Paola Marchi in mostra a Milano

LE STANZE DELL’APPRENDIMENTO II (Bizarre Bazarre)

Giovedì 16 maggio 2019 nel parco di Villa Pezzoli Canevari Gherzi

h 20.00 buffet + Open wine

h 19.30 esposizione Paola Marchi

h 21.30 CONCERTO di Emma Morton and the grace

Le Stanze dell’apprendimento II (Bizarre Bazarre) è il titolo della terza mostra personale che mette un altro punto nel difficile cammino che Paola Marchi ha intrapreso all’interno del mondo dell’arte. 

Il mio cammino si accompagna necessariamente al mio personale percorso umano di ricerca e che si è concretizzato artisticamente in due precedenti personali dal titolo “Santa Subito” (tenuta presso il Castello Malaspina di Massa nel 2017) e Le Stanze dell’Apprendimento (Tenuta nelle Sale delle Grasce del complesso di Sant’Agostino a Pietrasanta nel 2018).

Questo terzo appuntamento costituisce quindi il terzo momento della mia esperienza e si pone l’obiettivo di mostrare al pubblico interessato i prodotti della creatività applicata al percorso definito spirituale. 

“Le Stanze dell’apprendimento” è la definizione che ho scelto per evidenziare il fatto che, all’interno di un percorso di crescita, tutto diventa esperienza portatrice di un messaggio che, se ben compreso, permette di compiere un vero e proprio salto qualitativo.

Viviamo un Tempo molto complesso dove tutti siamo chiamati ad affrontare prove sempre più difficili, un tempo di finis terrae, in cui assistiamo al definitivo crollo di tutto ciò che credevamo “reale”. La sensazione di perdere la terra sotto i piedi è esperienza ormai condivisa in ogni settore, dalla politica all’economia, niente ormai fa più intravedere possibilità di uscita da una realtà che è profondamente malata nella sua essenza.

Malattia esterna che è solo il riflesso di una malattia interiore dell’anima che ci affligge tutti, con diversi livelli di gravità. Restare vivi e centrati, senza perdere la carica ottimistica necessaria per non farsi travolgere definitivamente dal Caos imperante, significa aver imparato a volare. Quando tutto crolla, si può reagire in molti modi. C’è chi piange, chi si arrabbia e inizia a lanciare croci ovunque inneggiando a una presunta “ragione” che ha evidentemente perso la sua battaglia e non accetta la sconfitta, c’è chi si aggrappa a brandelli di terra ancora non crollati e cerca di collaborare alla ricostruzione di qualcosa di ancora indefinito, qualcosa di Nuovo. La necessità del Nuovo diventa quindi non solo la promessa di quel benessere negato da sempre alla maggioranza degli esseri umani, ma anche l’unico tentativo reale di costruire prospettive future.

Parlare di futuro in tempi di totale decadenza è una prova. Il nuovo incontra infatti incomprensione, sospetto, diffidenza, aperta ostilità, se poi lo si propone in un terreno infetto come quello in cui ormai versa la nostra società, il nuovo diventa elemento di disturbo da combattere oppure, ancora peggio, salvagente a cui aggrapparsi senza sapere come rapportarcisi.

Ho fatto mia la frase: “Art should comfort the disturbed and disturb the comfortable“… intendendo con questa ultima parola la famosa “zona comfort” di cui si parla ormai ovunque come il peggior nemico al cambiamento positivo di crescita reale.

Il nuovo infatti, proprio per salvaguardare il valore salvifico che porta, non può piegarsi a nessuna delle deformazioni che il caos comporta, deve restare puro e fermo, proprio perchè deve costituire un exemplum che resti nel tempo.

Paola Marchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...