Solstizio d’inverno, i Watson #PinkBooks

On line in esclusiva su Amazon, un nuovo splendido romanzo  #PinkBooks di Romina Angelici per festeggiare il compleanno di Jane Austen  (16 dicembre). Lo speciale tributo della Pink Factory e dell’autrice a una delle più grandi scrittrici della storia. 

Vi siete mai chiesti cosa è successo dopo “I Watson”? L’autrice, da vera janeite, attenta appassionata delle opere della scrittrice inglese, ci regala un omaggio che siamo certi vi coinvolgerà.

Emma, dopo aver rifiutato il nemmeno tanto cortese invito del fratello e della cognata a essere loro ospite a Croydon, decide di rimanere a Stanton con Elizabeth e il padre. Tornare a casa dopo anni di assenza, trascorsi presso la zia non è stato semplice, così come riambientarsi e recuperare il rapporto con i fratelli e con il padre. Alla sua prima uscita pubblica Emma non manca di fare scalpore: ammonita da Elizabeth a resistere al fascino di Tom Musgrove, durante il ballo degli Edwards, ha suo malgrado destato l’interesse di Lord Osborne. Ma ha anche fatto delle gradevoli conoscenze come gli stessi suoi anfitrioni e la loro figlia Mary, nonché, per averlo invitato a ballare, un piccolo gentiluomo chiamato Charles Blake, attirandosi quindi, in un colpo solo, l’ammirazione del ragazzino stesso, della madre e dello zio Mr. Howard. Anche Tom Musgrove comincia a frequentare di più le sorelle Watson e cerca ogni pretesto per ingraziarsi Emma in particolare.

Annunci

Libri, amori e segreti – Dicembre. Della Parker N&C

L’idea è molto simpatica e originale: quella di organizzare una serie di uscite mensili in formato ebook, con le stesse protagoniste: un gruppo di amiche che si ritrovano per chiacchierare e stare insieme intorno a un libro. L’intento è proprio quello di ricalcare la ciclicità degli appuntamenti fissi che scandiscono le vite di queste ragazze ciascuna con la sua storia, i suoi problemi, le sue fragilità che però trae un’invincibile forza dalla complicità e solidarietà che dispensa, con generosità e affetto, il gruppo.

libri-amori-e-segreti-dicembre_9708_x1000

Inaugura la serie il “numero”, o meglio l’episodio di dicembre che ci introduce subito alla conoscenza delle protagoniste e al libro scelto come oggetto di discussione. Tant’è che il titolo originale è The Reading Group: il Gruppo di Lettura.

In questo caso il libro del mese è Canto di Natale di Dickens e una delle ragazze del gruppo è Grace che si rivede molto in Scrooge che ha abolito il Natale da quando la sua famiglia deve soccombere a ben più gravi preoccupazioni, soprattutto quelle riguardanti le condizioni di salute del figlio più piccolo.

La vita di Grace è stata messa sottosopra, ma non esiste problema che il gruppo di lettura non possa risolvere e la squadra composta da Serena, Anne Marie, Jojo, Kate, si metterà subito al lavoro per aiutare Grace e per farle ritrovare il suo spirito natalizio rinnovato.

Attenzione a non perdere i prossimi numeri: a gennaio il bookclub leggerà Emma di Jane Austen, e Anne Marie svelerà le sue attitudini di Cupido in gonnella applicate agli altri ma non a se stessa e alla propria vita sentimentale. A febbraio , sempre per una curiosa corrispondenza con il libro del mese, sarà Kate quella direttamente  interessata da vicende analoghe a quelle scoperte in L’amante di Lady Chatterley di David Herbert Lawrence, coinvolta suo malgrado in una sorta di triangolo amoroso scottante.

E così via.

Con copertine sempre più deliziose da collezionare, a un prezzo invitante.

Non dimenticate l’appuntamento!

 

Libri da Regalare: Ritratto della scrittrice da giovane #Utet

Lettere 1896-1912

Lungo la sua vita Virginia Woolf tenne un fittissimo epistolario: a leggerlo tutto insieme, compone una sorta di autobiografia sui generis, intima e sincera. Le lettere scelte raccolte in questo volume tratteggiano un Ritratto della scrittrice da giovane, dalla fanciullezza fino al matrimonio: dalle prime, scritte quando era ancora una ragazzina, la raccolta si snoda raccontando l’insorgere della malattia, le amicizie affettuose, le collaborazioni giornalistiche e l’impegno civile. In questi pochi anni di gioventù già si addensavano i presagi di un destino tragico, tanto geniale e creativo quanto doloroso e infelice.

cover.WOOLF__4c121d4d9207792c5820fd0e3937d824

Ma non è solo un autoritratto epistolare. Pagina dopo pagina, come spiega nel suo saggio introduttivo Nadia Fusini, entriamo nella stanza della scrittrice: «I miei amati libri col dorso di pelle, così belli, ritti sugli scaffali, un bel fuoco, la luce elettrica, un’enorme massa di manoscritti, lettere, bozze, penne e inchiostri sul pavimento e un po’ dappertutto». Che si dilunghi nella descrizione della società del tempo o annoti brevemente i piccoli problemi quotidiani, che analizzi i romanzi più in voga o getti il seme delle idee che confluiranno nelle sue future opere, la scrittura di Virginia Woolf costruisce un ritratto intimo e vibrante, un tassello fondamentale per capire l’opera e la personalità di una delle autrici più amate di sempre.

«Negli anni che vanno dal 1896 al 1912, Virginia, che è nata nel 1882, è prima un’adolescente, sviluppa poi in una giovane ragazza e nel 1912 infine diventa una donna vivace, allegra, divertita, a volte annoiata, per lo più manifestamente eccitata, travolgente nella sua ironia, e spiritosa, altre volte malinconica, afflitta com’è da dolori e lutti che l’esistenza non le risparmia. Sono la sua iniziazione alla vita, al ritmo alternato di gioia e dolore che ne segnano il tempo. C’è molta gioia, eccitazione, tenerezza e felicità, e c’è molta bellezza; ma c’è anche molta angoscia e molta apprensione e molta infelicità nell’esperienza del vivere. Virginia Stephen sente la gioia e soffre il dolore e cresce.»

dalla prefazione di Nadia Fusini