25 novembre – Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

La Dichiarazione sull’eliminazione della violenza contro le donne approvata dall’ONU nel 1993 all’art.1, descrive la VIOLENZA CONTRO LE DONNE come:
«Qualsiasi atto di violenza per motivi di genere che provochi o possa verosimilmente provocare danno fisico, sessuale o psicologico, comprese le minacce di violenza, la coercizione o privazione arbitraria della libertà personale, sia nella vita pubblica che privata.»

La violenza contro le donne è ormai strutturale. Fa parte cioè della struttura della nostra società.
Una violenza endemica, che deve essere guarita dall’interno.
La soluzione non è guardare le vittime al telegiornale e parlarne a tavola all’ora di cena, sconvolgendosi per le atrocità che qualche uomo crudele è stato capace di infliggere alla moglie, alla fidanzata, o a sua figlia, perché è proprio tra le mura domestiche che spesso si consuma la peggiore violenza fisica e psicologica nei confronti delle donne.
La prima e indispensabile soluzione deve essere la denuncia. Non si deve aver paura di parlare, sia nel ruolo di vittima che in quello di spettatore.
Il ruolo dei centri antiviolenza in questi casi è fondamentale, perché prende in carico il caso della donna sia sotto l’aspetto psicologico, sia sotto l’aspetto giuridico, sostenendo la vittima a 360 gradi.

In molti paesi il 25 novembre si commemora la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
La commemorazione di questa data ha origine dal primo Incontro Internazionale Femminista, avvenuto in Colombia nel 1980, in cui la Repubblica Dominicana propose questa data in onore alle tre sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, uccise il 25 novembre 1960 dalla dittatura trujillista.
Progressivamente, molti paesi si unirono nella commemorazione di questo giorno, come simbolo di denuncia, contro il maltrattamento fisico e psicologico di donne e bambine.
Nel 1998 l’assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò all’unanimità la internazionalizzazione della commemorazione di questa data.
Il 17 dicembre 1999 l’assemblea generale delle Nazioni Unite approvò la risoluzione 54/134, con cui scelse la data del 25 novembre per la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, in omaggio alle sorelle Mirabal.

Le sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal nacquero e vissero nella Repubblica Dominicana dominata dalla dittatura trujillista, una delle più dure dell’America Latina. Quando Trujillo salì al potere, la loro famiglia, come tutte le altre, furono private  quasi totalmente i propri beni, prima nazionalizzati, poi assorbiti dal dittatore nei suoi beni privati. Le sorelle Mirabal decisero negli anni cinquanta di opporsi e combattere la dittatura trujillista.
Patria Mirabal, era sposata con Pedro Gonzalez Cruz; Minerva Mirabal, forte combattente di grande cultura, militò nella resistenza antitrujillista sin dal ’49 e sposò con Manuel Aurelio Tavares Justo; Maria Teresa Mirabal, agronoma, condivise con le sorelle la lotta contro la dittatura trujillista e sposò l’ingegnere Leandro Guzman.
Nel 1960, le tre donne costituirono il “Movimento 14 di giugno”, sotto la direzione di Manolo Travares Justo, dove Minerva e María Teresa usarono come nome in codice Mariposas (Farfalle), contro le atrocità inflitte al popolo domenicano dalla dittatura trujillista.
Il Movimento politico clandestino si espanse in tutto il paese, strutturato in gruppi che combattevano la dittatura. Nel gennaio del 1960 il movimento venne scoperto dal SIM, la polizia segreta di Trujillo, i suoi membri vennero perseguiti e incarcerati al carcere di “La 40”, luogo di tortura e di morte.
Le sorelle Mirabal vennero liberate alcuni mesi dopo, ma i loro mariti restarono in carcere.
Il 25 novembre 1960 , accompagnate dall’autista Rufino de la Cruz, le tre sorelle  andarono a fare visita Manolo e Leandro, trasferiti nel carcere della città di Puerto Plata. L’auto sulla quale viaggiavano fu intercettata e i passeggeri vennero catturati e portati in un luogo nascosto, una piantagione di canna da zucchero, dove vennero crudelmente uccisi a bastonate.
I corpi furono rimessi nell’auto dove stavano viaggiando, che fu fatta precipitare da un dirupo per simulare un incidente.
Uccidendo le sorelle Mirabal, Trujillo credeva di eliminare un problema, ma invece quest’atrocità causò grandi ripercussioni nel popolo domenicano: molte coscienze si svegliarono e si ribellarono.
Il movimento culminò con l’assassinio di Trujillo nel 1961.

Dobbiamo ricordare le vittime della violenza sulle donne ogni giorno e dobbiamo ogni giorno e ogni giorno impegnarci perché questo strazio crudele sia finalmente fermato.
Facciamo sì che questo 25 novembre sia un nuovo inizio!
Stop all’indifferenza!

Annunci

2 pensieri su “25 novembre – Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...