Un ritratto di artista: Pamela Colman Smith

Scrivere un articolo su Pamela Colman Smith non è cosa facile. La storia di questa artista del secolo scorso infatti potrebbe rientrare tranquillamente in quel genere che oggi viene definito “noir”. Ripercorrere questa storia significa sentire il sangue di Pamela che ancora scorre e chiede qualcosa di simile alla giustizia. Una giustizia però diversa, una giustizia in un certo senso “superiore”.
Pamela Colman Smith è conosciuta principalmente per aver illustrato il mazzo di tarocchi che attualmente viene più usato e cioè il mazzo di Edward Waite. Nel ‘900 è stato il mazzo più celebre. Certamente è bellissimo perchè Pamela era una grande artista ed aveva una mano veramente felice nel disegno.
Le sue illustrazioni infatti, di una modernità incredibile (uno stile che evoca l’odierno Manara, con echi deliziosamente liberty e rimandi a Doré), sprigionano una fantasia e immaginazione che tradiscono l’essere medianico di questa donna.
La sua bravura era comunque riconosciuta se fu lo stesso Yeats a introdurla nell’ordine della Golden Dawn. Subito dopo la sua entrata, l’ordine si scisse in due parti e lei aderì a quella retta da Arthur Edward Waite, che dirigeva il nuovo tempio di Iside- Urania.
La prima volta che sentii nominare Pamela Colman Smith fu durante i corsi che seguivo sul Tarot, tenuti a Milano da Philippe Camoin. Ricordo che rimasi molto colpita dal fatto che dopo aver finito di disegnare il mazzo, pare “impazzì” e fu rinchiusa in un ospedale psichiatrico, ma su questa storia non si trova nessuna notizia. La cosa certa è che scrisse una lettera al suo mentore Alfred Stiegliz nella quale diceva, a proposito del mazzo di Waite, che aveva finito un grande lavoro per pochissimi soldi.
Quindi sappiamo che fu retribuita poco per il lavoro svolto che lei sapeva essere di grande qualità e il successo che il mazzo continua ad avere è dovuto principalmente (se non completamente) alle immagini disegnate da Pamela.
Il modo in cui morì, poi, è di quelli destinati a lasciare un debito insoluto… morì nel 1951.
Una parabola impegnativa per un’artista che non smise mai di credere nel suo lavoro e in se stessa. La vita di Pamela apre a numerose riflessioni.
Personalmente non posso fare a meno di confrontarmi con la figura di questo interessantissimo personaggio semi-sconosciuto, per svariati motivi. Primo tra tutti il suo essere donna e artista, un connubio difficile oggi, figuriamoci a cavallo del secolo scorso. L’ambiente della Golden Dawn, in cui Pamela fu introdotta, non doveva essere un posto particolarmente aperto nei confronti della donna, ma lei, come sappiamo, aderì alla parte del nuovo tempio di Iside-Urania. Perchè? Perché era diventata amica del signor Waite, il quale le commissionò di disegnare il mazzo di tarocchi di cui ho parlato sopra, ma c’è un altro motivo più sottile.
Pamela era infatti una potente sensitiva, lo si capisce dalla sua Venere natale, nel segno dei pesci, un segno cristico (e quindi di salvezza), che ci dà un’importante chiave di lettura per comprendere bene il destino di questa Anima incarnata. Il nome del tempio in cui entrò poi, dice molte cose.
Il fatto che siano stati degli uomini a fondare un tempio che prendeva il nome da due donne o meglio sarebbe dire, da due degli aspetti più alti dell’essenza femminile, ci dice che l’ambiente in cui entrò Pamela era comunque attento al lato femminile della realtà. Peccato però che fosse pur sempre una visione maschile e, purtroppo, utilitaristica.
La tentazione di sostituirsi al Creatore per plasmare e creare nel vero senso della parola la parte femminile della realtà, è grande nell’uomo. Personalmente credo sia un moto egoico profondo e grave e la storia di Pamela mi spinge a concludere che questo genere di atteggiamento sia purtoppo quasi sempre una pagliacciata di facciata.
Da quello che si comprende leggendo la biografia di Pamela infatti, alla sua morte nessuno dei membri della Golden Dawn si presentò al funerale (il signor Waite era già morto come anche il signor Crowley) e la sua tomba non si sa dove sia. Questo fatto è molto grave all’interno di un ambiente magico-esoterico come quello di cui stiamo parlando.
Il momento della morte, infatti, costituisce il momento più importante nella vita di un essere umano e il modo in cui si lascia questa vita, se guardato dalla giusta prospettiva, contiene informazioni fondamentali per comprendere meglio anche la parabola di vita appena trascorsa.
Sappiamo che Pamela morì a 73 anni in seguito alla sua conversione al Cristianesimo. Questo è un dettaglio importantissimo che finora è sfuggito e che credo sia arrivato il momento di approfondire.
Il fatto che questa donna abbia sentito l’esigenza di qualcosa di più alto, lo dice chiaramente l’amarezza che nasce dal seguire la sua parabola, che non può essere definita “discendente”. Pamela infatti riceveva conferme continue della sua bravura, sapeva di essere un’artista qualificata. Non era questo il suo problema. Il suo problema reale erano i soldi. Pamela, infatti, che ricordiamo aver vissuto per 40 anni con la stessa compagna di vita, non veniva retribuita abbastanza per la qualità dell’opera che svolgeva e questo può essere il motivo principale per cui accettò di entrare nel tempio di Iside-Urania del signor Waite. Questo sospetto è rafforzato dalle parole deluse che Pamela disse al suo mentore e di cui prima abbiamo fatto citazione.
Prima di proseguire è doveroso fare una breve precisazione. Lungi da me il voler relegare la parabola di Pamela a una questione sessita. Sarebbe troppo facile infatti dare la colpa al maschio cattivo e prepotente che detiene il potere e sfrutta la donna, nella sua essenza, in ciò che a lui manca e cioè il lato mistico-sensitivo. Lungi da me anche il voler lanciare una croce addosso a qualcuno, il lancio della croce infatti è uno sport che lascio volentieri a chi non ha un punto di vista.
Il mio intento è semplicemente quello di fare un ritratto di Donna, come io lo sento, senza pretendere di avere ragione ma solo per spingere il più possibile a una riflessione seria, che nel nostro tempo assume un’importanza capitale.
Vivamo infatti in un secolo in cui la donna è chiamata a una presa di coscienza che significa essenzialmente un guardarsi dentro, risolversi e rendere al mondo ciò per cui dovrebbe essere stata creata, in un’ipotesi creazionistica che non mi trova per niente in disaccordo.
Sappiamo che Pamela, nel 1911 si convertì al Cattolicesimo e creò una casa vacanze per sacerdoti cattolici. Una scelta bizzarra e interessante che ci racconta molte cose.
Delusa probabilmente dal fallimento della sua entrata nella Golden Dawn, dalla quale sperava di ricavare quel benessere economico che le mancava e che lei sapeva di meritare in quanto brava professionista nel mestiere di illustratrice prima che artista, si era convertita. L’atto di conversione, soprattutto per una persona che ha le esperienze che Pamela aveva, non nasce solo da una questione di tornaconto e utile. Provenendo dalle file dell’esoterismo più forte sicuramente una conversione deve essere vista anche e soprattutto dal punto di vista di ricerca spirituale…di ricerca di quella luce che proviene necessariamente da una fonte più alta, una fonte “super partes”.
Una donna sensitiva e mistica, queste cose le comprende senza ombra di dubbio. Se la conversione le abbia portato quella luce di cui lei, come tutti, aveva bisogno, non possiamo saperlo dai dati della sua vita.
Pamela infatti morì in povertà e tutti i suoi effetti personali, compresi i disegni, furono venduti per saldare i debiti che aveva contratto.
La sua compagna non ricevette nulla, compagna che ricordiamo le rimase accanto per quarant’anni.

Una storia amara, di quelle da dimenticare perchè ricordarle equivarrebbe a sollevare veli pesanti, iniziare riflessioni pericolose, che presuppongono per prima cosa una capacità di intelligenza e discernimento che non è facile raggiungere.

Ciò che posso fare io, da studiosa del Tarot di Marsiglia, è proporre un confronto tra la versione del “matto” presente nel Tarot e quella nel mazzo di Rider Waite, precisando che questo confronto fu luminosamente suggerito da Philippe Camoin durante i corsi. Quindi io mi limito a riproporre una riflessione che, nel tempo, non ha mai perso in me la carica di importanza che possiede e credo sia una riflessione doverosa da fare, dal momento che il mazzo di Waite è uno dei più usati ancora oggi.
Nel Tarot di Marsiglia la carta del matto, che ricordo non ha numero, rappresenta l’Anima che intraprende il viaggio di ritorno verso la meta rappresentata dalla carta XXI e cioè il Mondo. Il matto del Tarot di Marsiglia è un personaggio che cammina, con un sacco in spalla e si muove in direzione sinistra destra. Da questo punto di osservazione non è separabile da quello che è stato definito “mandala Camoin”, la disposizione cioè dei restanti 20 Arcani in tre file da sette carte ognuno, che rappresentano le tappe del percorso che l’anima si accinge a fare nella vita. Tappe difficili perchè la via dell’Anima (quando ritorna a casa) è sempre la più complicata, in quanto si oppone al flusso discendente che l’ha attratta verso la materia.
Il matto del Tarot di Marsiglia è spinto da un cane, che è anche un demone, azzurro (il colore della pelle di un’altro arcano importante del mazzo, il numero XV, Le Diable, ma anche il colore del cielo).
Nel mazzo di tarocchi di Rider Waite, al contrario, il matto è raffigurato come un bel giovane slanciato, con la testa ornata da un copricapo piumato, il sacco in spalla, un fiore bianco in mano, il volto rivolto al cielo, che cammina in direzione contraria a quella del matto del Tarot di Marsiglia, senza guardare dove mette i piedi, pericolosamente verso l’orlo di un precipizio… un cane bianco lo accompagna festoso; facile immaginare che se niente fermerà la sua spensierata follia, precipiterà di sotto.
Questo raffronto semplice, che ognuno può fare senza alcuno sforzo, basta osservare i disegni delle due carte, contiene un monito importante e anche una chiave di volta all’interno del contesto esoterico nel quale il Tarot si inserisce.
Le origini del Tarot di Marsiglia infatti sono avvolte nel mistero, sicuramente risalgono a conoscenze veicolate dai padri del deserto. Ci sono molte ipotesi a proposito e personalmente ho una mia idea in merito, idea che non mi interessa divulgare perchè contribuirebbe solo a creare maggiore confusione nella testa del lettore digiuno di certi argomenti.
La cosa che invece mi interessa sottolineare perchè inerente alla vita di Pamela è il fatto che a questa artista medianica fu commissionato di disegnare un mazzo che nasceva dalla mente di un grande esoterista del passato, il quale aveva dato una sua personale visione dei 22 arcani, visione che ha condotto Pamela in psichiatria, o almeno così pare. Questo è un fatto da sottolineare e un monito da lanciare a tutti coloro che, attirati dalla bellezza ed eleganza indiscussa dei disegni, si lasciano ispirare da questo mazzo e magari lo usano anche per rispondere a domande di inconsapevoli consultanti.
Paola Marchi
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...