8 curiosità sulle sorelle Brontë

Oggi vi svelo otto curiosità sulle mie scrittrici vittoriane predilette: le sorelle Brontë.
Ma iniziamo subito…

  L’origine del cognome Brontë deriva dalla cittadina siciliana di 

Bronte.
Il padre delle sorelle Brontë, l’irlandese Patrick Prunty (o forse Brunty oppure O’ Prantee), era un grande ammiratore dell’ammiraglio Horatio Nelson, insignito del titolo di Duca di Bronte da re Ferdinando IV delle Due Sicilie. Per questo motivo Patrick modificò il suo cognome in Brontë, specificando la dieresi sopra la ‘ë’ affinché gli inglesi non ne sbagliassero la pronuncia eliminando la “e” finale.
Secondo Patrick, il nome Brontë appariva più aristocratico, e risentiva meno dell’origine irlandese della famiglia, oltre a ricordare l’ammiraglio Nelson.

 Jane Eyre, capolavoro principale della produzione letteraria di Charlotte, uscì nel 1847 sotto lo pseudonimo di Currer Bell.
Tutte e tre le sorelle Brontë, infatti, pubblicarono i loro romanzi d’esordio sotto lo pseudonimo dei fratelli Bell.
Charlotte scelse Currer Bell, Emily firmava Ellis Bell ed Anne optò per Acton Bell, ognuna rispettando le iniziali del proprio nome.
Il motivo di questa scelta, fu che ai tempi le opere letterarie di scrittrici donne venivano nettamente  discriminate rispetto a quelle dei colleghi uomini.
A causa degli pseudonimi, però, nacquero dei problemi nell’ attribuzione successiva dei romanzi alle rispettive autrici. Alcuni studiosi, infatti, attribuirono erroneamente a Charlotte Brontë  anche Cime tempestose, romanzo scritto da Emily negli anni immediatamente precedenti alla sua morte.

 Charlotte Brontë scrisse un romanzo che mai terminò, dal titolo originario “Emma”. Il romanzo, di cui Charlotte scrisse solo i primi due capitoli, fu completato in seguito da un’ altra scrittrice e pubblicato successivamente con il titolo “Emma Brown”.

 Charlotte Brontë dedicò la prima edizione di Jane Eyre al suo scrittore preferito, William Makepeace Thackeray, autore del romanzo “La fiera delle vanità”.
L’autrice ignorava però che la moglie di Thackeray, fosse pazza e che, proprio come Rochester, il marito la tenesse confinata in una stanza della loro casa. Questo inconveniente, fece diffondere a Londra la voce che lo scrittore Currer Bell (Charlotte), si fosse ispirato a Thackeray  per raccontare la storia di uno dei protagonisti del suo romanzo.

– Molte vicende narrate in Jane Eyre, sono autobiografiche.
Il racconto del soggiorno di Jane Eyre alla Lowood è basato sull’ esperienza di Charlotte Brontë, che, a soli  cinque anni, dopo la morte della mamma, fu mandata dal padre, il reverendo Brontë, insieme alle sorelle, alla Clergy Daughter’s School di Cowan Bridge nel Lancashire, collegio per figlie di ecclesiastici. Per le sorelle Brontë fu un esperienza terribile. L’istituto scolastico riservava alle studentesse un trattamento durissimo: la scuola non era ben riscaldata, le condizioni igieniche erano pessime, ed il cibo sempre molto poco. Il personaggio del preside della Lowood, è ispirato al Reverendo William Carus-Wilson, preside del collegio.

– Nel 1839, mentre prestava servizio come istitutrice, presso una ricca famiglia, Charlotte visitò la villa Norton Conyers nel North Yorkshire. Scoprì in quel frangente la storia di Mary, donna che, ritenuta pazza, fu rinchiusa in una soffitta per anni.
La stanza segreta fu scoperta nel 2004 dai proprietari della casa, tenuta fino a quel momento ben nascosta da pannelli, e chiamata quindi “Mad Mary’s Room”, la soffitta successivamente fu resa visitabile.

– La storia di Mary, ha ispirato Charlotte per il personaggio di Bertha Mason in Jane Eyre.

– La pazza Bertha Mason è in Jane Eyre una sorta di doppelgänger della protagonista, ne rappresenta infatti le passioni e il lato istintivo, che nella società vittoriana dovevano essere sempre controllate e celate per bene, soprattutto per quello che riguardava le donne.

Annunci

Un pensiero su “8 curiosità sulle sorelle Brontë

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...