L’Italia, gli eBook e il self-publishing. Intervista a Chiara Apicella

Chiara Apicella è una giovane autrice romana con alle spalle numerosi riconoscimenti letterari. Laureata in Lettere, è stata finalista al concorso letterario 8×8 con il racconto Nel silenzio che segue, presentato al Salone del libro di Torino e poi pubblicato nella raccolta Si sente la voce (CartaCanta, 2012). Altri racconti di Chiara sono poi stati pubblicati su Prospektiva, sul sito letterario SettePerUno e su diverse raccolte di 80144 edizioni. Chiara è speaker radiofonico, redattore letterario per diversi blog ed è l’autrice di Sofia nel mio autunno nevrotico, il romanzo del suo esordio (Lantana editore). Da poco Chiara ha fatto una scelta controcorrente: pubblicare in self, su Amazon. Le abbiamo chiesto le motivazioni di questa decisione e come reputa il panorama letterario italiano degli ultimi tempi, soprattutto per quanto riguarda il digitale.

Nonostante Sally e Lelaina. Parlaci del tuo ultimo romanzo.

Il titolo così complicato fa riferimento alle protagoniste di due film che ho amato, “Harry ti presento Sally” e “Giovani, carini e disoccupati”. Non li ho solo amati, a dire il vero: hanno plasmato il mio romanticismo sconsiderato, che contraddistingue anche la protagonista del romanzo, Sara. Editor sottopagata di libri scadenti, Sara vive la fatica delle ultratrentenni di oggi, spesso irrisolte in diversi campi: sentimentale, professionale, familiare. Si innamora sempre di musicisti egocentrici, per poi lagnarsi con le sue amiche, irrisolte come lei ma ognuna secondo la propria personalissima modalità. Finché l’incontro con l’ennesimo autore poco talentuoso, Michele, risveglia in Sara un po’ di grinta verso la vita.

Come giovane autrice hai pubblicato con diverse case editrici. Perché poi hai fatto una scelta “diversa”?

Il mio primo romanzo, Sofia nel mio autunno nevrotico, è stato pubblicato con Lantana editore nel 2014. Ho scritto Nonostante Sally e Lelaina poco dopo, più o meno tre anni fa: volevo trovare un po’ d’ironia nell’indefinitezza che stavo vivendo nel campo sentimentale, in quello professionale, e via dicendo, e che ho attribuito alla protagonista come un regalo forse non troppo gradito. Semplicemente, come le altre cose anche i romanzi invecchiano, soprattutto per chi li ha scritti. Desideravo che “Nonostante Sally e Lelaina” prendesse una sua strada e non aspettasse troppo tempo per vedere la luce.

Quali sono i vantaggi a tuo avviso del self-publishing? E quali gli svantaggi? 

Dipende molto, credo, dalla via che si sceglie. Pubblicare con Amazon, per esempio, non preclude un’eventuale pubblicazione in seguito con una casa editrice, e può essere anzi un modo veloce per far leggere agli altri un romanzo a cui si tiene senza aspettare i tempi biblici dell’editoria. Gli svantaggi forti sono l’assenza di una distribuzione nelle librerie e una promozione completamente da autogestire. Bisogna avere più iniziativa e intraprendenza, e darsi molto da fare sui social. Può essere anche un’ottima palestra per chi, come me, è timido, ha un senso del ridicolo a fior di pelle, e s’imbarazza a parlare di ciò che fa, quasi fosse un serial killer. Ma noi dobbiamo essere i primi a sostenere ciò che facciamo: questa per me è stata una lezione molto utile.

Come ti trovi a essere tu a lavorare sul “post” del tuo lavoro? 

Io sono piuttosto puntigliosa, quindi l’idea di gestire direttamente il mio lavoro da una parte mi rassicura molto. Dall’altra, sono anche una pigra e una timida, appunto, quindi devo sempre pungolarmi per trovare la motivazione necessaria in un campo come il self-publishing, in cui si è di fatto gli agenti di sé stessi.

Consigli la tua scelta ad altre autrici? 

Dipende da cosa cercano. Le vendite nel self-publishing molto probabilmente saranno inferiori a quelle che si ottengono con una casa editrice, anche piccola. Del resto, se custodiscono nel cassetto un romanzo da un po’ e soffrono nel sentirlo invecchiare, non credo ci siano svantaggi nel pubblicarlo su una piattaforma gratuita che comunque consenta una pubblicazione a posteriori con una casa editrice. La cosa importante, però, è prevedere anche il formato cartaceo e non solo l’eBook: per quanto il libro possa attrarre, se va letto su un monitor in moltissimi si sentono demotivati. In Italia, purtroppo, la cultura dell’eBook deve ancora affermarsi; per questo ringrazio di cuore mio marito, che è lo spirito pratico della coppia e mi ha aiutato tanto nel “costruire” il libro per la versione cartacea. Nonostante Sally e Lelaina infatti è dedicato a lui, che mi sostiene sempre e ha contribuito a farmi sentire un pochino più risolta. Ma alla fine chi lo è completamente?

Annunci

Un pensiero su “L’Italia, gli eBook e il self-publishing. Intervista a Chiara Apicella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...