La fuga da adesso

La mente brama un nuovo libro, un altro mantra, l’ennesima tecnica, una nuova meditazione, un’altra preghiera. Va bene qualsiasi cosa purché continui a rifuggire il momento presente e non si arrenda a se stessa.

 

Avviene spesso che, quando ci si imbatte in materiale che ha a che fare con la spiritualità, la coscienza, l’Essere, si inizi a percepire qualcosa di molto forte, una sorta di magnetismo, un senso di pace, presenza e Verità, qualcosa che inizia a risuonare dentro di noi. I libri, le conferenze, i seminari, certe tecniche, non fanno altro che spingerci a diradare le nebbie dell’inconsapevolezza e ricongiungerci con noi stessi, con qualcosa che intuiamo essere ma che ancora non abbiamo del tutto afferrato (e non afferreremo mai). La mente cerca vanamente di riempirsi di quelle conoscenze, di carpirle, di farle sue, e per un attimo ci riesce. Non ti è mai capitato di iniziare a leggere un libro che ti risuonava a tal punto da non riuscire a staccartene? O aver visto la conferenza di un divulgatore di tematiche spirituali, talmente diretto e Vero che non hai potuto poi fare a meno di guardare tutto il materiale video su YouTube relativo al medesimo conferenziere? Benvenuto.

Dipendenza da spiritualità

Tutto ciò serve, ha ragione di esistere, come ogni altra cosa in questo Universo, e, anzi, a mio parere inizialmente è pressapoco indispensabile, ma col tempo rischia di diventare un’arma a doppio taglio, una distesa di sabbie mobili da cui è sempre più difficile districarsi. Finito di leggere il libro, o di aver visto una stupenda conferenza, col passare dei minuti o delle ore, il senso di completezza di pace e di gioia lentamente svaniscono e lasciano spazio ad un leggero e silente disagio, una sorta di senso di mancanza e di non totale appagamento, che vengono ben presto colmati non appena prendi a sfogliare il nuovo libro e ad assimilarne voracemente i concetti ed il messaggio intrinseco, l’essenza del libro e del suo autore. Si cade nell’illusione che qualcosa possa “darci qualcosa” da fuori. La mente avvia una sorta di dipendenza, ovvero ti fa sentire completo e realizzato solo nel momento in cui si riempie di tali verità, salvo poi inviarti segnali di disagio non appena ci si allontana da questi argomenti. Si può restare dispersi in queste lande anche tutta la vita, tra molti soldi spesi, stress, tempo, risorse ed energie. Si rischia di finire, per voler concettualizzare a livello mentale tematiche, che non siano comprensibili pienamente restando nella mente, un po’ come cercare di contenere l’oceano in un secchiello.

“Ora” è il punto di arrivo e partenza

È solo fermando la mente ORA, lasciare che si arrenda, svuotandola di tutte le conoscenze, tutte le direttive che hai appreso, tutte le informazioni che hai avidamente assorbito che puoi veramente ricongiungerti con te stesso e ti sarà chiaro che non ci potrà mai essere nessun libro, nessun guru che possa darti qualcosa dall’esterno, poiché è già Tutto dentro di te, anzi tu stesso sei Tutto e appartieni al Tutto.

Fai spazio!

Dopo aver letto questo post, mi auguro che tu ti decida una volta per tutte a “fare spazio”. Certo,continua a leggere, documentarti, informarti, ma cerca di bilanciare queste attività con la giusta dose di non attività e presenza a te stesso, e cerca di farla diventare via via l’attività principale. Smetterla di cercare qualcosa che hai già, respira profondamente ed eccola là la fonte di ogni più grande gioia e realizzazione: Te stesso, Dio, il Tutto.

PER MAGGIORI CONTENUTI:  Sei tutto ciò che cerchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...