsi. Una scrittura sapiente e ben strutturata rende irresistibile ogni pagina, ogni capitolo. Nella lettura di questo romanzo sono stata accompagnata da questa playlist: Lana del Rey e il soundtrack del film “Cinquanta sfumature di grigio”.

Mirtilla Amelia Malcontenta

La psicologia dell’amore: cos’è l’amore e dove ci deve portare?

Questa riflessione riportata nel titolo, a mio avviso, è la più importante per tutti coloro che desiderano amare ed essere amati in modo autentico e totalmente appagante. Amare è un’arte come scrivono Alberoni e Fromm pertanto bisogna capire da dove si parte e dove si vuole arrivare attraverso di esso.

Per capire il vostro punto di partenza dovreste soffermarvi su queste domande: siamo donne o uomini liberi, scevri da qualsiasi bisogno, frustrazione, senso di rabbia o rivalsa nei confronti dell’amore? Siamo davvero capaci in questo momento di donare e accogliere l’amore? L’amore che vogliamo è un desiderio limpido, che nutre la nostra vita già ricca e gioiosa oppure attraverso di esso cerchiamo un qualcosa che riempia la nostra solitudine interiore, la nostra paura di non essere amabili, la nostra routine che ci annoia o peggio ancora o il nostro riscatto da precedenti storie fallimentari? Perché in fin dei conti, l’amore è davvero una cosa semplice, ma noi tendiamo a nevrotizzarla con tutto ciò che ci portiamo dentro.

Una volta compreso qual è il vostro punto di partenza e quindi, perché desiderate costruire una storia d’amore o volete innamorarvi, naturalmente, capirete il vostro punto di arrivo. Tutti vogliamo amare, tutti sappiamo amare, ma in pochi lo sanno fare “bene”. Con questo termine intendo amare in modo sano. Due anime nude che si incontrano e insieme, decidono liberamente il vestito da indossare per stare meglio rispetto allo stare da sole.

La Psicologia dell’amore, allo stato attuale, rispetto al titolo del libro della scrittrice Robin Norwood “donne che amano troppo”, si è evoluta sostituendo il termine “troppo” con “male”. Le donne che amano male, sono donne affamate d’amore, dipendenti dall’amore, che lo cercano ovunque e con chiunque. Difatti quasi il 90% delle donne soffre della sindrome da dipendenza affettiva. Donne che investono tutto nell’amore, annullando sé stesse e i loro bisogni per il partner. Molte pazienti mi dicono: gli ho dato tutta me stessa e anche di più e in cambio cosa ho ricevuto? È proprio questo il punto. Dare tutto e soprattutto, subito per la paura di non essere accettate e amate dal potenziale partner, perdendo di vista il proprio sentire, le proprie emozioni. Questo accade perché non si ha un baricentro emotivo e affettivo equilibrato pertanto prevale il far sentire bene l’altro a discapito del proprio benessere. Chiedetevi invece: come mi fa sentire l’altro? Che sensazioni mi fa provare? Quello che mi dà l’altro è quello di cui ho realmente bisogno?

Queste sono le domande di una persona adulta sentimentalmente ed emotivamente che desidera andare nella direzione giusta del cuore.

L’amore che fa soffrire non è amore. L’amore che richiede all’altro di curarlo per ferite antiche o storie passate andate male, non è amore.  Non è questa la direzione dell’amore che ci rende felici!

Dove ci deve portare allora l’amore? Qual è la direzione giusta per andare incontro ad un amore vero?

Sempre secondo Erich Fromm, l’amore deve essere celebrato tutti i giorni come un atto di liberazione e arricchimento; un nutrimento di reciproco benessere. Amare è un compito per adulti che desiderano allenarsi costantemente, non da sognatori passionali. Imparare ad amare richiede pratica e un lavoro costante dove lo sforzo e il giudizio non lasciano niente al caso o alla sorte. Imparare ad amare in modo maturo e cosciente vuol dire bandire possesso o condizioni. L’amore è prima di tutto preoccupazione per la vita, è cura e desiderio di favorire la crescita e il miglioramento di chi ci sta accanto. L’amore verso il quale dobbiamo dirigerci è quello matura che alza la nostra e altrui autostima.

Vi lascio con queste due bellissime affermazioni di Fromm riguardanti la differenza tra l’amore maturo e l’amore immaturo. Rifletteteci e pensate in quale di queste due situazioni vi trovate e in quale di queste effettivamente vorreste trovarvi.

L’amore immaturo dice: “Ti amo, perché ho bisogno di te”

L’amore maturo dice: “Ho bisogno di te, perché ti amo”

Mi auguro di avervi chiarito un po’ le idee, ma soprattutto avervi fatto comprendere qual è la direzione più giusta per voi e per il vostro benessere affettivo e di coppia. Il motto della dottoressa del cuore è “indipendenti insieme”.

Con affetto!

Gaia Parenti

Psicologa della sfera affettivo relazionale

Facebook: https://www.facebook.com/gaia.parenti.35

Instagram: https://www.instagram.com/ladottoressadelcuore/

Sito: www.ladottoressadelcuore.com 

e-mail: g-parenti@libero.it

Ben is Back

BEN IS BACK di Peter Hedges è davvero un gran bel film e ritengo che il regista possa essere orgoglioso della performace di suo figlio Lucas, nei panni di Ben, affiancato ad una Julia Roberts, nei panni della madre, e entrambi padroni del loro personaggio. Tanto che, anche grazie alla costruzione della narrazione, lo spettatore entra emotivamente nella storia odiando e amando i personaggi di volta in volta, finendo con l’identificarvisi.

Il barboncino di famiglia è secondo me il filo conduttore, l’anima della vicenda, la proiezione dell’inconscio di ciascuno dei personaggi e di Ben in particolare, l’elemento unificante. E’ l’unico membro della famiglia che è in relazione con tutti gli altri senza riserve e con Ben in particolare lo fa subito all’inizio del film, quando tutto è ancora da scoprire, offrendo così la chiave di lettura da me percepita. Il barboncino riserva a Ben l’accoglienza che ognuno dei membri della famiglia gli avrebbe tributato se ciascuno non fosse imbrigliati nelle sue paure, legittime, umane, mentali; ad eccezione dei bambini il cui comportamento è simile a quello del barboncino ma poi condizionato dalle paure degli adulti e dal dovere di obbedienza.

Secondo Jung il cane nei sogni rappresenta un legame amichevole, il compagno di vita, il Sé interiore guardiano degli istinti. Il cane cucciolo, piccolo e giocherellone rappresenta l’accettazione della parte istintiva che tanto ci spaventa.

Ma non spaventa Ben che senza alcun dubbio né incertezza si lancia al recupero del barboncino rapito intraprendendo un viaggio a ritroso (Ben is Back!) attraverso tutti i gironi infernali della sua vita. E la madre, seppur con dichiarate ragioni dettate da paure e dubbi, istintivamente impone la sua presenza in questo viaggio in cui finalmente condivide e fa suo il dolore del figlio, donandosi l’occasione di vivere una nuova gestazione, sicuramente più consapevole e piena d’amore, che come la prima finisce col dono della vita, una nuova vita ad un livello sicuramente superiore.

Tutto a causa (o grazie) al trauma del rapimento del barboncino, ovvero del tentativo della vita di sopprimere nei protagonisti l’accettazione della parte istintiva e che, invece, come sempre, finisce per attivare la catarsi di Ben, della madre, dell’interno nucleo familiare e dei loro sentimenti.

Il barboncino è, secondo me, l’anima di quella famiglia, della storia e di un film di grande spessore in cui i temi della droga, della famiglia, del rapporto genitori e figli e, perché no, del ruolo degli animali, vengono affrontati e proposti con cruda delicatezza e amorevole determinazione.

Mi prendo la libertà di ringraziare qui Lidia Lovaglio, anima dell’omonima sala di proiezione di Venosa (Potenza) che, con passione, con le sue accurate selezioni e spirito indomito, consente al pubblico della provincia del nord Basilicata di godere del Grande Cinema.

Francesco Topi

Matera. Capitale Europea della Cultura 2019

Matera, la Città dei Sassi: da “vergogna d’Italia” a Capitale Europea della Cultura 2019

Nei prossimi giorni ci sarà l’inaugurazione ufficiale del calendario di eventi per celebrare Matera come Capitale Europea della Cultura 2019 con importanti ospiti internazionali e poi, in tre date, sarà la volta di un docufilm per la serie L’arte al Cinema, “Mathera. L’ascolto dei sassi”, un omaggio a questa città dal fascino antico ma che guarda con positività al futuro, riuscendo a capovolgere i pregiudizi e i luoghi comuni riferiti a molte città dell’Italia meridionale.

Una passeggiata per Matera significa percorrere i rioni Civita, Sasso Barisano e Sasso Caveoso, perdersi in un groviglio di case, di grotte, di scalinate, di vicoli tortuosi, di vicinati per scoprire angoli suggestivi di un insediamento rupestre tra i più antichi ed estesi al mondo. La Civita è l’area occupata dal castelvecchio longobardo e dalla cattedrale romanica di Santa Maria della Bruna, la parte più alta dell’insediamento, mentre a i due lati sono scavati in due valli profonde i rioni Sassi che si distinguono in Sasso Caveoso e Sasso Barisano, un groviglio di case e di grotte che si affacciano sulla gravina in armonia con un paesaggio unico al mondo. Il piano sopra i sassi, quello che guarda la Cattedrale per raggiungerla,  è considerato il centro storico della città ed è semplicemente chiamato Il Piano.

Per i buoni camminatori poi l’esperienza del trekking per le Gravine e il Parco delle Murge è una viaggio di scoperta, lento e silenzioso, nel seguire l’andamento sinuoso delle gravine, ammirare le cavità carsiche naturali frequentate dall’uomo nel Paleolitico, villaggi trincerati neolitici, casali rupestri, nuclei di grotte scavate a partire dalla preistoria, chiese rupestre affrescate, iazzi, masserie fortificate, conoscere le piante tipiche dell’ecosistema murgiano e l’uso che ne facevano un tempo i pastori.

Le abitazioni dei Sassi si presentano scavate e costruite allo stesso tempo, con i vicoli e le scalinate che sono il tetto della parte della in grotta delle abitazioni che si sviluppano nei livelli sottostanti. Nelle case e nei vicinati vi sono numerose cisterne per la raccolta d’acqua piovana che veniva convogliata soprattutto dal tetto delle abitazioni utilizzando delle grondaie di terracotta. Un’architettura che parla di secoli di storia custodita e trasferita ai posteri attraverso un piano di riqualifica urbanistica e di restauro conservativo, che ne ha consentito la sopravvivenza nella concreta visibilità. I Sassi, un tempo  additati come un esempio di “trogloditismo” , oggi rappresentano  uno dei più fulgidi esempi di civiltà e cultura rupestre in armonia con l’ecosistema che non trova confronti culturalmente omogenei nel mondo, poiché non è possibile documentare in altri luoghi la continuità della vita in grotta, come nella Gravina di Matera, dalla Preistoria fino ai giorni nostri.

In molti negli ultimi anni hanno scoperto la Città dei Sassi. I visitatori arrivano da tutto il mondo, non solo dalle altre aree dello stivale, diventando un orgoglio nazionale e ribaltando così quell’etichetta d’infamia con la quale era stata marchiata negli anni Cinquanta, quando sulla prima pagina della “Gazzetta del Mezzogiorno” fu definita “Vergogna Nazionale” da Palmiro Togliatti e in seguito Alcide De Gasperi impone lo sfollamento completo dell’abitato rupestre per ragioni igenico sanitarie, per poi pianificare e realizzare nuovi quartieri residenziali ai margini della città su iniziativa dell’imprenditore Adriano Olivetti e del sociologo Frederick Friedman.
Il valore dei Sassi, in special modo in virtù della conservazione del sito che mantiene ancora intatta la sua originalità, è stato riconosciuto dall’UNESCO nel 1993 con la seguente valutazione. “Il quartiere dei Sassi di Matera è, sul lungo periodo, il migliore e più completo esempio di popolamento in armonia con l’ecosistema, in una regione del bacino del Mediterraneo”. Matera è stata così tra le primissime città italiane e la prima del Mezzogiorno a essere inserita nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Matera è diventata luogo d’attrazione di grandi maestri della fotografia quali Henry Cartier-Bresson, Mario Cresci, Franco Pinna, ma anche di scrittori del calibro di Carlo Levi, il quale descrisse Matera nel “Cristo si è fermato a Eboli”. Fu proprio quest’ultimo ad attirare una nuova attenzione sulla Città dei Sassi, poiché le operazioni di trasferimento degli abitanti dalle case-grotte, ritenute inabitabili, verso i nuovi quartieri, aveva condotto al completo isolamento dei Sassi destinati così a essere abbandonati non solo dalla presenza umana, ma perfino dalla memoria storica. Carlo Levi invece sostenne la necessità di non lasciare nella decadenza e nella rovina questi rioni, ma di provvedere alla tutela e alla valorizzazione dei Sassi.

Matera è considerata un palcoscenico naturale con le sue meravigliose location , i Sassi hanno ispirato e incantato numerosi cineasti italiani e internazionali, dagli anni Cinquanta fino a oggi sono stati oltre quaranta i film girati: Piera Paolo Pasolini che nella Città dei Sassi ambientò “Il Vangelo secondo Matteo” o più recentemente per “The Passion” di Mel Gibson e “Wonder Woman” (solo per menzionarne alcuni).

Provate a spingervi al tramonto, nella Contrada Murgia Timone, nel parco regionale della Murgia, e dal belvedere ammirate in un solo colpo d’occhio il fascino senza tempo di questa città, vi lascerà senza fiato. I Sassi scavati nella tenera e  bianca calcarenite, che si affacciano sulla gravina e l’omonimo torrente, si tingono delle sfumature del crepuscolo e, man mano che le ombre della sera scendono sulla città, si accendono le piccole luci tra le costruzioni rievocando le atmosfere di un presepe perenne, e sempre emozionante, in qualunque stagione.

Sara Foti Sciavaliere

 

Semplicemente Donne

Sono giorni che giro intorno alle parole: arrivano e poi sfuggono in modo quasi fulmineo. Ora mi siedo, ho tempo per me, per noi. “Mamma, vieni un attimo!?”. Certo cucciolo della mamma, arrivo subito. Ok, ho salvato il pianeta da un’invasione zombie con una pistola giocattolo, creato una navicella fatta di sedie e lenzuoli; badate bene si entra digitando un codice segreto “Cetriolino 002″… ops, l’ho svelata, ma almeno potrete salvarvi anche voi! Dopotutto la navicella è grande.

Comunque ora riesco a concentrarmi, dopo il meeting con la Direttrice editoriale, mi è balenata un’idea e vorrei concretizzarla . Ora sono pronta a scriverlo, perché -“Mammaaaa!! Che mi aiuti a ripetere la lezione di Geografia?”. Certo cuore mio, mamma arriva subito! Ok, lezione ripassata, fiumi e laghi del Lazio ancora con gli stessi nomi di quando li studiavo io; adesso ho il diritto di dedicarmi al pezzo in Santa Pace.

Allora, sarò ripetitiva ma è davvero importante che tu, possa capire che il messaggio che voglio inviarti è unico e semplice.. “Amore di mamma, come stai? Hai preso l’appuntamento col dentista?”. Mamma, buonasera che tempismo, stavo per chiamarti! Scusate, Giuro che ho finito con i figli e i parenti di sangue più prossimi.

Torniamo a noi, mi è balenato nella mente un pensiero quasi fisso: le persone multitasking: nello specifico, noi donne. Noi mamme, noi lavoratrici, noi amiche, noi figlie, noi cognate o cugine insomma, noi! Noi che corriamo, lavoriamo, ridiamo e ci sediamo. Noi attente ai figli, ai compagni, ai genitori, al lavoro… Noi che leggiamo e ci stupiamo ancora, noi che osserviamo il cielo e immaginiamo mondi migliori. Noi che non abbiamo troppa paura perché non abbiamo tanto tempo per averla, noi: sole, in compagnia, noi lottatrici e cuoche. Noi che chattiamo mentre seguiamo il tg e riordiniamo la tavola.

“Amoreee, dove hai messo i jeans nuovi?”. Ecco, appunto. Noi Donne multitasking, o più semplicemente, noi Donne.

Mirtilla Amelia Malcontenta

I love Londra

I LOVE LONDRA di Lindsey Kelk (Newton Compton)

«Angela». Alex fu il primo a spezzare il silenzio. «Li vuoi dei figli, vero?» «Non per cena». Mi chiamo Angela Clark, e quando sono agitata faccio battute. Brutte. Freddure, se possibile.

Questo romanzo è frizzante e brioso, l’autrice Lindsey Kelk ci accompagna tra le pagine di questa commedia con una scrittura fluida e unica, permettendo al lettore di conoscere a fondo le dinamiche che s’intrecciano tra i vari personaggi. Fulcro della storia è la dolcissima quanto goffa Angela Clark, giovane giornalista freelance inglese che dopo una cocente delusione d’amore fugge dalla sua amata Londra, a New York. Senza pensarci troppo, senza chiudere davvero il passato alle spalle: lascia i suoi genitori, il fidanzato fedifrago, la sua quotidianità scandita dai ritmi di questa metropoli per fuggire nella grande mela. New York l’accoglie a braccia aperte, regalandole il vero amore in Alex giovane musicista in ascesa, nuove amiche e il sogno lavorativo di sempre, fondare e dirigere una rivista. Ma il passato torna prepotentemente a bussare alla sua porta, quando deve tornare a Londra. Si riaffacciano i fantasmi del passato, il rapporto conflittuale con la madre e Mark, l’ex che le ha spezzato il cuore. Attraverso questo ritorno in patria, Angela metterà di nuovo alla prova se stessa, ora è una donna diversa e più forte, la vita l’ha temprata, New York l’ha cresciuta.

In una centrifuga di rocambolesche situazioni esilaranti e dolcissime, Angela, la sua famiglia e i suoi amici saranno fonte di risate e riflessioni per chi leggerà questo suo nuovo romanzo pubblicato da Newton Compton Editori.

Mirtilla Amelia Malcontenta

Il sentiero del diavolo di Eugenia Rico

IL SENTIERO DEL DIAVOLO di Eugenia Rico, Elliot edizioni

“Da piccoli si racchiude la libertà dell’uomo dentro una bottiglia o in una lampada, aspettando le parole magiche che liberino il genio che tutti abbiamo dentro. E le parole magiche sono: non esistono i sessi ma solo le persone, gli unici demoni sono quelli che abitano dentro i nostri cuori, il sentiero del diavolo passa da casa tua, dal tuo salotto, si alimenta ovunque un uomo maltratta una donna, e ovunque una donna maltratti un bambino. Solo tu puoi fermare il cammino del diavolo, perché non esiste altro diavolo al di fuori di noi.”

Strega: in inglese Witch, deriva dalla parola Wicce che vuol dire mago, veggente o sciamano, ma può significare anche saggio. Una strega è una donna saggia. Chiarisco subito il concetto, perché di streghe questo libro narra. E le streghe, mai come in queste pagine si rendono visibili e sussurrano le loro vite, le loro verità.

La protagonista che racconta in prima persona la sua storia è una scrittrice spagnola che torna nei luoghi della sua infanzia per ritrovare se stessa, le proprie radici e la forza di raccontare le vite di alcune donne, passate alla storia come streghe. In un costante salto temporale tra passato e presente, tra buio e luce, il lettore si trova a vivere questi racconti così intensamente da rimanerne fortemente colpito.

Sinceramente ho paura che le mie parole non bastino a farvi capire la bellezza di questo libro che fa emozionare, riflettere e capire che la storia ha molte voci , tanti bisbigli e a volte, troppi silenzi che celano verità sconvolgenti. È un libro magico, perché riesce a riportare la storia nei vicoli più bui, a fare luce su molte realtà nascoste e quasi dimenticate. È un romanzo che riscatta la figura della Strega, perché riscatta e rende giustizia alla figura stessa della Donna. Non è un libro di condanna all’inquisizione, anzi, la scrittrice ci permette di conoscere Alonso De Salazar, inquisitore spagnolo che con un suo scritto, aiutò la luce a imporsi sulle tenebre, permettendo alla Spagna in primis e poi al resto d’Europa, d’interrompere la catena di processi per stregoneria.

L’autrice Eugenia Rico è riuscita a scrivere un libro intenso, che consiglio vivamente di leggere. Riuscirete a capire dove porta il sentiero del diavolo e non ne avrete paura, perché quel sentiero racconta e custodisce molte verità con cui dobbiamo imparare ancora a convivere, ma che sono necessarie per renderci persone migliori.

Per poter bruciare due milioni di donne innocenti in tre secoli, fu promulgata una Bolla Papale e fu pubblicato un libro. (….) Fu l’olocausto delle Donne”.

Mirtilla Amelia Malcontenta