Meghan, lo chignon e l’eleganza della maternità

Si è tenuta pochi giorni fa la premiere Londinese del nuovo “Re Leone”, prodotto dalla Walt Disney Pictures -Remake del famoso cartone animato degli anni ’90. Domenica sera a Leicester Square si sono ritrovati tutti i personaggi che hanno dato voce e musica a questo film davvero attessissimo nelle sale. Atteso era anche l’arrivo del Duca e della Duchessa del Sussex, che non hanno negato al pubblico e ai personaggi del calibro di Beyoncè, Ja-z, Sir Elton John e Pharell Williams: sorrisi, calorosi abbracci e vigorose strette di mano.

Ma, senza dubbio, tutta l’attenzione – come sempre avviene, soprattutto da quando è diventata mamma del piccolo Archie Harrison Mountbatten Windsor – era per Meghan Markle.

Bellissima ed elegante in un vestito nero firmato Jason Wu, con i capelli raccolti in uno dei suoi famosi chignon che incorniciavano il viso dal trucco leggero, lasciava che i flash fossero tutti per lei.

Non rinuncia a se stessa, Meghan… la sua eleganza e padronanza di sé la rendono sempre più padrona del palcoscenico mediatico a cui, il suo matrimonio fiabesco l’ha proiettata. Il suo corpo ancora porta i morbidi cambiamenti che solo una gravidanza può donare e che, sempre più spesso, la nostra società addita e mal digerisce.

Meghan e i capelli non trattati, per tutelare la salute del bambino. Meghan e il suo nuovo outfit, Meghan… Meghan e le morbide rotondità che fanno parte di lei dopo “ancora” due mesi dal parto – al contrario della cognata Kate, che già uscita dalla clinica, sembrava fosse andata dal parrucchiere invece che a far nascere l’erede al trono &Co. – è consapevolmente coscente del suo corpo e non è schiava dei dictat social, che ci vogliono rilassate anche in travaglio, magre 27 minuti dopo il parto.

La duchessa del Sussex, invece, porta alta la bandiera di chi “prima dei chili, ci sono i bambini” e con consapevolezza percorre il tappeto rosso,sorride, tiene per mano il principe Harry e osserva tutti con gli occhi di chi ha capito che i leoni da tastiera, che apostrofano e giudicano, sono in realtà scarafaggi a cui i tacchi a spillo che indossa, renderebbero davvero pan per focaccia (sempre per rimanere in tema di diete e carboidrati post partum!).

Di questa donna, della sua forza e lungimiranza, della sua consapevole capacità di rispettare in primis se stessa e il suo bambino, dovremmo andar fiere tutte noi, prendendola come esempio. Ma purtroppo il mondo del web, non sempre è così attento e sensibile, ma nel mio piccolo, al momento non posso che dire: Grazie Meghan! Visto che proprio io, dopo ancora 7 anni dal mio ultimo parto porto ancora quei chili in più, e a volte me li sono sentiti pesanti e impossibili d’accettare, provo grande empatia per questa Donna che mi hai fatto sentire meno “aliena” e più umana.

Mirtilla Amelia Malcontenta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...