Nel paese degli amori maledetti

Un libro che si insinua piano piano nei recessi della mente e costringe ad aprire cassetti della memoria creduti chiusi per sempre.

Lungo un sentiero già tracciato dai titoli dei romanzi di Jane Austen, partendo dalle pagine di un diario dimenticato, una donna ormai adulta ritorna molto a fatica ai tempi del suo primo amore, nato sui banchi di scuola, coltivato nelle lettere rubate alle lezioni e incorniciato da una colonna sonora anni ottanta.

Come in una situazione molto simile a quella di Anne Elliot in Persuasione, la disparità di ceto (l’estrazione sociale, il grado di istruzione) tra due ragazzi che si innamorano fa ritenere i genitori di lei in diritto di convincerla dell’inopportunità di proseguire in una relazione del genere.

Evidentemente veniva da un ambiente familiare in cui gli avevano insegnato ad accontentarsi del suo stato o meglio della sopravvivenza (qualcuno ricorda che Ala era piuttosto pigro e non brillava per voglia di lavorare). Io invece ero stata educata, da mio padre e poi dai valori borghesi del liceo classico, ad aspirare ad essere, per quanto possibile, artefice del mio destino, e quindi a tenere sempre gli occhi sul domani.

La trama potrebbe essere ovvia se non fosse dipanata e sviscerata attraverso i mille anfratti dell’incertezza, della confusione, dell’inesperienza e dell’ingenuità giovanili, messe qui dolorosamente a nudo, come ferite che non vogliono rimarginare.

Si assiste al nascere, con i suoi primi palpiti, di un sentimento importante e nuovo nel cuore della giovane Bea e al dilemma in cui è combattuta tra l’amore per il suo Jek e i sogni fatti insieme, e l’amore per i propri genitori che non vuole far soffrire. L’unica scelta possibile si rivelerà quella di rimanere insensibile alle istanze del suo cuore, finendo però così per rimanere insensibile a tutto.

È difficile raccontare di un libro che non parla di una storia, bensì di un amore e lo fa quasi prestandogli la penna, lasciandolo fluire e sgorgare da solo con il risultato travolgente di una tenerezza struggente e poetica contagiosa, che non lascia semplici spettatori.

Un amore che apparentemente non conosce lieto fine, ma si conquista l’immortalità:

Non sempre le parole ingessano e uccidono le emozioni, talvolta riescono a coglierne l’anima o anche solo l’eco e lo riflettono nello spazio, sottraendolo al tempo, in tutta la sua potenza…

I dubbi, i tentennamenti, le dichiarazioni, i divieti pesanti come macigni, stringono un laccio attorno al cuore gonfio dell’io narrante che coincide e si confonde con l’io narrato. Quella ragazzina di sedici anni che si affacciava per la prima volta sul palcoscenico della vita, nel ritrovare il diario a cui confidava la storia del suo primo, vero antico amore, ritrova se stessa e le sue origini radicate nella sua terra, nella sua casa natale, per le vie del suo borgo e dei suoi boschetti a cui il destino, inesorabile, la riconduce da esule.

Uno sfogo che diventa rimpianto e riflessione sul senso della vita e sull’irrinunciabilità dell’amore, impossibile da sostituire con altri surrogati illusori.

Un’inedita Beatrice Battaglia, conosciuta e famosa in tutt’altra veste, si dimostra poetessa dell’amore, scrittrice di elegia pura:

E dopo ci fermiamo sul bordo del fosso a parlare, o meglio a cercare qualcosa da dire, a sorriderci con gli occhi, a desiderarci, senza poterci avvicinare troppo, perché qualcuno potrebbe spuntare dagli stradelli e vederci -e qui restiamo nell’odore dell’erbe fiorite mentre il sole va giù pian piano all’orizzonte, in attesa che il desiderio tracimi e superi la prudenza e lui, dando una rapida occhiata intorno, si avvicini e mi circondi con le braccia e mi baci.

Se questo non è amore!

Annunci

Gli Armonica, Batman, Robin e l’acqua

Drinking with L. A.

Un drink con Alessandra Lumachelli

di Alessandra Lumachelli

Eccomi, Amici. Scopro un evento che definiscono “anti-clubbing” quindi, ovviamente mi incuriosisce! E vado ad intervistarne i creatori, Andrea Arcangeli ed Asal. Che uniti danno il duo degli Armonica.

Se foste supereroi, che supereroi sareste e che superpoteri avreste? Asal: Sarei Batman, perché vive la notte.

Andrea: Sarei Robin, a patto che Batman mi faccia guidare la Batmobile (…siamo partiti seri, insomma).

Se aveste la macchina del tempo, dove andreste? Nel passato? Restereste nel presente? Andreste nel futuro?

Andrea e Asal: Hic et nunc. Vivere l’ora ed adesso. È interessante viaggiare, ma non nel tempo.

Su cosa si basa la scelta del vostro nome?

Andrea: Nello studio dei fenomeni oscillatori, le frequenze armoniche sono le frequenze il cui valore è multiplo intero della frequenza base (frequenza fondamentale) di un’onda. Questa è la motivazione da nerd. In verità, pensavamo di formare un gruppo country, duettando con due armoniche. Il progetto non è andato a buon fine ed è rimasto il nome. (seri, insomma). Asal: A me piaceva più Albano e Romina… poi non ci siamo accordati su chi facesse Romina, ed è uscito armonica.

Il vostro drink preferito?

Andrea: Acqua, ghiaccio, limone.

Asal: Fino al weekend biologico vegano analcolico biodinamico … il sabato anche l’acqua del pozzo!

Cosa potete fare per salvare o per migliorare il mondo?

Andrea: ‘Senza la musica la vita sarebbe un errore’: questo è il nostro contributo e intento per migliorare il mondo.

Asal: ‘Senza la musica la vita sarebbe un errore’: questo è il nostro contributo e intento per migliorare il mondo!!

Andrea: Ho il partner numero uno al mondo! Comunque, Romina dovevi essere tu, sappilo!

Quindi, beviamo (anche!) acqua, che fa bene. Pensando a mantenere sempre alto il volume della musica, nostra inseparabile compagna di vita! Alla prossima!

Who’s Who Per chi non lo sapesse... Andrea Arcangeli e Asal compongono il duo degli Armonica, resident dj del Cocoricó. Sono gli ideatori del format “Goat Serious”, unione delle parole “Goat” (capra) e “get serious” (sii serio). Il loro debutto avvenne a Berlino con l’etichetta Bar 25 Music. Hanno suonato al Pacha Ibiza, Pacha Barcellona, Pyrex Arena, Chi by Decadence, Cocoricó, Babau Macerata, e in molti altri club.