One World Trade Center Restaurant

Il sogno si è avverato! Cena al OneDine o meglio conosciuto come One World Observatory Restaurant. Dove ci troviamo? Naturalmente a New York in cima al “One World Trace Center” o Freedom Tower. D’obbligo è la visita e le fotografie all’osservatorio che domina l’intera città.

Mettere sulla carta le sensazioni provate è assai difficile, ma vi assicuro che erano infinite. Lo spettacolo mozzafiato sulla metropoli, che questo grattacielo offre, è indescrivibile specie se a tale visione si unisce anche un incredibile tramonto; inoltre il luogo è suggestivo e possiede quella lieve malinconia che non serve nemmeno spiegarla. Eppure è tutto allegro, leggiadro e spudoratamente U.S.A.

Torniamo al ristorante che accetta i clienti solo previa prenotazione anche online; io ho prenotato il tavolo dall’Italia poco prima di partire. L’arredo è tipicamente americano e moderno; si è circondati da ampie vetrate. Si può mangiare anche al bancone del bar, come si vede nei film. I tavoli sono disposti strategicamente per allietare la cena con il tramonto sul Hudson River e poco più in là si può ammirare lo Stato del New Jersey. I colori incantano, come l’atmosfera in cui si è avvolti.

Come da prassi si cena sulla nuda tavola, non ci sono nemmeno le classiche tovagliette americane. L’acqua viene servita immediatamente ed è gratuita. Il menù non è molto vario, ma troviamo anche la classica pasta. Preparatevi psicologicamente ai prezzi che sono vergognosamente alti, rigorosamente senza iva e senza la tipo mancia, che in America è d’obbligo. Ma siamo seduti al OneDine quindi tutto il resto non conta, gli si può perdonare tutto anche pagare un piatto di bucatini 24$. Bisogna sempre tenere a mente che una pietanza dal nome italiano non equivale e non interpreta la vera cucina italiana, quindi arrendetevi al senso di adattamento. Come bisogna rassegnarsi ai loro dolci: burrosi, asciutti, abbondanti e accompagnati sempre da una pallina di gelato. Adorato e morbido pan di spagna in America non ti conoscono.

Servizio impeccabile e cordiale, i camerieri sono gentili e sorridenti, hanno bene a mente che siete voi a elargire la mancia, che varia dal 15% al 20%, al momento del conto e non è un’opzione.

Alla fine della cena ci si alza con rammarico dal tavolo, non tanto per la succulenta cena quanto per il panorama che ha allieto i nostri occhi, ma la discesa verso il piano terra è qualcosa di sorprendente. Gli ascensori ultramoderni, silenziosi e veloci ti accompagnano in una realtà virtuale che difficilmente dimenticherai, con immagini ad alta risoluzione che scorrono a mano a mano che procedi verso la vetta.

Il One World Trace Center ha 104 piani e la velocità degli ascensori è di 37km/h, impiega 60 secondi dal piano terra al 102° piano. Il ristorante è al 103° piano ed è raggiungibile tramite le scale.

Informazioni utili:

La prenotazione è necessaria sia per la vita all’osservatorio sia al ristorante.

https://oneworldobservatory.com/en-US/ticket-packages

Stefania P. Nosnan

 

 

Annunci

Sulla pasta col tonno non ci va il parmigiano, e altre massime di vita.

  1. Mai andare a fare shopping con il ciclo: tutto quello che proverai, non ti piacerà come ti sta addosso e tornerai a casa più frustrata di prima. Non odiamoci gratis.
  2. Non comprare una reflex se intendi usarla solo in automatico. È come comprare una Porsche per tagliarci l’erba;
  3. Dormi con un cuscino sotto le caviglie: doppio del riposo, metà della retenzione idrica!
  4. Per qualsiasi problema tecnologico… c’è Aranzulla!
  5. Gli uomini vogliono quello che non possono avere. Se quel ragazzo che hai puntato al bar, ci sta provando con te, digli che stai frequentando un altro (anche se non è vero) … La competizione gli darà uno stimolo in più. Non dirlo in giro, però… Noi ragazze abbiamo i nostri piccoli segreti!
  6. Non andare mai in palestra (o in spiaggia) truccata. Sì, aiuta l’autostima, ma sudando i pori si dilatano e si riempono di schifezze, e per coprire brufoli e punti neri, poi servirà il doppio di fondotinta.
  7. Compra le scarpe la sera, quando il piede è più gonfio, così sarai certa che quando le indosserai non ti faranno (quasi) male;
  8. Tieni un asciugamano apposito ed esclusivo per il viso (e cambialo di frequente); già in una settimana la pelle ringrazia!
  9. Occhio a quello che scrivi in Whatsapp: verba volant, screenshots manent.
  10. Quando ti trovi una doppia punta, non aprire il capello in due come se sbucciassi una banana! Tagliala con le forbici!
  11. Controlla le scadenze dei trucchi. Specie il mascara, se vecchio, non perdona. Ed è subito congiuntivite!
  12. Lava i pennelli almeno una volta al mese, non vorrai spennellarti polvere e cellule epiteliali morte sulla faccia, no?
  13. Nessuno si ricorderà mai che quel vestito lo hai già indossato il terzo martedì di maggio del 2017. Puoi riutilizzarlo senza che Enzo Miccio gridi allo scandalo.
  14. Se non sai cosa regalare a una persona, chiediglielo (e se non te lo dice, insisti!): peggio di un regalo sgradito, ci sono i soldi buttati per un regalo sgradito.
  15. L’aglio non piace a tutti, prima di usarlo nelle tue ricette per una cena tra amici, chiedi!
  16. Non importa se non sei un fan degli 883, quando in radio passa Hanno ucciso l’uomo ragno, la devi cantare. Chi non la canta è un traditore della patria!
  17. L’acqua del lavandino non va giù perché lo scarico è pieno di capelli. Toglili! Sì, non fare la finta tonta, sai di cosa sto parlando.
  18. La potenza è nulla senza il controllo, e la magrezza è nulla senza il tono muscolare. Se hai deciso di metterti a dieta, ricordati di andare anche in palestra: tonica sì, secca e fiappa come un sacchettino dell’umido vuoto, no!
  19. Se tu e lui siete ai primi appuntamenti e potrebbe scattare il bacio, NON ANDATE A MANGIARE IL SUSHI! Non vorrai che il vostro primo bacio sappia di tonno e salsa di soia?
  20. Se c’è una serata hot in vista, di quelle con tante mani e pochi vestiti, non mangiate piccante (tipo chipotle messicano o gamberi Madras indiani). Perché? Qualche maschio può spiegarvelo il perché, ma credetemi, sarà più imbarazzante spiegarlo al pronto soccorso con lui che si tiene la borsa del ghiaccio nei pantaloni.
  21. Jared Leto non invecchia. Mai.
  22. Lo shampoo serve per lavare le radici, non le lunghezze (altrimenti si annodano e basta, a districarli poi c’è da torturarli col pettine); il balsamo serve per ammorbidire le lunghezze non le radici (altrimenti si appesantiscono e si ungono);
  23. L’elastico al polso è comodo è pratico (specie d’estate, quando dopo due minuti fuori di casa hai già il collo sudato), ma spesso i maschietti fraintendono il messaggio. Se avete una cena o una serata in compagnia di sconosciuti meglio tenerlo in borsa.
  24. Tieni un post-it appiccicato sulla web-cam del pc… Non si sa mai che la avvii senza volere o che qualche squilibrato te la hackeri violando la tua privacy (nel deep-web c’è gente che non fa altro tutto il giorno). In fondo, se il post-it lo mette pure Mark Zuckerberg, una ragione valida ci sarà.
  25. Scriviti le password! Nei pressi del pc tieniti un’agenda dove segnarti i siti a cui ti iscrivi, lo user name di registrazione e la password di accesso.  È un consiglio banale, ma l’ho imparato a mie spese.