L’amore ai tempi di Instagram (et similia)

Quante volte avete sentito raccontare storie bislacche dalla vostra migliore amica?

Quante volte siete stati testimoni di pianti isterici da parte di vostri amici?

L’amore è una forza straordinaria che molto spesso ci fa soffrire. Ma davvero è amore quello che porta a penare il nostro cuore oppure è qualcosa d’altro?

Le storie d’amore sono qualcosa che riescono sempre ad attirare l’attenzione delle persone in ogni dove, dal cinema ai blog, dai romanzi alle serie tv. I sentimenti sono parte integrante di tutti noi e ognuno li idealizza (e li crea) nella mente a seconda del proprio stato mentale.

Più passa il tempo e più mi par di capire che le “pene d’amore” non derivano certo da quello che ritengo essere un sentimento profondo e puro quanto da incomprensioni, dubbi, perplessità, orgoglio ed egoismo dettati più dalla nostra idealizzazione della perfetta e simbiotica storia d’amore che non dalla realtà dei fatti.

Il titolo di questo articolo la dice lunga: Instagram ci pone sotto gli occhi di milioni di utenti che ci seguono solo per poterci guardare, non per ciò che siamo, ciò che facciamo o scriviamo, ma semplicemente per guardarci. Va da sé che l’ego di milioni di utenti ha avuto finalmente il suo spazio, per giunta infinito, per soddisfare due concetti: il voyeurismo e l’egocentrismo. Ma è davvero solo colpa di Instagram se le coppie si dividono? Certamente la gelosia è aumentata a dismisura (ahimè si registra anche un aumento di omicidi in tutto il mondo per litigi legati a dei “like” su Facebook o su Instagram), ma a livello sociale è cambiato davvero qualcosa da quando i social-networks sono all’ordine del giorno? Perché le coppie scoppiano e/o ricercano interessi (virtuali) al di fuori della loro relazione?

I motivi sono molteplici, ma i social non hanno fatto altro che amplificare quelle che erano (e rimangono) le difficili relazioni sentimentali tra esseri umani. I tradimenti, le scenate e, purtroppo, i femminicidi, ci sono sempre stati, ma non avevano un’eco parificabile a quest’epoca. Tutto è alla portata di tutti e con semplici click si arriva a profili di persone che sembrano interessanti, affascinanti e intriganti, sino a subentrare nella loro vita (virtuale) rovinando sovente quella reale.

Perché dunque alcune coppie scoppiano a causa di attenzioni che vengono loro date da altri per vie virtuali? Per rispondere a questa domanda facciamo un passo indietro, anzi due: dobbiamo tornare all’inizio della relazione, ai veri motivi che ci hanno spinto a scegliere quella persona, poi valuteremo le ragioni che tengono in piedi la relazione.

Spesso siamo portati ad additare le colpe al prossimo, ma se il tempo riesce a donarci un po’ di razionalità (questa sconosciuta), troveremmo il modo di percepire quanto e come abbiamo sbagliato anche noi. Partiamo dal concetto che il mondo è un luogo imperfetto ove modi di dire, luoghi comuni ed etichette sono all’ordine del giorno ergo è (abbastanza) normale finire nel calderone ed essere parte integrante del percorso mentale che accomuna la stragrande maggioranza degli esseri umani. E perché mai parlo di “percorso mentale”? Perché tutto nasce in primis da noi stessi, dalle cose che vogliamo, da come ci poniamo (sui social soprattutto) e da quanta attrazione diamo e riceviamo utilizzando una nostra innata energia nel ritrovare cliché a ripetizione. Trattasi, in spiccioli, di cicli che continuiamo a (cercare e) vivere: nonostante tutto, ci ritroviamo a soffrire ancora e ancora cercando di capire cosa non abbia funzionato e come siano state difficili le interazioni col nostro partner.

Ebbene, l’atteggiamento mentale fa molto, se non tutto.

Partendo sempre prevenuti e con le mani avanti su determinati aspetti che ci hanno ferito e/o urtato nel nostro passato, finiremo per rivivere le medesime circostanze. Questa non è filosofia spiccia, quanto una ormai assodata percezione degli eventi che si ripetono nella nostra esistenza con modalità non molto dissimili dalle ultime esperienze vissute. Mi spiego: se l’atteggiamento mentale è prevenuto e l’assolutismo che potremmo portare in grembo (passatemi il termine) continuerà ad avere un ruolo egemone nella nostra esistenza, finiremo sempre per voler catalogare i futuri partner cominciando da quesiti più che abusati, etichettandoli in una determinata area e lasciandoli, ahimè, lì. Questa situazione, che chiamerò “idealizzazione di un individuo” (sintetizzerò con I.D.I.) finirà per programmare la vostra relazione d’amore. Esempi banali, ma concreti, sono quelli tipici di una prima conversazione che si basa su domande stereotipate come “di che segno sei?” (“no perché coi gemelli non vado d’accordo”); “di che religione sei?” (“perché con gli atei non ci parlo”) o “che cosa mangi?” (“perché coi vegani non voglio averci nulla a che fare”) comporteranno sempre e solo una sorta di settorialità degli individui. Ecco perché bisognerebbe (uso il condizionale, ognuno dovrà cercare se stesso nel profondo, non è facile, ma non impossibile) evitare l’I.D.I. poiché sistematicamente la relazione d’amore partirà col piede sbagliato e si muoverà su stilemi già visti arenandosi infine su lidi desolatamente deserti (la nostra ritrovata solitudine).

La soluzione?

Mi piacerebbe averla in tasca e proporla a chiunque, ma ognuno di noi ha un suo percorso emotivo (e famigliare) che ha creato limiti e difficoltà di interazione. Il modo unico per liberarsene è poter credere maggiormente nelle proprie capacità e avere una mente più aperta e possibilmente più elastica. Perché le persone che veramente vogliamo al nostro fianco non sono né saranno figure che ameranno ciò che facciamo nella vita (anche quello, ma in un secondo step), quanto invece come reagiamo alle difficoltà, come amiamo la vita, come la affrontiamo, quanto sappiamo essere dolci e comprensivi e, soprattutto, quanta empatia mettiamo all’interno della nostra relazione.

L’Amore ai tempi dei social è divenuto persino più arduo di quello che poteva esserci a priori. I perché sono legati all’estrema facilità con cui tutti possono raggiungere la nostra figura sapendo già da subito quali sono i nostri interessi, i nostri punti di forza e i nostri punti deboli. Sono ovviamente contrario a chi estremizza e urla “bando ai social networks!” perché viviamo in un’era in cui la condivisione deve avere il suo giusto spazio, ma va intesa quale sia quella corretta e se davvero questa sia necessaria quando si tratta di un piatto goloso che si mangia, una tazzina di caffè o il nuovo costumino indossato al mare (chi non l’ha mai fatto? Ci siamo cascati un po’ tutti). Un certo tipo di condivisione viene letta come “egocentrismo” e questa crea soltanto invidia oppure sentimenti contrastanti che possono danneggiare l’inizio (e l’evoluzione) di una relazione.

Alzi la mano chi non ha mai avuto problemi di gelosia legati ai social?

(Gli over 60 sono fuori dai giochi, ben inteso! :D)

L’amore è una cosa sensazionale, strepitosa e dona un’energia incredibile: danneggiare il sentimento per futili motivi è alquanto inutile.

Innamorarsi è il primo passo, amarsi il secondo, ma rispettarsi evitando fuorvianti e inutili ricerche di attenzioni da parte di persone a voi sconosciute, dovrebbe essere la prima regola di qualsiasi rapporto. Guai a chiudersi a riccio, ben inteso, i social vanno utilizzati, ma l’amore è fuori dal mondo virtuale sebbene quel luogo parallelo può sempre minarlo, non dimentichiamolo mai. 😉

Buona vita (reale)!

Marco Paracchini

Annunci

#RestiamoAmici

Hai problemi di cuore? Non sai come esprimere il tuo amore o non sai come lasciare il tuo partner?

Ci pensiamo noi! #RestiamoAmici 

Da oggi i problemi di cuore non ti tormenteranno più.

È nato il sito: restiamoamici.it.

Un team di ricercatori guidati dalla professoressa Carlotta Capanna scriverà per te la lettera che non hai mai saputo o voluto scrivere. Manderà per te i messaggi che hai timore di inviare. Selezionerà per te le frasi d’amore più adatte per ogni momento della tua storia.

Gli esperti scriveranno per te le lettere d’addio più struggenti, i messaggi più diretti…

Ti indicheranno cosa indossare al primo (o all’ultimo) appuntamento. Ti saranno vicini nelle fasi più delicate della tua storia.

Contattali e risolveranno per te ogni problema.

 

Info

sito web RestiamoAmici

e-mail: info.restiamoamici@gmail.com

Libri amori e segreti

Continua la fortunata serie libraria scritta da Della Parker, scandita dai mesi dell’anno, pubblicata da Newton Compton.

Riprendono gli appuntamenti di questo caloroso e accogliente club del libro, tutto al femminile, in cui ci sentiamo idealmente ben accolte anche noi.

Kate provò un senso di calore mentre superava la soglia. Si unì ai convenevoli, al chiacchiericcio, ai frammenti di una decina di conversazioni cominciate il mese prima e riprese in quel momento, come non si fossero mai interrotte, come solo le buone amiche sapevano fare, e la serata -bé la parte prima dei libri- ebbe inizio.

Febbraio si sa, è il mese di San Valentino e anche la lettura di questo speciale club è dedicata a un libro che parla di amore: L’amante di Lady Chatterley.

Più che d’amore si arriva presto a parlare di eros, di passione, come suggerito dalla trama del libro, così conturbante per l’epoca, ma che non manca di suscitare qualche imbarazzo anche tra le nostre più moderne lettrici.

Kate in particolare sta attraversando un momento delicato nella vita intima di coppia con suo marito Anton con il quale l’intesa era sempre stata perfetta. Poi a seguito di un declassamento lavorativo Anton ha perso fiducia in se stesso e Kate si è ritrovata per casa un aitante muratore che sprigiona testosterone da tutti i pori. A farla sentire ancora più sola e in balia di questo ammiccante ragazzotto

Mentre continuava a leggere si rese conto che il libro non era solo sessualmente esplicito e scandaloso. Era anche molto intimo. Era una storia d’amore tra due persone legate non solo sotto il profilo fisico ma anche sotto quello emotivo, e il fatto che appartenessero a classi sociali così differenti -aspetto sottolineato spesso- contribuiva solo ad aumentarne l’intensità.

Come andrà a finire questa storia? Saprà Kate tenere a bada i suoi ormoni e resistere alle malie del novello “Bob aggiustatutto” o è possibile un finale diverso da quello de L’amante di Lady Chatterley.

Ve lo lascio scoprire.

Buona lettura e buon San Valentino!