La maledizione del re di Philippa Gregory

Che cosa dire di Philippa Gregory, autrice britannica, regina del genere storico, se non che i suoi libri sono il connubio perfetto tra attendibilità storica e fiction? Non contano le inesattezze (o le interpretazioni, come le chiama l’autrice stessa) storiche, quando si entra in un romanzo di Philippa Gregory si è disposti a credere a qualunque cosa. La capacità di quest’autrice di calarsi nei suoi personaggi è invidiabile a sorprendente: se volete appassionarvi (di nuovo o per la prima volta) alla storia inglese, sono i suoi romanzi che dovete leggere!

Quello di cui vi parlo oggi è La maledizione del re (The King’s Curse), uscito il 1 giugno 2017 per Sperling & Kupfer, un’edizione magnifica e davvero curata, in copertina rigida per 477 (scorrevolissime) pagine.

978882006209_Gregory_La maledizione del re_300X__exact

É l’ultimo romanzo della serie “La guerra dei cugini” (The Cousin’s War), i cugini di cui si parla sono i due diversi rami della famiglia dei Plantageneti che regnano sull’Inghilterra: Lancaster e York, in altre parole quella che Walter Scott definirà “La guerra delle due rose”. Per districarvi nei numerosi romanzi pubblicati (Philippa è un’autrice davvero prolifica, per fortuna!) ecco qui uno schema:

In ordine di uscita

La regina della Rosa Bianca (The White Queen, 2009)
La regina della Rosa Rossa (The Red Queen, 2010)
La signora dei fiumi (The Lady of the Rivers, 2011)
La futura regina (The Kingmaker’s Daughter, 2012)
Una principessa per due re (The White Princess, 2013)
La maledizione del re (The King’s Curse, 2017)

L’ordine cronologico dei libri è, invece, diverso ed è il seguente:

La signora dei fiumi
La regina della Rosa Bianca
La regina della Rosa Rossa
La futura regina
Una principessa per due re
La maledizione del re

La particolarità dei romanzi della Gregory è che sono in grado di mescolare attendibilità storica (la ricostruzione del periodo è rigorosa e frutto di innumerevoli ricerche) e fantasia in un mix equilibrato, elegante e coinvolgente.

In questo caso, l’autrice sceglie di raccontare l’ascesa del giovane e promettente Enrico VIII e la sua successiva parabola, da generoso e affascinante principe a tiranno spietato e folle, attraverso il racconto di Margaret Pole, l’ultima degli York. La Guerra delle Due Rose è ormai finita, la pace è stata celebrata, ma restano ancora tanti rimpianti e motivi di malcontento.

Il padre e il fratello di Margaret sono morti nella Torre, giustiziati dal re e Margaret, per salvarsi, è stata costretta a contrarre un matrimonio di basso rango con sir Richard Pole, nobile del Galles: lo scopo della donna è quello di proteggere se stessa e i suoi figli dallo stesso destino che ha colpito la sua famiglia.

Margaret diventerà amica intima di Caterina d’Aragona, futura moglie di Enrico VIII, e assisterà alle prodezze e alla crudeltà del sovrano, sul quale grava una terribile maledizione, quella lanciata da Elisabetta Woodville, la nonna di Enrico VIII, considerata (storicamente) una strega.

Il romanzo copre gli anni dal 1499 al 1541 e racconta la storia di una donna fedele, intimamente, alle proprie radici che per ragioni di sopravvivenza si è decisa a scendere a patti con qualunque cosa, che per conservare la sua vita e quella dei suoi cari è disposta a spergiurare, cospirare e tradire.

Potrebbe sembrare altrimenti, ma in realtà il personaggio di Margaret è positivo, si entra nella visuale della donna: chi preferirebbe dare in pasto i propri figli a un sovrano malato in nome di un ideale? Profondamente madre e donna, Margaret è disposta a tutto, pur di conservare ciò che le resta: la vita.

É scritto come un diario, a volte una fredda cronaca in cui gli avvenimenti, anche molto importanti, si susseguono rapidamente, con frequenti salti temporali che, all’inizio, mi hanno un po’ spiazzato, ma che poi sono diventati parte integrante del modo di pensare di Margaret Pole, sempre proiettata verso il futuro.

Lo stile è fluido e molto visivo nelle descrizioni, la caratterizzazione dei personaggi è perfetta: tutti molto umani, vengono presentati con virtù e debolezze ben visibili. Sono tantissimi, ma grazie agli alberi genealogici disseminati in tutto il libro si riesce a venirne a capo brillantemente.

Un piccolo gioiello che consiglio assolutamente a chi vuole leggere un romanzo storico fatto di intrighi, sentimenti, violenza e amore, raccontato da un punto di vista mai retorico, in cui gli avvenimenti storici sono lo sfondo sul quale giganteggia la figura di una donna forte e sola, che lotta contro tutti.

Annunci

Un pensiero su “La maledizione del re di Philippa Gregory

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...