Storia di una famiglia perbene

 

“Tu si ‘na mala carna, essa si’, ‘na mala carna.”  Con queste parole della nonna materna, sibilate in barese stretto sulla soglia di casa e sull’orlo di un guaio sfiorato, inizia la storia di Maria De Santis.

Maria è una ragazza di carta e sogni, protagonista e voce narrante di Storia di una famiglia perbene, edito da Newton Compton e appena uscito in libreria, fresco fresco di stampa.

Il romanzo è il terzo parto letterario di Rosa Ventrella, autrice presso lo stesso editore di Innamorarsi a Parigi, e Il giardino degli oleandri. A quanto pare la Ventrella ha un debole per le storie familiari, ma questa volta ha ambientato il suo racconto nella natia Bari, o meglio, in un quartiere preciso della città: peraltro, sembra che siano già stati venduti i diritti per farne una serie tv.

Si potrebbe dire che il fulcro del romanzo sia una storia d’amore, ma sarebbe piuttosto riduttivo.

Tutta la storia è soprattutto un grande, imponente, dettagliato affresco del quartiere più disgraziato di Bari, il cuore della città vecchia, San Nicola. La storia incomincia a metà degli anni Ottanta, ma il tempo è una dimensione aliena a questo luogo. Potrebbe essere il Medioevo, il pieno Risorgimento, o i primi del novecento: tutto appare immobile ed eterno come il movimento di una macina. Al di fuori dei cinquanta passi del rione, nulla ha importanza. Varcarne la soglia significa entrare in un mondo crudo, scarno, dove il tempo è sospeso e anche la distanza tra vivi e morti, fede e superstizione si fa labile. La pietra bianca, ogni viottolo e panno steso, le voci diverse delle comari, tutto rivive con prepotenza, ruba la scena e anche la fastidiosa presunzione della voce narrante si stempera in un ritratto a tinte forti di un mondo contrastato i cui colori sbociano sulla pagina più vivi che mai.

Il quartiere è una creatura viva, e malvolentieri cede ciò che gli appartiene. Lo sa benissimo Maria, o Malacarne come la chiamano tutti, perché in quel luogo il soprannome è ciò che da l’identità. Cresciuta con un padre difficile, una madre silenziosamente amorevole e due fratelli che sono il giorno e la notte, Maria subisce e attacca quel grembo di pietra scomodo che l’ha vista crescere. San Nicola sembra aver fatto della disgrazia e della povertà la sua bandiera, e a reggerla c’è Senzasagne, il padre di Michele, unico amico di Maria: la loro vita sarà un continuo intrecciarsi e sfuggire, osteggiato tenacemente dal padre di lei. La piccola Malacarne farà dello studio la sua arma di difesa e offesa. Una ragazza che pur essendo fragile si ostina a sbandierare la sua immagine di donna forte, e che come tutte le donne smarrite che si credono indistruttibili finirà per trovare un’identità negli occhi di un ragazzo. Un ragazzo che non può avere.

La storia della famiglia di Maria si snoda pigramente sul flusso di un tempo immaginario, fin quando una tragedia inaspettata non accelera i tempi verso un finale a sorpresa. Si può davvero sfuggire alle proprie radici? O il quartiere bianco e grigio getterà sempre la sua ombra sulla vita di Malacarne e Michele Senzasagne?

Diletta Adalgisa Parisella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...