La notte ha la mia voce

Ciao booklovers,

Oggi vi parliamo di un romanzo che tocca le corde più profonde dell’anima. Lo ha letto per voi Antonella Maffione.

81RrJbR34TL

La prima cosa che arriva di Giovanna è la voce: argentina, decisa, sensuale. Fa pensare a qualcuno che avanzi sulle miserie quotidiane come un felino. Ecco perché, fin da subito, l’io narrante la battezza Donnagatto, sebbene Giovanna sia paralizzata, proprio come lei. Al contrario di lei, però, rivendica il diritto a desiderare ancora, sfidando l’imperfezione del mondo. La Donnagatto nasconde un segreto, e forse ha trovato una persona cui confessarlo, consegnandole la propria storia. Una storia dove è solo apparente il confine tra la condanna e la grazia.

La notte ha la mia voce, è un romanzo intenso e forte. Risuona a gran voce il desiderio di vivere la vita oltre ogni limitazione fisica. La protagonista è costretta a vivere senza l’uso delle gambe a causa delle conseguenze di un incidente stradale.  Non è facile vivere in un corpo che non le appartiene più, che non sente più di possedere e di comandare a suo piacimento, si sente smaterializzata e esiliata sia fisicamente che mentalmente. Tutti i sogni ormai sono stati infranti, come l’amore per  la danza  che coltivava da quando era bambina. Ormai “Acculata sulla sedia sono tornata in prossimità degli esseri che strisciavano e si trascinavano, predati…” Purtroppo, ci si sente tagliati fuori dal desiderio collettivo, tant’è che si evita di guardare la propria immagine riflessa; gli sguardi indifferenti e di pietismo della gente diventano macigni.

Per la protagonista sarà l’incontro con Giovanna, la Donnagatto a cambiare la sua visione delle cose. La prima cosa che le arriva di Giovanna è  la voce sensuale e argentina, ma quando si vedono, la protagonista è colpita dai suoi movimenti agili e morbidi, nonostante le manchi una gamba, propri di un felino. Questo incontro è come una metamorfosi per la protagonista, perché Giovanna la porterà oltre la sua condizione fisica, a sfidare i propri limiti attraverso l’immaginazione.

Link di acquisto: La notte ha la mia voce

Metamorfosi

Ciao booklovers,

ritorna Irene Milani per Lettere Animate con la bellissima storia di Isolde e Tristan.

Dopo Il ritratto e Attesa, proseguono le vicende di Isolde e Tristan. A volte capita che quando si è soli contro tutti ci si sente più uniti, si riescono a superare mille difficoltà con una forza e determinazione che pensavamo di non avere. Poi qualcosa di incrina e l’amore che prima unisce improvvisamente inizia a dividere. Quanto si può essere orgogliosi? Quanto si può far soffrire gli altri e provarne piacere? Il cammino di Isolde per esorcizzare il dolore sarà lungo e difficile, costellato di scelte sbagliate che rischieranno di compromettere ogni suo legame affettivo.

Le calamite, se avvicinate nella giusta direzione, si attraggono irresistibilmente fino a quando non si attaccano. Se le si ruota appena, quella stessa forza che poco prima le avvicinava, le allontana. Riunirle diventa impossibile. Così successe a noi.”

17474210_1788840074764088_564213624_o

Isolde e Tristan sono finalmente liberi di vivere il loro amore alla luce del sole il loro legame; i problemi tra le due famiglie non sono del tutto risolti ma per lo meno accantonati per il bene dei due giovani. Ora potrebbero essere sereni e felici, ma un segreto tenuto nascosto da Isolde si insinua tra loro e li divide fino a quando, per un futile motivo, tra i due scoppia un litigio che li porta ad un allontanamento che pare definitivo. Isolde, per non mostrare la propria sofferenza, si diverte quasi a far soffrire chi le sta intorno, mostrando un lato del proprio carattere difficile da conciliare con la romantica ragazza innamorata dei primi due romanzi.

Link di acquisto: Metamorfosi

L’altro lato del sole

Ciao booklovers,

Oggi vi consigliamo un romanzo che saprà conquistarvi sin dalle prime pagine. Lo stiamo leggendo per voi #staytuned presto la recensione!

71JQeEwkqlL

Ginevra ha diciotto anni e la sua vita è sospesa fra lo sballo delle notti in discoteca e l’abbandono sui muretti dei sobborghi di Roma. Vive alla giornata, cercando di sopravvivere all’ultimo anno di liceo e a un padre vittima dei propri vizi. Cammina da sola al limitare del baratro delle facili promesse, ma il suo fragile equilibrio è a un soffio dall’essere completamente capovolto. Alexis invece è il suo esatto contrario. Veste di bianco, sembra refrattario a ogni contatto fisico e sfugge a ogni tentativo di socializzazione. Anche lui vive in un mondo tutto suo, che sembra lontano da quello di Ginevra. Ma il loro incontro sarà la chiave che mostrerà a entrambi una via d’uscita dalla gabbia che si sono creati.

Link di acquisto: L’altro lato del Sole

Letture di Primavera!

Finalmente è arrivata la primavera, stagione di cambiamenti, di novità e di letture all’ombra degli alberi in fiore.

Cosa leggere? Vi consigliamo le letture perfette per questo periodo!

louisa-may

È appena finita una festa di balli e canti nel Paese delle Fate, e la Regina invita ognuna delle sue damigelle a raccontare alle altre una fiaba, per trascorrere insieme il resto della notte sotto la luce della luna. Nasce da voci fatate la raccolta di Fiabe floreali, pubblicata nel 1855 e ancora inedita in Italia  dalla celebre autrice di Piccole donne. A quindici anni, Louisa raccontava storie ai figli dei vicini di casa, tra cui quelli dello scrittore Ralph Waldo Emerson, e a sua moglie, a cui la raccolta fu dedicata. Attraverso questi incontri con fate, elfi e animali, l’autrice desiderò alimentare nei piccoli ascoltatori l’idea di amore, gentilezza e responsabilità, mettendo alla prova la propria inesauribile fantasia di scrittrice.

 

81O0YYlpksL

Londra, Chelsea Flower Show, la più grande mostra di fiori del mondo. Sotto gli archi carichi di rose, Iris Donati è felice: fra le piante si sente a casa. Una casa vera, quella che non ha mai avuto, perché fin da piccola ha vissuto in giro per il mondo sola con il padre. Mentre si china per osservare meglio una composizione, Iris rimane paralizzata. Si trova di fronte due occhi uguali ai suoi. Gli stessi capelli castani. Lo stesso viso. La ragazza che ha davanti è identica a lei. Viola è il suo nome. Anche lei ama i fiori e i suoi bouquet sono fra i più ricercati di Londra. Tutte le certezze di Iris crollano in un istante. Quella ragazza è la sua sorella gemella. Sono state divise da piccolissime, e per vent’anni nessuna delle due ha mai saputo dell’esistenza dell’altra. Perché? Ora che sono di nuovo riunite, Iris e Viola devono scoprirlo. Il segreto si nasconde in Italia, a Volterra, dove sono nate. Tra viali di cipressi e verdi declivi, sorge un’antica dimora circondata da un giardino sconfinato. È qui che i Donati vivono da generazioni. Ed è qui che Giulia Donati, la loro nonna, le aspetta. Solo lei può spiegare davvero perché sono state separate e aiutarle a trovare il sentiero giusto per compiere il loro destino. Iris e Viola non lo sanno, ma ogni coppia di gemelle della famiglia, da secoli, deve salvaguardare la sopravvivenza del giardino e capire il suo grande potere: quello di curare l’anima.

71hKhIXnveL

Esiste un rimedio per il mal d’amore? Viola Consalvi, di professione naturopata, è impaziente di scoprirlo. Nonostante abbia poco più di trent’anni, la vita ha già colpito duro con lei, portandole via il marito. Così anche il suo lavoro in uno studio di medicina olistica ha smesso di interessarla, e quando tutto sembra sul punto di crollarle addosso capisce che la sola cosa da fare è tornare nella città che anni prima l’ha resa felice: Parigi, dove ha frequentato la scuola di naturopatia e dove, nascosto tra i tetti di Montmartre, c’è l’unico luogo in cui si senta davvero al sicuro, l’erboristeria delle sorelle Fleuret-Bourry. È in questo spazio magico, in cui il tempo sembra essersi fermato e le emozioni sono accolte e coccolate, stretta nell’abbraccio della saggia e materna Gisèle, che Viola comincia la sua nuova vita. In un curioso bistrot incontra il giovane Romain, un barista sbruffone e misterioso che, tra continui battibecchi e rappacificazioni, farà di tutto per portare al disgelo il cuore di Viola. Quando Gisèle chiede alla sua giovane collaboratrice di aiutarla a rilanciare il negozio, Viola ha un’intuizione geniale: offrire consulenze di iridologia, una disciplina antichissima e praticata dal suo ex marito, che, partendo dallo studio fisiologico degli occhi, indaga a fondo nell’individuo fino a svelarne la personalità.

la-figlia-del-mercante-di-seta_8594_x1000

1952, Indocina francese. Dalla morte della madre, Nicole, diciottenne franco-vietnamita, è vissuta all’ombra della bella sorella maggiore, Sylvie. Quando Sylvie prende le redini degli affari di famiglia, che ruotano intorno al commercio della seta, a Nicole non resta che accontentarsi della gestione di un vecchio negozio, nel quartiere vietnamita di Hanoi. La zona, tuttavia, pullula di militanti ribelli pronti a tutto per porre fine alla dominazione francese, persino a tradire i loro cari. In questo clima sempre più teso Nicole scopre la corruzione su cui si regge il sistema coloniale e si rende conto con sgomento che anche la sua famiglia è coinvolta… Nel frattempo, la ragazza conosce Trân, un ribelle vietnamita, e, nonostante sia innamorata di Mark, un affascinante imprenditore americano che incarna alla perfezione l’uomo dei suoi sogni, le sembra finalmente di intravedere una via di fuga da una vita che non ha scelto e da una cultura a cui non sente di appartenere. In un Paese dilaniato dai contrasti, è difficile per Nicole fare la scelta giusta, capire di chi fidarsi…

Ed ovviamente non possono mancare i Pink Books delle Edizioni Pink, da leggere in ogni stagione! In esclusiva su Amazon.it

17239850_1297651250315390_895677200954033563_o

Enjoy Spring!

Il ritorno di Picciridda

Ciao booklovers,

Siamo felicissimi di segnalarvi la riedizione di un romanzo meraviglioso di Catena Fiorello per Giunti Editore.

81dvr1B6+IL

Cosa può mai accadere a una picciridda che nei primi anni Sessanta vive in un minuscolo villaggio di pescatori, Leto, lungo la costa tra Messina e Catania? Può accadere, ad esempio, che i genitori si trovino costretti a emigrare in Germania in cerca di fortuna e che decidano di portare con sé solo il più piccolo dei due figli, affidando “la grande”, pur sempre picciridda, alla nonna paterna. È quello che accade a Lucia, l’irriverente protagonista di questo romanzo, che vive la sua condizione di figlia di emigrati sentendosela addosso come un marchio negativo. È consapevole, Lucia, che per lei – e per tutti coloro che non hanno fortuna, che sono “figli della gallina nera” – la necessità implica sacrificio e rinunce. Lo sa bene. Lo dicono tutti. Lo ripete la nonna, così burbera e austera. Ma col passare dei mesi, tra feste di paese e pomeriggi in riva al mare, l’esistenza di Lucia si popola di persone e di affetti: le zitelle Emilia e Nora, la professoressa Aida, la compagna di classe Rita. Ci sono anche gli uomini, misteriosi e taciturni, un mondo da cui stare alla larga (come dice sempre la nonna) o tutto da scoprire (come sente Lucia). E proprio uno di quegli uomini nasconde un terribile segreto a cui Lucia si avvicina sempre più, ignara di ciò a cui andrà incontro…

Qui potete leggere un estratto: http://www.giunti.it/media/estratto-picciridda-193RSLEI.pdf

Link di acquisto: http://www.giuntialpunto.it/product/8809817168/libri-picciridda-1-catena-fiorello

 

Isabella D’Amore

Il ritorno di Sara Rattaro

Ciao booklovers,

Il 21 Marzo ci aspetta in libreria Sara Rattaro con il suo nuovo romanzo edito Sperling & Kupfer.

81QlIFlTk0L

La verità è quasi sempre una storia raccontata a metà. Una giovane donna attende con ansia fuori da una stanza d’ospedale. È stata lei ad accompagnare lì d’urgenza l’uomo che ora è ricoverato in gravi condizioni. È stata lei a soccorrerlo in spiaggia, mentre passava per caso, dice. Non dice”non può farlo” che invece erano insieme, che sono amanti. Lo stesso giorno, in un’altra ala dell’ospedale, una donna è in attesa di notizie sul marito, vittima di un incidente d’auto. Non era con lui al momento dell’impatto; non era rintracciabile mentre la famiglia, da ore, cercava di mettersi in contatto con lei. E adesso, quando la informano che in macchina con il marito c’era una sconosciuta, non sembra affatto stupita. La prima donna è Giulia. La seconda è ancora Giulia. E il destino, con la sua ironia, ha scelto proprio quel giorno per fare entrare in collisione le due metà della sua vita: da una parte, quella in cui è, o sembra, una moglie fortunata e una figlia devota; dall’altra, quella in cui vive di nascosto una passione assoluta e sfugge al perbenismo di sua madre alle ipocrisie, ai non detti, a una verità inconfessabile. Una verità che perseguita Giulia come una spina sotto pelle; un segreto che fa di lei quell’essere così tormentato e unico, luminoso e buio; un vuoto d’amore che si porta addosso come una presenza ingombrante, un caos che può soltanto esplodere. Perché l’amore è una voce che non puoi zittire e una forza che non puoi arrestare. L’unica spinta che può riportarti a ciò che sei veramente. Sara Rattaro torna con “L’amore addosso”, una storia potente e sincera, che parla di famiglia e amore, amicizia e desideri inafferrabili. Una storia che mette a nudo gli alibi dietro cui ci nascondiamo per paura di ferire o essere giudicati, le bugie che diciamo per amore ma che solo un amore vero potrà poi perdonare. “L’amore addosso” è un romanzo in cui è la nostra stessa vita a raccontarsi tra le pagine.

Potete preordinare qui la vostra copia autografata: https://www.amazon.it/Lamore-addosso-Copie-firmate-Rattaro/dp/8800694659

 

Isabella D’Amore

Piccole donne leggono

Ciao booklovers,

oggi vi segnaliamo due letture imperdibili, pensate per piccole donne, ma perfette per tutti i lettori!

71IetgPX-WL.jpg

C’era una volta… una principessa? Macché! C’era una volta una bambina che voleva andare su Marte. Ce n’era un’altra che diventò la più forte tennista al mondo e un’altra ancora che scoprì la metamorfosi delle farfalle. Da Serena Williams a Malala Yousafzai, da Rita Levi Montalcini a Frida Kahlo, da Margherita Hack a Michelle Obama, sono 100 le donne raccontate in queste pagine e ritratte da 60 illustratrici provenienti da tutto il mondo. Scienziate, pittrici, astronaute, sollevatrici di pesi, musiciste, giudici, chef… esempi di coraggio, determinazione e generosità per chiunque voglia realizzare i propri sogni.

Storie della Buonanotte per bambine ribelli di Elena Favilli e Francesca Cavallo è il libro più finanziato nella storia del crowdfunding: grazie a Kickstarter ha raccolto oltre un milione di dollari da 70 nazioni diverse in soli 28 giorni, per un totale di un milione e 300 mila dollari dal lancio della campagna in aprile 2016 fino a ottobre dello stesso anno.
Uscito nel novembre 2016, ha venduto 90.000 copie nella sua versione originale americana e già prima della sua pubblicazione era stato venduto in Inghilterra, Germania, Brasile, Turchia, Polonia, Messico, Olanda, Tailandia e finalmente arriverà anche in Italia. A oggi il libro è stato tradotto il 12 lingue diverse.
Il progetto ha già ricevuto un largo apprezzamento da parte della stampa internazionale e italiana, soprattutto in quanto strumento di sensibilizzazione nei confronti della questione di genere ed esempio di eccellenza italiana all’estero.

Link di acquisto: http://www.mondadoristore.it/Storie-buonanotte-bambine-Elena-Favilli-Francesca-Cavallo/eai978880467637/

81QYqcc0OGL

Marie Curie non poté studiare in patria, la Polonia, perché in quell’epoca l’università era preclusa alle donne. Per questo si trasferì in Francia dove si laureò e si dedicò alla ricerca con enorme successo, fino al Premio Nobel. È solo uno dei tanti modelli femminili affascinanti, rigorosi, combattivi, mai banali, raccontati da Rita Levi-Montalcini. Storie straordinariamente esemplari per le adolescenti spaesate tra “velinismo” e paure. A loro, e ai loro fratelli e genitori, la più grande scienziata italiana racconta con passione i propri riferimenti personali: figure innovative, fiere e rivoluzionarie che hanno saputo affermarsi e trascinare con sé l’emancipazione della donna nella società occidentale, fino ai giorni nostri.

Hanno dovuto lottare contro i pregiudizi e il maschilismo per poter studiare ed entrare nei laboratori. Hanno rischiato di vedersi strappare le loro scoperte fondamentali, spesso attribuite ai soli colleghi uomini. Sono state capaci di caricarsi dell’impegno doppio della famiglia e della ricerca. Le storie di settanta donne eccezionali, esempi di emancipazione, genio e perseveranza, nel racconto di Rita Levi-Montalcini.

Link di acquisto: http://www.galluccieditore.com/index.php?c=scheda_bibliografica&simplequest=le%20tue%20antenate&id=627

Insegui la tua stella

Ciao booklovers,

Oggi vi parliamo di un bellissimo romanzo edito Giunti, letto per voi da Laura D’Amore.

817Gixx7CyL

Stavolta Sonja ha davvero lasciato tutte a bocca aperta: la sua morte improvvisa e un po’ comica all’ingresso dei grandi magazzini lascia sconcertate le sue tre amiche del cuore: com’è possibile che nessuna sapesse della sua precaria salute? La sorpresa è assai più grande quando Rebecka, Susanne e Maggan scoprono di essere le eredi di una strabiliante fortuna. Ma non è finita qui… Se vogliono entrarne in possesso, le tre amiche dovranno seguire passo passo alcune istruzioni che Sonja ha stilato nel testamento: Rebecka, una workaholic all’ultimo stadio, dovrà mollare il lavoro e trasferirsi a Maiorca; Susanne, splendida hostess dagli amori burrascosi, dovrà gestire un hotel a Londra; Maggan, nonna a tempo pieno, dovrà realizzare il suo sogno e scrivere un romanzo a Parigi. Mentre ciascuna fa a pugni con i suoi difetti e le sue paure, rimane ancora un interrogativo da sciogliere: cosa voleva veramente Sonja? Perché sta scombussolando radicalmente le loro abitudini? Si può cambiare vita a qualsiasi età? Solo se trovi la tua strada sarai felice.

Chi non vorrebbe ricevere una lettera con le istruzioni per una nuova vita in una nuova città e con una montagna di soldi?

Una commedia breve, ma intensa. Il romanzo è scritto in maniera semplice e scorrevole. Nonostante vi siano tre diverse storie intrecciate tra loro, non mancano i dettagli e ci si affeziona a tutti i personaggi. Protagoniste però sono tre donne che, con l’aiuto postumo della loro quarta amica defunta, vedono la loro esistenza completamente capovolta senza nessuna ragione apparente.

Ma niente accade per niente.

E così, si ritroveranno a vivere una nuova vita in tre diversi paesi, con un nuovo lavoro e tante paure da superare. La loro vecchia amicizia, però, continuerà a fare da protagonista alle loro storie, rendendole vicine nonostante la lontananza. Ed è proprio immergendosi in località da sogno come Londra, Parigi e Maiorca che Susanne, Maggan e Rebecka riconquisteranno fiducia nell’amore e negli uomini.

Perché forse la vera lezione di Sonja è che il cambiamento a volte è necessario per lasciare le vecchie abitudini ed immergersi in nuove romantiche avventure.

Link di acquisto: https://www.amazon.it/Insegui-tua-stella-%C3%85sa-Hellberg/dp/8809810910/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1489505008&sr=8-1

Novità Giunti Editore

Ciao booklovers,

oggi vi parliamo di  due bellissimi romanzi editi Giunti Editore.

81mje34qrwl

“Se mi tornassi questa sera accanto”, memorabile incipit della poesia “A mio padre” di Alfonso Gatto, è il secondo libro di Carmen Pellegrino che racconta il delicato rapporto tra padre e figlia. Un romanzo sulla distanza, a volte abissale, che può esserci tra gli esseri umani, specie se si sono amati. Giosuè Pindari – uomo antico, legato alla terra, alla famiglia e a un ideale politico – scrive lettere alla figlia Lulù, che se ne è andata e non dà più notizie di sé, e le affida alla corrente del fiume, arriveranno mai? Non è importante saperlo. In fondo il fiume, con le sue piene improvvise, sa sempre come arrivare a destinazione. In quella distanza vive Lulù che d’un tratto, dalle sponde di un altro fiume – dopo l’incontro con Andreone, l’uomo “leggero” che aspetta la piena – è come se rispondesse alle lettere paterne, seguendo la corrente.

http://www.giunti.it/libri/narrativa/se-mi-tornassi-questa-sera-accanto/#

Una storia che entra nel cuore dei lettori per la profondità della scrittura e l’intreccio emotivo dei protagonisti. Un viaggio nei luoghi e nei non luoghi, lungo la storia di una famiglia, di un dolore, della nostra terra. La scrittrice ci regala anche tantissimi momenti di incontro tra la sua scrittura e riferimenti letterari di rilievo (il titolo trae origine da una poesia di Alfonso Gatto). Un quadro narrativo che ci mostra una terra “persa” ed un padre che vive nella speranza che un fiume porti le sue lettere lontano, dove sono destinate ad arrivare. Un romanzo che è come una lunga poesia, intensa e coinvolgente.

81bebxglal

“Sono nata con due mesi di anticipo, sono fisicamente allergica ai tempi morti e adoro il tasto fast forward”: Agnese è così, una ragazza esuberante, autonoma, insofferente verso tutto ciò che frena la sua corsa. Ma improvvisamente, la vita prende una piega terribilmente dolorosa e la scaraventa dal centro di una metropoli che non dorme mai a una grande casa lungo un fiume, immersa nei ritmi immutabili della campagna e circondata da curiosi personaggi che solo in provincia si incontrano: il conte proprietario di tutte le terre circostanti, una anziana signora dagli occhi ciechi ma dalla memoria vivissima, un ragazzo bello e strano segnato da un grande dolore… Agnese reagisce come sempre, impulsiva fino all’autolesionismo. Ma mentre l’inverno finisce e tutto comincia a fiorire, ecco nuove sorprese per lei: dalle pagine di un libro riemerge una bustina di semi di Impatiens, la pianta i cui fiori rosa curano le ferite dell’anima, e la solitudine della sua grande casa è spezzata dall’arrivo di un giovane medico, misterioso e affascinante come una domanda sussurrata nella notte…

http://www.giunti.it/libri/narrativa/tutta-colpa-della-mia-impazienza/

Un romanzo in pieno stile Bramati: dolce, divertente e coinvolgente. Ritroviamo, in piacevoli comparse, i personaggi che ci hanno accompagnato nei precedenti romanzi, e che abbiamo imparato ad amare. Scopriamo nuovi protagonisti, in un paesaggio che la fa da padrone con le sue suggestioni: la Brianza. C’è un piccolo mistero da risolvere ed una protagonista effervescente da seguire, in un intreccio sorprendente.

Nella storia d’amore di qualcun altro

Ciao booklovers,

Prendete le vostre liste di libri da leggere e aggiungete questo bellissimo romanzo che ha letto per noi in anteprima Laura D’Amore.

In attesa della data di uscita, ecco qui la sinossi e le sue impressioni. #Staytuned

51b6eee5nbl

Per una giovane madre single come Shandi Pierce la vita è un gioco di destrezza: deve finire il college, crescere da sola il figlio Natty – un delizioso genietto di appena tre anni – e mantenere la pace tra una madre cattolica e un padre ebreo che, nonostante siano divorziati da anni, continuano a scontrarsi. Come se non bastasse, si ritrova coinvolta in una rapina a mano armata in una stazione di servizio e finisce per innamorarsi di William Ashe, l’uomo che si è messo in mezzo tra suo figlio e la pistola del rapinatore. Shandi non sa che anche quel gigante biondo bello come un dio nordico ha i suoi problemi. Mentre guardava dritto nella canna della pistola, William era convinto che quello fosse il suo destino… Ma del destino lui ha un’idea tutta sua: brillante genetista che crede nella scienza e nei numeri, è convinto infatti che la sorte non sia altro che una serie di scelte, più o meno obbligate. E adesso entrambi stanno per scontrarsi con ciò che la vita ha in serbo per loro e per fare scelte che li porranno di fronte a verità inaspettate sull’amore, sulla vita e su molte altre cose che erano convinti di sapere.

Il romanzo è come un puzzle scomposto, ogni capitolo è un tassello che torna al proprio posto, finché alla fine non si ha l’immagine completa.

La storia narra di come due persone che si conoscono durante una rapina, riescano a cogliere l’eccezionalità della situazione e cercano da lì in avanti di dare un senso nuovo alle loro esistenze. Così, mentre William aiuta Shandi a scoprire chi è il padre biologico di suo figlio, Shandi aiuta William a capire che lui ama ancora sua moglie.

“Speranza” è quella cosa con le piume che si annida nell’anima e canta la melodia senza parole e non si ferma, mai. Emily Dickinson

La scrittrice affronta molti temi sociali, come il divorzio dei genitori della protagonista e la sua adolescenziale gravidanza dovuta a una quasi violenza fisica. La sindrome di Asperger del protagonista e la sua incapacità di superare il lutto della figlia neonata. Ci sono i rapporti difficili con la matrigna, i tradimenti, i contrasti derivati da fedi religiose diverse, i traumi emotivi derivati dalla rapina e l’amore non corrisposto.

Alla base di tutto però c’è il perdono e quindi alla fine il destino deve seguire il proprio percorso riconducendo ognuno dei protagonisti nelle braccia di chi hanno sempre amato.

La scrittura è semplice e complessa allo stesso tempo, perché l’autrice ci regala flashback del passato senza alcuna introduzione o cambio di registro, proprio come se fossimo nella testa del personaggio durante quel ricordo. Ci conduce così fino all’epilogo, breve ma intenso come un bacio.