Pink Magazine Italia – St. Valentine’s Issue

pink-cover-san-valentino-2017È arrivato il numero di Pink Magazine Italia dedicato a San Valentino! Incontrerete l’autrice di best seller Juliette Sobanet, l’illustratrice Lika Mellow e l’artista Paola Marchi, camminerete lungo le strade di Parigi e avrete l’imbarazzo della scelta su quale film andare a vedere. La rubrica Il bello di Pink vi regalerà scatti di epoche passate e di belli che più belli non si può; ma ci saranno soprattutto i libri a tenervi compagnia: abbiamo scelto per voi i migliori romance in uscita; leggerete le nostre rubriche dedicate alla scrittura e alla traduzione, vi presenteremo poi il nuovo Pink Book!

Per chiudere in bellezza non poteva mancare una sfida letteraria: partecipate alla Pink Book Challenge #unannoconpink e leggete con noi i dodici libri che corrispondono ai criteri stabiliti nella Challenge. Aspettiamo le vostre foto, le vostre recensioni e i vostri commenti. Buon San Valentino a tutti!

Cinzia Giorgio

Acquista qui la tua copia di Pink Magazine Italia – St. Valentine’s Issue

Giochi di mano: dalla parola alla china

giochiQuando si parla di violenza sulle donne, spesso si punta l’attenzione su immagini forti che sappiano scuotere le coscienze dall’interno. Pugni allo stomaco. Non sempre però è la forma di comunicazione più efficace.
Manuela Lunati scrittrice del romanzo edito RaiEri “Giochi di mano” ha sperimentato, grazie alla bravura dell’illustratrice Isabella Manfrini, la forza delle vignette per dare nuova forma al suo messaggio.

Una storia d’amore nata in Bosnia durante l’ultima guerra civile. Lui croato, forte e dispersivo, lei italiana, schiva, costruttiva, assistente volontaria nei giorni dell’assedio. S’incontrano, lei conosce l’amore per la prima volta, si sposano in Italia e lei cerca con generosità di avvolgerlo nel calore della sua famiglia d’origine. Durante il loro viaggio di nozze, in una Bosnia ancora sconvolta dalla guerra, dove la violenza è penetrata ormai fino al midollo delle persone, per la prima volta emerge la prepotenza del giovane marito. Comincia così una storia di sopraffazione. Lei rischia di disintegrarsi, affoga in presunte colpe, giunge alla difficile consapevolezza della distruttività del loro rapporto e finalmente al riscatto, ritrovando la stima di sé. “Disintossicarsi” dalla violenza significherà rischiare una nuova relazione, un nuovo matrimonio, un figlio e riuscire ancora a credere ad una quotidianità senza incubi.

giochi-di-manoIn un tour di mostre e presentazioni, tra le tappe, dal 17 al 23 Dicembre, anche il Comune di Porto San Giorgio, potete leggere tutte le informazioni sulla locandina.

La violenza sulle donne raccontata e illustrata dalle donne!

#PinkRibbons

Isabella

Pink Books – le prime due uscite!

viola-xmas-parisViola Spring – Christmas in Paris

Charlotte Blake ha deciso: passerà il Natale a Parigi! Sua zia Georgie ha appena aperto una libreria a Montmartre, così lei non esita nemmeno per un istante a prendere il primo volo diretto in Francia, dove l’aspetta Pierre, il suo grande amore. Troppi chilometri li hanno separati per mesi e mesi, ma ora è giunto il momento di prendere decisioni sul loro futuro insieme. Chiaro, no? Così sembra, almeno fino a quando mette piede sull’aereo che da New York vola verso la capitale francese. Tra le nuvole, dopo qualche turbolenza e un paio di cocktail, Charlotte si ritrova a raccontare la sua vita a un perfetto sconosciuto, che forse non è così tanto sconosciuto come crede…

“Christmas in Paris inaugura le mie letture rosa natalizie, e lo fa in modo davvero avvolgente, questo è un racconto che meriterebbe di diventare un romanzo, le basi e gli ingredienti ci sono tutti. L’idea che conquista è la professione dei due protagonisti e ciò che è successo nel passato recente tra i due. Altro punto a favore del racconto, la personalità di Charlotte: una ragazza all’apparenza tra le nuvole, ma al momento di mettere i piedi per terra lo fa con il coltello tra i denti. Un incontro all’apparenza casuale su un aereo, una storia d’amore fraintesa e la nascita di un sentimento vero sono ciò che rende questo racconto irresistibile… la ciliegina sulla torta rosa la mette l’affascinante Mr. Marzano”. Anna Manca per Sognando tra le Righe

“Un romanzo che ha saputo fondere le splendide atmosfere di una delle città più belle del mondo a Natale, con il romanticismo più puro e semplice. Un amore tiepido, che nasce in poche pagine, contornato dalla gioia del periodo più magico dell’anno. Uno stile scorrevole, mai banale e pesante, per nulla scontato e che ti cattura dalla prima all’ultima riga!! Per non parlare degli splendidi personaggi che ha saputo creare questa donna! Joe si farà amare da tutte voi, ve lo garantisco: attraente, sexy, ma soprattutto romantico, con un velo di malinconia segnato da una delusione ma con una irriverenza e un’ironia che ti fanno innamorare di lui! Charlotte è un personaggio in cui alcune si possono tranquillamente identificare: romantica, sognatrice, schietta e irriverente, ma con una dolcezza d’animo quasi commovente, eppure molto determinata e anche combattiva. Questa splendida autrice, in poche pagine, ci regala una storia d’amore deliziosa, romantica, divertente e soprattutto magica”. Sara Piccinini per Starlight Book’s

“Questo delizioso racconto vi farà ritrovare in un attimo a Parigi, sotto la neve, a Natale, vi farà venir voglia di cioccolata calda, romanzi francesi e di prenotare il primo volo per la Francia.
Lo stile è ironico e immediato, pur essendo un racconto breve, riusciamo a percepire tutte le emozioni dei personaggi principali. Si legge davvero in brevissimo tempo, grazie a una scrittura fluida che riesce in poche battute a descrivere il mondo interiore di Charlotte, giovane, piena di sogni romantici sulla sua vita amorosa e professionale e quello di Joe, affermato professionista alla ricerca della donna giusta, dopo tante esperienze negative e superficiali.
A Natale si deve sognare e questo racconto è un sogno fatto di neve, strade luccicanti e libri, una fiaba moderna che piacerà a chi crede nella magia del Natale e di Parigi”. Angelica Elisa Moranelli per Flavoria Books

“Col suo stile scorrevole e veloce, Viola Spring ci regala una storia che ha le carte in regola per essere letta tutta d’un fiato proprio sotto l’albero di Natale, grazie ai dialoghi serrati e alle descrizioni coinvolgenti. Un racconto che vi farà innamorare sin dalle prime pagine e che crea grande aspettativa verso i nuovissimi Pink Books di Pink Magazine Italia: così deliziosi, che uno tira l’altro!” Alessandra Rinaldi per Velut Luna Press

Aquista qui: Viola Spring-Christmas in Paris

 

morgana_emperorsMorgana LeFay – The Emperor’s List

Jerusalem 135 A.D. General Julius Severus has just guided his legions through a difficult campaign in Palestine. The repression of the rebels has been maybe the bloodiest in Roman history. The praetor Fulvius Atticus is asked to return immediately to Rome, he has a secret mission to carry out. In Rome Cornelia Clodia, the only daughter of a rich copper trader, is getting ready for her husband’s funeral. He died during the Jerusalem campaign. Theirs was not a good match. She was his young second wife and he married her for her money. Also, she has not a drop of noble blood, while Marcus descended from a long line of patricians. Marcus’s best friend, Fulvius Atticus is the executor of her husband’s will which states that Fulvius and Cornelia should marry. The praetor has a decree from the Emperor Hadrian, by which the Emperor himself blesses the wedding. Cornelia can’t do anything but obey. On the night of her wedding she discovers a list of names in her new husband’s study and finds a partially burned letter from the Emperor in which there is mentioned a list of conspirators. Her father is on that list…

“Morgana LeFay really knows how to keep the reader in suspense. At every end of chapter, you feel the need to go on and on through the pages. This book let you travel in the past and recognise the Latin world with its traditions, language, formulas and families. The idea of “fides”, as Latin tradition intended it, is in this book alongside love, honesty, pride. Cornelia is a wonderful character. She’s not only pretty and young, but also intelligent and wise. When her world seems to crush down, she knows how to protect whom and who she loves”. Bianca Rita Cataldi for Not so Redhead 

“Non vi svelo altro della trama e mi limito a menzionarvi soltanto le prime pagine. Lo stile del libro mi ha colpito molto. Morgana LeFay ha decisamente fatto incredibili studi prima di scriverlo. Ci sono delle parti interessantissime riguardo le cerimonie dell’antica Roma. Se siete amanti della storia e di quel periodo, vi consiglio indubitatamente di leggerlo”. Aura Conte

Acquista qui: Morgana LeFay-The Emperor’s List

Blair Waldorf. Quando un personaggio diventa icona

blair-1Blair Cornelia Waldorf è antipatica. Così come lo era stata la terribile Becky Sharp della Fiera delle Vanità di William Makepeace Thackeray e Rossella O’Hara in Via col Vento di Margaret Mitchell. La protagonista del ciclo di romanzi della scrittrice statunitense Janet Malcolm, Gossip Girl (dai quali prende il nome anche la popolare serie tv), è odiosa, viziata e sembra pensare solo a se stessa. Come spesso accade in questi casi, c’è un perché. Nei romanzi, tanto per cominciare, Blair soffre di bulimia.

Quando inizia la serie (anche quella televisiva) Blair ha 16 anni, frequenta il terzo anno alla Constance Billard, è l’unica figlia di Eleanor Waldorf, famosa stilista d’alta moda, e frequenta l’alta società di neworkese. La sua migliore amica si chiama Serena van der Woodsen, con cui ha un rapporto molto particolare, è ottimista, snob ma anche tanto insicura. I suoi genitori hanno divorziato dopo che il padre ha scoperto la sua omosessualità e si è trasferito a Parigi con un modello della moglie. Blair prende come icona di stile Audrey Hepburn e veste in un modo molto femminile e ricercato; nella sua scuola è lei a decidere cosa e chi è “in” e cosa e chi è “out”, oltre a essere la regina dei party. Tutto ciò finché il bello e maledetto Chuck Bass non arriva a sconvolgere i suoi piani. Un classico.

Nella serie televisiva, scritta dalla sceneggiatrice Cecily von Ziegesar, Blair ha il volto dell’eclettica Leighton Meester, che la interpreta magistralmente. Sono diventate oggetto di culto le mise (spesso firmate Chanel) che Leighton indossa e le espressioni della mimica facciale sono diventate virali e circolano nell’etere come Gif animate. Yahoo! ha proclamato Blair membro del “pantheon televisivo delle taglienti femmine Alpha delle scuole superiori”. Osannato persino dal New York Times e da People, il personaggio di Blair continua ad ammaliare lettori e spettatori (soprattutto questi ultimi, dal momento che la serie Tv ha surclassato la popolarità dei romanzi). Leighton Meester recita così bene nella parte da elevare quella che potrebbe sembrare una banale soap adolescenziale a qualcosa che “ammettiamo di amare senza sentirci in colpa” (Golden Globes, 2009). Tim Stack ha infatti dichiarato: “Serena potrà anche essere la stella, ma Blair sta velocemente prendendo il suo posto”.

Che cosa ci affascina di questi personaggi antipatici? Il coraggio e la temerarietà. Per quanto insopportabili, sanno quello che vogliono e sanno come ottenerlo. C’è chi li ammira e chi li detesta ma nessuno rimane indifferente. Blair è un personaggio a tutto tondo, che ha mille sfaccettature: è bella, ricca, intelligente e veste benissimo. Ha insomma tutte le caratteristiche per essere detestata eppure molte sono coloro che la prendono come esempio di ragazza forte e volitiva. La sua malattia la rende umana, fa capire che non è una macchina e per questo motivo la si sente più vicina. Pur continuando a odiarla non si può fare a meno di ammirarla, ammettiamolo. Niente di male, è la dimostrazione della nostra fragilità ma anche della forza che si trova dentro ognuno di noi e che ci permette di superare i momenti difficili. Le delusioni, il dolore, le frustrazioni colpiscono anche i forti, anzi soprattutto loro.

Happy Blog Birthday!

happy-1st-birthday-to-my-blog-l-scufkf

Carissimi lettori, oggi prendo la parola per ringraziare la nostra meravigliosa Isabella D’Amore… il nostro blog compie un anno! Ne abbiamo passate tante insieme: Isabella ha letto per voi moltissimi libri, ha visto film, serie Tv e ha donato alla redazione entusiasmo, brio, amore per ciò che si fa e sopratutto ci fatto dono della sua grande professionalità. Questa prima candelina è tutta per lei. Grazie, Isabella, sei il nostro Pink Side of Life!

E grazie a voi lettori, che ci seguite sempre con attenzione e passione. senza di voi Pink non avrebbe ragione di esistere.

Tanti auguri a tutti noi

Cinzia

200910_tatler_alek_mr0275lm_tatl-2_large2

 

Coco Chanel by Megan Hess

 

51cqih0nfdl-_sx335_bo1204203200_Gabrielle «Coco» Chanel è la donna che ci ha liberate di tanti tabù riguardanti non solo il nostro modo di vestire ma anche di pensare. Perché le rivoluzioni, a volte, passano dall’abbigliamento. Pensate al movimento hippie, per esempio, e potremmo andare avanti all’infinito, includendo nel nostro excursus storico anche Cleopatra, Veronica Franco, Maria Antonietta, la contessa di Castiglione e così via.

Le origini di Coco sono avvolte nel mistero, lei non ne parlava mai. Nacque povera, rimase orfana della mamma e crebbe in un orfanotrofio nella Francia rurale di fine Ottocento. Determinata ad affrontare la vita da protagonista, esordì con una minuscola boutique di modisteria a Parigi, e la trasformò in un brand di fama internazionale. Quanto basta per creare una leggenda. Il volume Coco Chanel. Un’icona di stile (Mondadori Electa, 2016) scritto e illustrato dall’australiana Megan Hess racconta la vita, i luoghi, gli amori, le intuizioni e i capricci di una donna che ha osato rompere gli schemi, rivoluzionando il guardaroba femminile. I suoi cappelli, il tailleur declinato in infinite varianti, il tubino nero, pochi colori elegantemente combinati – bianco, nero, beige, oro, rosso – e poi il profumo Chanel N°5, la bigiotteria, la borsa 2.55 matelassé, la classica décolleté bicolore: accessori diventati icone che hanno conquistato le donne di Parigi e di tutto il mondo. E infine lei, Mademoiselle Coco Chanel. La sua vita, il suo stile, la sua innata eleganza fatta di sobrietà e rigore.

Megan Hess è un’illustratrice doc, nota a livello internazionale e con all’attivo collaborazioni con Chanel, Dior, Prada, Cartier, Montblanc e Tiffany. In tre capitoli la Hess illustra la vita di Coco: dall’infanzia alla nascita del suo stile ribelle e raffinato che ha portato alla nascita dell’impero commerciale dominato dalla doppia C. Ma racconta anche la nascita dei classici che hanno fatto la storia della moda: le perle, la petite robe noir (o little balck dress, se preferite), i tailleur in tweed e le borse matelassé. Megan è tra l’altro anche l’illustratrice ufficiale di Bloomingdale, nonché autrice delle cover di Sex and the City di Candace Bushnell. Ha collaborato anche con Michelle Obama e Gwyneth Paltrow. Questo su Coco Chanel è il suo terzo libro, che segue Fashion House e The Dress.

Per leggere l’intero articolo cliccate su: Cindy Style – Coco Chanel by Megan Hess – C. Giorgio

Se volete sfogliare il libro online, cliccate sul link:

 

 

Cinzia Giorgio

Pink Magazine Italia – Ottobre 2016 #CoverReveal

pink-_oct_issue16Pink Magazine Italia ha cambiato look! Il messaggio che vogliamo trasmettere è il cambiamento che deriva dalla semplicità. In questo numero, oltre alle nostre amate rubriche di scrittura creativa e traduzione, leggerete recensioni di libri molto particolari e focus sul mondo dell’arte. Abbiamo intervistato per voi Max Croci, il regista di Al posto tuo, una raffinata commedia con Luca Argentero e Stefano Fresi che sta spopolando nelle nostre sale cinematografiche; ma abbiamo anche chiacchierato con Dario Imbò, un talentuoso artista italiano che vive a Parigi. Per rimanere nella meravigliosa capitale francese, leggerete anche l’intervista al giovane regista e attore Hermann Marchand e un interessante articolo, nato dalla collaborazione con il sito Parigi Grossomodo, di Gloria Liccioli e Silvia Cher. In questo numero troverete inoltre una sezione moda più ampia, dedicata a due icone: Coco Chanel e Edith Head. E tanto altro ancora, come l’articolo sulla controversa campagna Féministe mais féminine, il lancio del nuovo periodico LOVE di Aliberti Compagnia Editoriale e tanto altro ancora.

Intrighi d’amore a Villa Roseburn

villa-roseburnRomina Angelici nel suo romanzo d’esordio Intrighi d’amore a Villa Roseburn (collana Love, 2016) rivisita con garbo i romanzi Regency che tanto hanno appassionato le lettrici di ogni tempo e che continuano a esercitare un fascino particolare ancora oggi. Chi ha amato Darcy e Lizzy di Orgoglio e Pregiudizio sa bene che  Jane Austen ci ha insegnato a  non dare per scontato nulla e che talvolta il destino ha un inaspettato senso dell’ironia. Come non sorridere, del resto, leggendo le avventure delle eroine di Georgette Heyer, forse una delle migliori eredi della Austen? Nel romanzo di Romina Angelici questi elementi non solo si coniugano in una elegante cornice ma si accompagnano alla tradizione austeniana con estrema cura nei dettagli, nelle ambientazioni e nell’elegante tratto dell’autrice, rispettando la tradizione e le atmosfere che la Austen ci ha fatto amare.

Nell’augusta dimora di Lady Olivia Roseburn, a Londra, l’arrivo di Miss Trouble, il cui nome è tutto un programma, rompe la monotonia di un’esistenza scandita da regole e piani precisi. L’arrivo di mazzo di tulipani screziati, di cui non si conosce il mandante né tanto meno la presunta destinataria, crea scompiglio tra i diversi corteggiamenti in atto. Miss Charlotte Roseburn comincia a domandarsi se non sia un omaggio di Lord Charming, vecchio amico di famiglia, a sua madre o se suo cugino Henry Stanhope non voglia invece indirizzarlo alla bella Susan Trouble, o se sia infine il timido tentativo di seduzione di Mr Patient, amico di Henry. L’allegra comitiva si sposterà poi a Bath per la stagione estiva dove, anche grazie all’arrivo di Mrs Stanhope, la rete di equivoci si infittisce sempre di più. Solo l’intervento di un formidabile cerimoniere riuscirà a sistemare ogni tessera al posto giusto.

Romina Angelici è laureata in Giurisprudenza e impiegata ma non ha mai dimenticato l’iniziale amore sbocciato sui banchi di scuola per la poesia. Di formazione classica, accanita lettrice, adora Jane Austen e la letteratura inglese. Ha collaborato con la rivista Ottocento Letterario e con il sito di comunicazione http://www.informazionetv, e ha pubblicato alcuni contributi sul sito Jasit.it; gestisce il blog ipiaceridellalettura.wordpress.com. Vive in provincia, nelle Marche, su una collina sul mare, sposata,  due figli, ama sia la tranquillità domestica sia viaggiare.

Intrighi d’amore a Villa Roseburn è dunque un romanzo da leggere, amare, assaporare e tenere sempre accanto per rileggerne alcuni passi. Una storia delicata, ironica ma anche piena di colpi di scena e di intrighi, come recita il titolo stesso. Un romanzo che intrattiene con leggerezza, ma in cui nulla è lasciato al caso, come nella migliore tradizione inglese: si rivivono le atmosfere dei romanzi di Jane Austen e le situazioni descritte da Georgette Heyer, nella sua scintillante produzione ispirata all’Età Regency. Un omaggio a due grandi scrittrici e alle loro appassionate lettrici.

regency