Questione di pelle… e di allergeni!

Aprile dolce dormire, ma non solo. Questo periodaccio è anche universalmente noto come il regno delle allergie. La proliferazione di pollini rende la vita difficile ad un bel mucchio di noi (come se il caldo improvviso non fosse già sufficiente). Il gruppo di abbonati stagionali al mai ’na gioia però sarà felice di sapere di avere una nuova indiscussa regina. Costei fa di nome Jubelee Jenkins, vive poco distante dalla Grande Mela, ed è nata dalla penna della scrittrice statunitense Colleen Oakley, ora tradotta in italiano da Newton Compton.

Gli editori italiani hanno pubblicato il romanzo col titolo Confusa e innamorata, ma l’originale, Too close to touch, rende meglio l’idea. Già, perché la protagonista Jubilee non è allergica ai fiori, al pelo del gatto o alle fragole, no. Lei è allergica agli esseri umani. Che sarebbe anche un punto di vista condivisibile se fosse, appunto, solo un punto di vista. Purtroppo Jubilee è affetta da una rarissima patologia che la espone ad un rischio costante di shock anafilattico se per sbaglio entra in contatto, anche solo per pochi istanti, con la pelle di un altro essere umano. Comprensibilmente, la ragazza finisce per chiudersi in casa per nove lunghi anni, all’inizio più come un gioco (“vediamo quante cose riesco a fare dal computer di camera mia”), andando avanti sempre più come una necessità. Copertine calde, un wifi potente e tanti libri. Quasi la vita perfetta, se non fosse spezzata dalla morte improvvisa della madre di Jubelee, il suo unico sostegno economico.

Ora l’unico modo per la ragazza, sola al mondo, di sopravvivere, è trovarsi un lavoro. Dopo moltissimi tentativi e una enorme dose di ansia da combattere, Jubelee si ritroverà dietro al banco dei prestiti di una biblioteca, pronta per fare la conoscenza dell’altra voce narrante del romanzo, Eric Keegan. Eric di allergie non ne ha, ma il mai’nagioia scorre potente in lui. Divorziato, trasferito, una figlia adolescente che non gli parla da mesi, un figlio adottivo traumatizzato dalla morte dei genitori, brillante ma decisamente problematico e fissato con la telecinesi. Dal loro incontro potrebbe, forse, nascere qualcosa di finalmente positivo per entrambi?

La Oakley, in patria, non è al suo primo romanzo, e si vede. Sa mantenere un registro narrativo fluido e pulito, e l’idea dell’allergia agli umani è sicuramente insolita e molto accattivante. Però. C’è un però. Anzi, due. Il primo riguarda il ritmo del libro: è lento, un po’ troppo forse, e soprattutto nelle prime 100 pagine, si rischia spesso di sfiorare la noia. Il secondo è il protagonista maschile, Eric. La narrazione si svolge a capitoli alternati, in prima persona, dal punto di vista di Jubelee e di Eric. E non è che l’autrice non sia brava a calarsi nei panni e nella testa di un personaggio maschile, è che proprio lui non va. È irrimediabilmente inetto, verrebbe voglia ogni pagina su due di saltare nel libro e prenderlo a schiaffoni, possibilmente strillandogli “Svegliati, bello di mamma!!”. Un vero peccato. Per fortuna Jubelee è un personaggio interessante, ben descritto e con cui è facile entrare in sintonia. La sua metà del racconto scorre che è un piacere ed è impossibile far finta di non capire, almeno un po’, le sue ansie. In un certo senso è terapeutico…

Da leggere accanto a un flaconcino di Rinazina, che di questi giorni non si sa mai.

Diletta A. Parisella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...