Il colorato mondo di Fernando Botero al Vittoriano di Roma

Una dimensione onirica, fantastica e fiabesca dove si percepisce forte l’eco della nostalgia e di un mondo che non c’è più o in via di dissoluzione

La mostra Botero ripercorre, attraverso una cinquantina di capolavori provenienti da tutto il mondo, oltre 50 anni di carriera dell’artista colombiano dal 1958 al 2016: uomini, animali, vegetazione i cui tratti e colori brillanti riportano immediatamente alla memoria l’America Latina. Fernando Botero, artista poliedrico di origini colombiane, è diventato famoso e popolare in tutto il mondo per il suo inconfondibile linguaggio pittorico, immediatamente riconoscibile. Alla sua arte si rende omaggio con un’esposizione  che si presenta come la prima grande retrospettiva dell’opera di Botero in Italia, a Roma presso il Complesso del Vittoriano – Ala Brasini fino al 27 agosto sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma Capitale, con il patrocinio della Regione Lazio. Organizzata e co-prodotta da Gruppo Arthemisia e MondoMostreSkira, è curata da Rudy Chiappini in stretta collaborazione con l’artista.

Il percorso espositivo è suddiviso in otto sezioniSculture; Versioni da antichi maestri; Nature morte; Religione; Politica; Vita latino-americana; Nudi; Circo. Ad accogliere il pubblico, fuori dalla mostra, e visibile anche a tutti i passanti, la gigantesca scultura in bronzo Cavallo con briglie, di oltre una tonnellata e mezzo di peso e alta più di tre metri.

Fernando Botero ha guadagnato fama internazionale dipingendo figure corpulente e talvolta comiche. Caratteristica della sua pittura è la dilatazione (o abbondanza) che subiscono i suoi soggetti dalle forme irreali, astratte, a volte grottesche; figure monumentali dai colori vivaci e dalle tonalità brillanti.

«Credo molto nel volume, in questa sensualità che nella pittura suscita piacere allo sguardo. Un quadro è un ritmo di volumi colorati dove l’immagine assume il ruolo di pretesto».

Nei suoi dipinti è assente la dimensione morale e psicologica: è lo spettatore a decidere cosa pensare.

La mostra  accoglie anche i suoi omaggi ai grandi artisti del passato come Piero della Francesca, Velázquez e Raffaello (La Fornarina, per esempio, diventa una donna dalle forme abbondanti e fiabesche); Botero dipinge poi Adamo ed Eva, una donna nuda allo specchio in Il bagno. Ritrae anche importanti politici e persino  Gesù sulla croce e una Madonna con Bambino. Una mostra che val la pena di visitare per immergersi in un’atmosfera unica.

BIGLIETTI

Intero € 12,00 (audioguida inclusa)

Ridotto € 10,00 (audioguida inclusa)
65 anni compiuti (con documento); ragazzi da 11 a 18 anni non compiuti; studenti fino a 26 anni non compiuti (con documento); militari di leva e appartenenti alle forze dell’ordine; diversamente abili; giornalisti con regolare tessera dell’Ordine Nazionale (professionisti, praticanti, pubblicisti); dipendenti e agenti (muniti di badge) e clienti (muniti di dem nominale) Generali Italia.

Informazioni: http://www.ilvittoriano.com/index.html

My Vision, la terza collezione di Drusilla

Lucilla Ferretti, in arte Drusilla, presenta la propria visione del mondo in sei abiti: “Combatto l’ipocrisia continuando a sognare l’eliminazione delle barriere. La moda, come le altre arti, può essere uno strumento per fare politica”
Unione e contraddizione. Questi sono i temi della terza collezione della stilista Lucilla Ferretti, in arte Drusilla. Dopo “Precious” e “Melting Pot” è sempre il controverso animo umano al centro della verve creativa della giovane designer. E’ qui che Drusilla presenta la propria visione del mondo, di un’arte che non si arrende alla costruzione di barriere, che si rifugia in sé stessa per far esplodere il proprio credo e proiettarlo in tutto il mondo. My Vision è un mix di speranze tradite che riflette e combatte un’Europa sempre più in contrasto con l’Oriente e con le altre parti del mondo. Un continente che sbandiera la propria unità, ma dove convivono una serie di anime pronte e desiderose di prevalere le une sulle altre. Un caos accettato forse troppo passivamente dalla nostra comunità e mostrato senza filtri da Drusilla.  Gli abiti sono indossati dall’attrice Maria Valentina Principi, protagonista dell’ultimo video di Gigi D’Alessio “Ti innamori e poi”, e dalla modella Verdiana Meneghini.
“Il mito del melting pot è crollato – afferma la giovane stilista romana -. I popoli della Terra non si sono fusi in un unico crogiolo, non hanno creato quell’armonia tanto agognata dai grandi pensatori dell’Umanità. Le razze ancora oggi si limitano a convivere, mantenendo barriere le une con le altre. I nostri mari sono solcati da mezzi di fortuna carichi di disperati, che sperano invano nell’accoglienza di popolazioni strozzate da un’economia che crea paura, tensione sociale e – anche qui – divisione. Eppure non smettiamo di sognare un mondo di bellezza, dove tutto possa acquetarsi, assumere senso. Dove si possa ricomporre una disgregazione che prima di tutto è dentro di noi, ma che la nostra anima allontana, rifugiandosi nell’arte.  La mia collezione riflette tutto questo – prosegue Drusilla – La moda, come le altre arti, può essere uno strumento per fare politica. Ho concepito infatti tre abiti dove la stoffa senegalese si mescola, senza fondersi, con l’alcantara, come un Sud del mondo mai veramente accettato dall’Occidente opulento e conservatore. Tagli asimmetrici, colori accesi che virano dal blu al marrone-giallo, simboli di popoli affamati di vita, compongono dei capi pret-à-porter di ispirazione classica, estivi e versatili, concepiti per essere indossati in qualunque ora del giorno. Gli altri tre capi della collezione sono invece abiti lunghi da sera, più legati all’alta moda, e rappresentano l’immagine che ho io dell’Europa attuale, culturalmente ricca e variegata, piena di potenzialità, ma incapace di pensieri e obiettivi realmente unitari. Anche qui ho dunque lasciato convivere le contraddizioni, mescolando stoffa scozzese con altre stoffe di provenienza occidentale. La cartella colori parte da un magenta spento, passando per un verde scuro, e finisce con l’incontro di rosso e nero dell’ultimo abito, che sottolinea in modo ancora più enfatico l’incontro-scontro degli opposti. Ogni abito è un pezzo unico”.
Il sito ufficiale della stilista www.drusillaclothing.com

I nuovi Pinkbooks!

Maria Capasso – Un giorno di primavera 

Camilla ha un passato da dimenticare e una vita che scorre tranquilla senza particolari emozioni. Gli amici e il lavoro sono le uniche soddisfazioni che ha. Una sera, però, la sua routine viene stravolta da uno sconosciuto che la salva da una situazione imbarazzante con un ragazzo. Lo sconosciuto sembra dissolversi nel nulla e Camilla perde le speranze di ritrovarlo. Il ragazzo misterioso, tuttavia, le invia una lettera e inizierà uno scambio di parole all’apparenza innocue. Quanto è sottile la linea delle emozioni fra il mondo virtuale e quello reale?

Acquista qui: Maria Capasso – Un giorno di primavera

 

Riccardo Iannaccone – Il grande amore, il segreto della pioggia

Tommaso Neri è un giovane giornalista che, dopo anni di gavetta, vuole cambiare vita. Decide così di lavorare come PR e si rivolge al suo vecchio amico Leonardo, che incarna l’essenza stessa della movida romana: brillante, dongiovanni e schiavo del sistema.

Tommaso comincerà a lavorare, occupando il prestigioso ruolo di PR degli eventi di Palazzo Brancaccio. Una location da fiaba, nonché classico punto di ritrovo per tutti coloro che vogliono vivere lo sballo del sabato capitolino nelle tiepide serate d’ottobre.

Alcol, donne, discoteche, deejay, ospiti vip e feste a tema: c’è tutto quel che serve per stordire Tommaso, completamente perso nei meandri delle proprie incertezze verso il futuro intriso di indecisioni e scelte da prendere. E poi c’è lei, Simona. Non una delle solite sirene. Ragazza immagine di molti eventi organizzati da Tommaso…

Acquista qui: Riccardo Iannaccone – Il grande amore (parte prima)

Chanel Cruise 2018 – omaggio agli dei

La Modernité de l’Antiquité

Si è tenuta al Grand Palais di Parigi la sfilata Chanel Cruise Collection 2018 che ha visto protagonista assoluta la donna forte e tenace, incarnazione delle dee dell’Olimpo.

Le modelle hanno sfilano all’ombra delle rovine di un suggestivo tempio di un’antica acropoli greca. Karl Lagerfeld ha preso dunque ispirazione dall’Olimpo e dall’Antica Grecia in un vero e proprio trionfo della femminilità e della bellezza… per una volta adattabile a tutte le taglie!  Abbiamo visto i cosiddetti peplum dress, gli abiti monospalla drappeggiati, e le superbe lavorazioni a greca ovvero i motivi ornamentali delle anfore; e ancora le borse con la nottola di Athena, i frontini con le foglie di alloro dorate e gli arditi e coloratissimi sandali spartani. Le ragazze erano divinitàPerché se il diavolo veste Prada, la dea a quanto pare veste Chanel.

Per vedere l’intera salata clicca qui: Chanel Cruise 2018

Booklover a chi?

Chi è il bibliofilo? “Chi ama i libri in se stessi, per la loro antichità o rarità, e ne fa collezione” recita il dizionario Treccani. Ecco dunque la definizione dei cosiddetti booklover. Una razza aliena? No, una vera e propria schiera di amanti dei libri che hanno un profilo ben preciso. Un breve saggio, divertente e senza pretese, in cui si fa un viaggio nelle piccole manie, gioie e debolezze dei booklover. Ce n’è di ogni tipo: annusatori di libri, collezionisti di gadget letterari, amanti delle edizioni speciali, lettori incalliti, book-blogger, Amazon-dipendenti. Non mancheranno ovviamente consigli di lettura e soprattutto tanti suggerimenti per acquisti “librosi”. Caricate le vostre carte prepagate e tenetele pronte. Si parte!

Acquista qui: Diario di una Booklover 

CAFèNOIR inaugura il suo primo negozio a Roma

 

CAFèNOIR INAUGURA IL PRIMO NEGOZIO MONOMARCA A ROMA CONSOLIDANDO LA SUA PRESENZA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Roma, 14 Aprile 2017CafèNoir, brand italiano leader nelle calzature, negli accessori e da qualche stagione anche nell’abbigliamento, inaugura Venerdì 14 Aprile il suo primo negozio monomarca nel cuore di Roma, location ideale per consolidare la presenza sul territorio italiano. A pochi passi da Piazza Venezia e dai Fori Imperiali, la nuova Boutique di 100 mq si preannuncia come tappa obbligatoria per i clienti più fedeli del marchio toscano ma anche per chi sarà catturato dalle iconiche proposte ben visibili grazie alle quattro ampie vetrine affacciate su via IV Novembre, al civico 118. Un layout accattivante che unisce con sapienza elementi classici della storia della Capitale ai materiali più attuali in grado di valorizzare le ultime collezioni di accessori e abbigliamento donna e uomo. Il pavimento in travertino, la pietra regina di Roma, e l’ampio soffitto con volte a crociera accolgono l’esposizione su base white con inserti in colore nero, in un alternanza di mensole e plexiglas trasparente, per la massima valorizzazione dei prodotti.

L’intero sistema di illuminazione è di tipo Led di ultima generazione a risparmio energetico e per una maggiore efficienza illuminotecnica. Grazie a faretti a led direzionali posti sul soffitto e streep luminose inserite sapientemente nelle mensole, la Boutique CafèNoir risulta molto luminosa e i prodotti enfatizzati al massimo. Lo stile inconfondibile CafèNoir si inserisce strategicamente in uno spettacolare edificio storico in una delle aree più prestigiose della città e in una delle vie più commerciali della Capitale, proprio accanto al Palazzo della Provincia, per un connubio di eccellenze e di Italian Style. L’Opening di Roma, che va ad aggiungersi all’ultima apertura di Dusseldorf in Germania, è infatti solo il proseguimento di una strategia di sviluppo Nazionale ed Internazionale volta a consolidare un’espansione capillare dei monomarca del brand toscano

CAFèNOIR 

Il progetto CAFèNOIR nasce nel 1992 con un chiara ambizione: creare collezioni alla moda, dove la creatività e strategie di business marketing oriented si integrano dando vita a prodotti con un rapporto qualità prezzo ottimale. Questa filosofia ha portato a una crescita costante del marchio, sia in termini di brand awareness sia di brand reputation. Attualmente il marchio è presente in 2.500 punti vendita multimarca in Europa, 14 punti vendita monomarca CafèNoir in Italia e una previsione di apertura di 10 nuovi Monomarca nel 2017.

.

Pink Magazine Italia – April Issue

The Pink Side of…Us!

Carissimi lettori, Pink cresce, si rinnova e diventa sempre più il punto di riferimento per chi ama i libri, il teatro, l’arte, la moda, il cinema e i viaggi. Ancora una volta mi trovo qui davanti a voi per fare un annuncio importante: a partire da questo numero, infatti, potrete leggerci ovunque e scaricare gratuitamente la versione digitale del nostro magazine sui vostri dispositivi elettronici per essere sempre a portata di mano e di click! Con l’occasione cambia un po’ anche la veste grafica e se siete abituati alle meraviglie del nostro team… aspettate e sfogliate, ne vedrete delle belle. Pensando a come presentare una rivista gratuita, io, Luigi e Isabella abbiamo raccolto tutto il meglio che ci offriva il panorama editoriale italiano. In questo numero troverete pertanto le nostre recensioni di libri appena usciti, un focus sulla letteratura russa, sulla traduzione letteraria, un primo resoconto della nostra Book Challenge, i migliori film del momento selezionati per voi mentre saremo da Tiffany a New York e assaporeremo la Grande Mela anche grazie alle bellissime illustrazioni di Megan Hess. Parleremo con Giammarco Sicuro, inviato del Tg2 e con il direttore delle collane da edicola Mondadori, Franco Forte (che ha in serbo per noi una bellissima sorpresa). Insomma, l’aria di primavera ci fa davvero bene!

Cinzia Giorgio

Leggi Pink gratuitamente cliccando qui: Pink Magazine Italia – Aprile 2017

Pink Magazine Italia – St. Valentine’s Issue

pink-cover-san-valentino-2017È arrivato il numero di Pink Magazine Italia dedicato a San Valentino! Incontrerete l’autrice di best seller Juliette Sobanet, l’illustratrice Lika Mellow e l’artista Paola Marchi, camminerete lungo le strade di Parigi e avrete l’imbarazzo della scelta su quale film andare a vedere. La rubrica Il bello di Pink vi regalerà scatti di epoche passate e di belli che più belli non si può; ma ci saranno soprattutto i libri a tenervi compagnia: abbiamo scelto per voi i migliori romance in uscita; leggerete le nostre rubriche dedicate alla scrittura e alla traduzione, vi presenteremo poi il nuovo Pink Book!

Per chiudere in bellezza non poteva mancare una sfida letteraria: partecipate alla Pink Book Challenge #unannoconpink e leggete con noi i dodici libri che corrispondono ai criteri stabiliti nella Challenge. Aspettiamo le vostre foto, le vostre recensioni e i vostri commenti. Buon San Valentino a tutti!

Cinzia Giorgio

Acquista qui la tua copia di Pink Magazine Italia – St. Valentine’s Issue