Due così: poesie di Alessandra Distefano

71tX0UVsj8L

“Non sempre mi capita, nello scrivere la prefazione di un libro, di aderire così intimamente, di entrare, direi quasi, nel mondo poetico e nel vissuto di un autore, come nel caso di Alessandra Distefano. (…) i “protagonisti” della raccolta poetica sono: la Parola e l’Io. Al centro di tutto c’è lo sguardo del Poeta che parte dal proprio intimo e là fa ritorno, dopo un viaggio all’esterno che altro non è se non ricerca di senso e raccolta di tessere sparse (momenti di sé, episodi, istanti perduti, dimenticati o sepolti dalla polvere del tempo) utili a comporre un mosaico che solo alla fine si svelerà come un’opera dall’aspetto lucido e luminoso. Le parole hanno qui una forza superiore a quella delle stesse immagini: (…) ricorrono coppie antinomiche che strutturano e sembrano dare forma al pensiero che si costruisce sulla base dell’analogia e della sinestesia, definiscono una sorta di architettura del pensiero polarizzato in dimensioni opposte: assenza e presenza, parola e silenzio, tempo e infinito, attimo ed eternità, dubbio e certezza, speranza e delusione, lentezza e velocità. Questo io che si muove incessantemente (…) è una specie di personaggio, di maschera teatrale che sul palco mette in scena non tanto momenti di vita quanto brandelli di pensiero: la ragione e la coscienza producono riflessioni che vengono trasformate in rappresentazioni sceniche, in drammi della Verità. La Poesia è un’arte che ricrea il mondo”. (dalla prefazione di Alessandro Quasimodo)

Parole storte

dicevano che potevi volare
chiudendo gli occhi
e nell’abisso dell’anima ho volato
parole storte
ritratti sghembi
del mio sguardo cubista
la voce tremava
tremava la mano mentre mi sfiorava
attraversava centimetri di vuoto per arrivare a me e lì tremava
così io… nell’emozione di trovarti
un io vivo è vivo
perché dentro la vita grida
come la porta si apre per un forte vento
ma subito richiusa

Due così

era una sera qualunque
quella di cui parlo e voglio raccontare
una che potevi dire:
una notte come altre
e noi?
pure noi, due fra tanti
turisti, passanti e abitanti colorati
noi
due ombre in una notte
due in pasto all’onda
abbandonati alla lunga risacca
due così… senza scopo né fine
cosa avevamo di speciale noi?
lontani e uniti per istinto
indovinavo il tuo sguardo col suo sapore aspro
chiamava me
e rispondevo
la notte viva… il momento vivo
due sconosciuti che sentendosi si raccontano
di mari silenziosi e sogni rotti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...