Elena di Troia era davvero così bella?

Che cosa si nasconde dietro a un mito? Che cosa ci insegna ancora oggi la storia della bellissima Elena di Troia?

Nel suo coltissimo e raffinato romanzo La splendente (Feltrinelli editore) Cesare Sinatti ci conduce sulle antiche sponde del “greco mar”, come un moderno Omero, per raccontarci la storia delle storie. Una donna splendente e bella come nessuna viene alla luce e determina la storia. Ma è andata veramente così? Elena è stata davvero il pomo della discordia, la causa di una guerra sanguinosa e tremenda? La spartana Elena lega per sempre il suo destino (e il suo nome) a una città ostile e nemica, Troia.

La colpa non è di nessuno e di tutti. La bellezza non ha colpe ma solo vittime, potremmo azzardare.

Alternando capitoli in cui leggiamo di Achille, Odisseo e Penelope, Menelao e Agamennone, Elena appare quasi muta, immobile. La dea la avvolge, nessun uomo è capace di resisterle. Un’arma a doppio taglio, la bellezza di Elena, che lacera, divide e innamora.

“Non nascerà mortale più bello di lei”, così profetizza Zeus, mutatosi nel cigno che feconda Leda; e così, con la nascita di Elena la Splendente, inizia questo romanzo che racchiude in sé tutto il cosiddetto “Ciclo Troiano”. Storie che arrivano da lontano, da teogonie e miti antichissimi, che cantano il destino comune di dei e uomini per narrare una parabola funesta e accecante: il passaggio dall’età dell’oro a quella del ferro, la fine del tempo degli eroi. Storie che si intrecciano proprio in virtù della bellezza di Elena, la più desiderata, la più contesa e imprendibile.

Ma Cesare Sinatti non si limita a riattualizzare i miti, allontana gli dei dal mondo degli uomini e attenua il loro controllo sui destini individuali, intrecciando con sapienza i modi dell’epica a quelli della tragedia (quella antica e quella moderna, da Euripide a Shakespeare), portando prepotentemente in scena l’umanità dei sentimenti e delle passioni dei protagonisti.

Tolti alla fissità del mito, Odisseo, Agamennone, Menelao, Achille e Patroclo, ma anche Epipola, Clitemnestra, Penelope, Palamede e molti altri ancora, emergono da queste pagine con estremo nitore, nutriti della sensibilità di un loro coetaneo di oggi. Nei ventiquattro capitoli che compongono il romanzo – tanti quanti i libri dell’Iliade e dell’Odissea – Sinatti tesse le loro storie con passione e ricercatezza espressiva, passando dai toni lirici degli amori alla feroce vividezza delle battaglie cruente. Una scrittura di ricchezza sorprendente, una narrazione modernissima che parla la lingua del mito.
La Splendente ha vinto il premio Calvino, il riconoscimento italiano più prestigioso per le opere prime.

Le mani perverse di un artigiano immane si erano divertite a costruire Troia. Le mura si stendevano su tutto l’orizzonte visibile, come se tracciassero il confine stesso della terra.
E loro non erano che uomini, gli ultimi figli degli dei, rossi di sangue come neonati, bianchi nella luce delle stelle e nel pallore dell’angoscia per ciò che li attendeva.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...