Il libro dell’estate di Michelle Gable

L’estate è la stagione della spensieratezza che nell’immaginario collettivo è sinonimo di vacanza e nel bagaglio personale di ognuno diventa collezione di ricordi legati a un luogo particolare e all’infanzia.

E allora a chi non piacerebbe ritrovare gli stralci e i brani delle esperienze di tanti anni passati, fissati in un libro, Il Libro dell’estate?

L’idea su cui nasce questo romanzo è molto bella ed evocativa: sollecita tenerezza e nostalgia allo stesso tempo. Al di là della cover ammiccante, salvare una casa che crolla da una scogliera è uno scenario tutt’altro che rasserenante, ma il registro linguistico energico usato impedisce vacui sentimentalismi.

Una grande casa costruita sulla scogliera di Sconset, ritrovo della famiglia Young, voluta e preservata fortemente dalle donne della famiglia: è lei, Cliff House, lo scrigno di tutti i ricordi delle vacanze, di tutti i brandelli di felicità che sembravano eterni e immutabili, e che ora deve lasciare spazio letteralmente all’impietosa erosione del mare e del tempo, che non accetta rifiuti.

Dolce-amaro è allora sfogliare quel Libro dell’estate che la capostipite della progenie femminile, la bisnonna Sarah, costringe gli ospiti e i frequentatori abituali a vergare di proprio pugno, soprattutto per l’ultima discendente di tutte loro, Bess.

Come sarebbe bello poter conservare, per poi farli rivivere, tutti i ricordi di famiglia, le emozioni impresse delle vacanze trascorse accanto a genitori, nonni, fratelli, quei ricordi che quando si cresce si perdono doppiamente e per sempre.

Una volta superato il reticolato dell’albero genealogico di Bess, sottolineato dal ricorso a tecniche narrative diverse, si entra nel vivo della storia delle quattro donne che hanno fatto di Cliff House la loro casa, la loro tana in cui crescere i propri figli e attestare il loro amore per l’isola di Nantucket e che affonda le sue radici nella mentalità matriarcale americana per cui le case sono delle donne. Sarah, Ruby, Cyss e Bess: ognuna di loro esprimerà il suo amore per Cliff House a modo proprio.

Potrebbe sembrare apparentemente una lettura spensierata, tra cene al club, partite a golf e ricevimenti nel parco della villa, in realtà i temi attraversati sono piuttosto duri e crudi: c’è l’urgenza dell’attualità (la storia è ispirata a un fatto vero e all’articolo pubblicato su Vanity Fair) con cui si apre e chiude il libro e che diventa metafora di una posta in gioco molto più importante che è quella di salvare una famiglia, mentre dai flashback introdotti delle pagine de Il Libro dell’estate entra prepotentemente la forza distruttrice e destabilizzante della grande guerra. Arduo è resistere indenni a quella furia devastatrice che ha falciato non solo vite umane, ma anche certezze ritenute incrollabili e Cliff House sembra rappresentarne la simbolica roccaforte.

Ma, come la vita con i suoi errori e le sue imperfezioni ci lascia spesso con l’amaro in bocca, anche il finale qui riserverà delle sorprese.

Buon Libro dell’estate!

Annunci

Un pensiero su “Il libro dell’estate di Michelle Gable

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...