Mefisto Funk

Mefisto Funk è un film elettronico girato per la maggior parte nelle terre toscane della Garfagnana, la valle “del bello e del buono” di pascoliana memoria.
Girato anche in uno dei luoghi di maggior fascino dell’Alta Versilia, e precisamente nelle cave di marmo dismesse che si trovano sulla strada che connette Castelnuovo di Garfagnana a Massa. È girato anche negli studi milanesi di Metamorphosis, fondata nel 1983 da Marco Poma, Momi Modenato e Andrea Gianotti.
Una fucina di creatività e lavoro, una realtà milanese molto attiva da sempre, sia in Italia che all’estero.
Mefisto Funk è stato riproiettato in un paese del parco delle Alpi Apuane, precisamente a Fabbriche di Vallico, nell’agriturismo “I Romiti”, che sorge su una chiesa del mille e cento, con catacombe e resti di mura romane. Un luogo pieno di fascino, che esiste grazie alla sensibilità genuina del genius loci che ha capito le intenzioni del proprietario, l’artista londinese Steven Newell, e le ha assecondate, dimostrando di possedere intelligenza e sana apertura culturale, uno di quei posti dove stranamente le persone ridono di un sorriso felice, sano.
È con questo spirito che ho assistito a una cerimonia vera, che mi ha emozionata e sono stata grata di esserlo. Marco Poma infatti è stato insignito della cittadinanza onoraria dal sindaco Michele Giannini in tricolore, e aveva un senso profondo e sentito.
Mefisto Funk è un grande film, da laureata in Storia e Critica del cinema, mi sento di poter esprimere un giudizio con cognizione quanto meno universitaria. Invece da parte di appassionata del genere, posso dire che è una “figata”!
Un film elettronico che parla di Mefisto, una riproposta del Faust di Goethe in chiave sperimentale che non delude. A partire dal ritmo…
La figura di Marco non può essere scissa da questo film, perché l’arte si sente, ha un odore diverso che può anche non piacere, è lì che la riconosci e inizi a interessarti… e allora ascolti cosa ha da dire e lì rischi di avere una presa di coscienza, perché Mefisto Funk parla dello Spirito del Tempo che viviamo; ora il problema, se vogliamo parlare di problema, è che è stato girato nel 1979; allora i casi son tre: o lui era avanti, o noi siamo indietro, o ha raggiunto qualcosa al di fuori da queste due prime opzioni…
In effetti, quando è arrivata la scena della matrice ho sobbalzato, per un attimo il mio cervello mi ha riproposto l’immagine di Matrix, con il nero con gli occhiali e le due pastiglie in mano e poi mi son detta: “Ma Marco non poteva averla vista questa scena perché l’han girata dopo”.
Ci si domanda con lo sguardo e siamo nell’era dell’immagine. Mefisto chiede a Simone di scegliere “cosa preferisce”, guardare senza essere guardato o guardare ed essere guardato?, una domanda affascinante e pertinente, anche per noi che viviamo nel mondo dei selfie.
Un Matrix ante litteram, che mi parla di equatore della fisica e dell’infinità dell’attimo e del silenzio della parola… rompicapi interessanti, infatti nella stanza dei bottoni c’è un personaggio che mi ha ricordato il joker.
Un film elettronico, girato in studio
Questa è una grande pellicola, che mi straconvince, che mi fa anche incazzare e che a volte mi parla. Secondo me è un film vivo.
Sapete perché Mefisto si manifesta a Simone vestito da uomo? Perché come donna lo avrebbero riconosciuto subito…
Questa è un’affermazione sapienziale.
Secondo me questo film è degno della storia del cinema in Italia, e io in queste cose sono argutissima, infatti anche per la tesi feci una scoperta interessante… una chicca per cultori della materia.

Paola Marchi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Cento capi, un armadio solo

I TOP

Sto per darvi una notizia sconvolgente: in un armadio bastano 100 capi. Già, cento pezzi must, intramontabili, sono sufficienti a coprire ogni outfit e ogni necessità, e siccome sono in una fase particolarmente feng shui che mi sta spingendo a ridurre, essenzializzare, ed eliminare il superfluo, ho deciso di condividere con voi questi trick di riorganizzazione. Magari, se come me, avete un armadio pieno e niente da mettere, vi torneranno utili.

“Cento capi, un armadio solo” sarà una passeggiata nel nostro guardaroba lunga dieci tappe: i sopra, i sotto, i cappotti, gli abiti, le scarpe, gli accessori, le borse, i gioielli, l’intimo e il make-up, e ogni tappa comprenderà dieci pezzi indispensabili come l’aria.

Adesso, più fatti e meno chiacchiere: i top.

  1. Camicia bianca oversize

Potete comprarla da Armani Uomo o fregarla dall’armadio del vostro LUI (io ho fatto così con Azzurro, sequestrando la sua camicia di lino bianca di Grigioperla). La camicia bianca oversize è un passe par tout. È perfetta su un jeans, su un pantalone, con le maniche arrotolate, con una cinturina sottile sul punto vita, o aperta con sotto una canottiera o una maglietta.  A gusto personale, mi piace indossarla con i primi due bottoni slacciati e con un reggiseno nero sotto, che crea quell’effetto “l’ho messa per sbaglio”, anche se per sbaglio non è… ed è subito vedo-non vedo, anche se siamo completamente vestite.

 

  1. Maglione di cachemere

Non è una spesa, è un investimento! Il cachemere dura TUTTA la vita, e a differenza delle lane normali potete portarlo sulle braccia nude senza pruriti e pizzichii fastidiosi. Il maglione in cachemere regala classe anche a un outfit da dieci euro, ma se avete paura di risultare troppo bon-ton, lo possiamo sdrammatizzare tirando su le maniche, o mettendolo su un jeans strappato… o meglio ancora, un pantalone di pelle! Bianco o nero sono i classici intramontabili, ma se volete osare, potete sbizzarrirvi con i multicolor e fantasia della storica Ballantyne. Un nome, una garanzia.

  1. Cardigan boyfriend

I miei preferiti sono quelli spessi, a trama grossa o a treccia, possibilmente con un colletto grande e gli alamari in legno stile montgomery al posto dei bottoni. Anche questo capo potete tranquillamente rubarlo al vostro LUI, ed è perfetto per regalare un sapore boho-chic al vostro outfit. Il cardigan ampio è un abbraccio caldo e coccoloso, ed è perfetto come sopra per qualsiasi indumento, dalla canotta alla camicia, passando per le T-shirt.

  1. T-shirt vintage

Se di un concerto, ancora meglio (io ne ho due, una del Festival di Glastonbury e una di Florence+The Machine), ma non è obbligatorio. Nei negozi si trovano tantissime T-shirt effetto vissuto, altrimenti è un’ottima occasione per scovare qualcosa in un mercatino dell’usato. Il dogma è uno: le T-Shirt devono avere carattere! Più sono uniche, meglio è!

  1. Polo con colletto a nido d’ape

La più famosa e intramontabile è la Lacoste tinta unita a due bottoni e con il coccodrillino sul petto, ma non mi dispiacciono nemmeno quelle a righe. Sportiva ed elegante allo stesso tempo, potete giocarla sia con un jeans che con una gonna, magari contrastando l’effetto sporty con qualcosa dal taglio e dal tessuto iperfemminile.

  1. T-Shirt bianca

Questa ci serve come a un pittore serve una tela, e la mettiamo su tutti quei pantaloni/gonne troppo complessi e strutturati per appesantirli con un top altrettanto impegnativo. Serve a bilanciare per non cadere nel pacchiano. Ovviamente via libera al taglio (aderente o larga), alle maniche (lisce o a sbuffo), agli orli (grezzi o rifiniti). In alternativa, su un look basic (quindi t-shirt bianca più pantalone nero), possiamo divertirci ad arricchirla con spille, collane importanti o foulard. Ecco che una maglietta bianca, con dieci accessori diversi, ci regala dieci outfit diversi!

  1. Maglia a righe bianche/blu marina

Inutile aggiungere spiegazioni, la maglietta a righe blu/bianche è quanto di più essenziale debba esserci in un guardaroba. Se non sai cosa metterti, lei ti salva.

  1. Cardigan con cintura

Da non confondere con il cardigan boyfriend, quello con cintura è lungo almeno fino a metà coscia, con abbondante tessuto da drappeggiarci addosso, tipo vestaglia, ma moooolto più glam. Il cardigan con cintura lo puoi buttare sopra all’abbinamento più banale ed ecco fatto l’outfit per una cena. Il cardigan con cintura mi ha risolto metà delle crisi da invito all’ultimo minuto (sì, quelle che non ti danno tempo per fare la pipì, figurarsi pensare a un outfit!) e, SOPRATTUTTO, è la soluzione perfetta per quando ci sentiamo grasse. La sua avvolgenza, la sua ampiezza, la sua copertura al 60% del nostro corpo (concentrandosi soprattutto su pancia e fianchi) è in grado di restituirci un discreto livello di autostima. Acquistate un buon cardigan e giurategli amore eterno!

  1. Camicia jeans

Che la teniate aperta o abbottonata, dentro o fuori ai pantaloni, la camicia di jeans non morirà mai. Io uso ancora quella che ho comprato quindici anni fa al Lago di Garda e fa sempre la sua porca figura. Diventa casual, rick, o glam a seconda di quello che ci abbinate; è perfetta per l’estate, per l’inverno e per le mezze stagioni. Cosa chiedere di più?

  1. Canottiera bianca+nera+grigia

Ok, con questa ho barato, non è un capo ma tre (uno per colore), a mia discolpa però vi dico che le canottiere sono come le fondazioni per una casa: ci si costruisce sopra il resto! Ergo, è importante avere tutti i colori neutri fondamentali.

Segnato tutto?

Al prossimo giro ci aspettano i bottom, e non farò prigionieri!

 

 

Look da lavoro!

Non c’è cosa peggiore di andare a un colloquio di lavoro con un look sbagliato.

Per affrontare un colloquio la prima impressione è ciò che conta; è il nostro biglietto da visita.

Scegliere un look sobrio con pochi accessori, scollature poco profonde e gonne che arrivano al ginocchio è la scelta giusta da optare. Capelli raccolti in una coda bassa o se preferite sciolti ma ben pettinati.

Questi piccoli accorgimenti fanno apparire curate, raffinate ma non artefatte.

Per quanto riguarda il make-up vi suggerisco di utilizzare un fondotinta non troppo coprente che crea una base fresca e luminosa, illuminando con cura la zona del contorno occhi con un correttore adatto alla propria discromia.

Applicate sulle gote un blush facile da sfumare nei toni naturali che permette anche a chi non ha tanta dimestichezza con il trucco di non creare pasticci.

Le sopracciglia vanno sempre messe in ordine, infatti donano allo sguardo espressività.

Per gli occhi scegliete colori neutri, colori opachi come il marrone e il beige creano un trucco naturale.

Per le labbra scegliete toni leggermente rosati.

Non tralasciate la mani; le unghie troppo lunghe diventano volgari.

Scegliete per le vostre mani una manicure con unghie quadrate se avete dita affusolate o a mandorla di media lunghezza se avete mani tozze.

Per quanto riguarda le scelta dei colori potete scegliere sia colori scuri che chiari.

Se volete un consiglio in più su come scegliere il correttore leggete il mio articolo: Il correttore perfetto.

A presto!