Nella storia d’amore di qualcun altro

Ciao booklovers,

Prendete le vostre liste di libri da leggere e aggiungete questo bellissimo romanzo che ha letto per noi in anteprima Laura D’Amore.

In attesa della data di uscita, ecco qui la sinossi e le sue impressioni. #Staytuned

51b6eee5nbl

Per una giovane madre single come Shandi Pierce la vita è un gioco di destrezza: deve finire il college, crescere da sola il figlio Natty – un delizioso genietto di appena tre anni – e mantenere la pace tra una madre cattolica e un padre ebreo che, nonostante siano divorziati da anni, continuano a scontrarsi. Come se non bastasse, si ritrova coinvolta in una rapina a mano armata in una stazione di servizio e finisce per innamorarsi di William Ashe, l’uomo che si è messo in mezzo tra suo figlio e la pistola del rapinatore. Shandi non sa che anche quel gigante biondo bello come un dio nordico ha i suoi problemi. Mentre guardava dritto nella canna della pistola, William era convinto che quello fosse il suo destino… Ma del destino lui ha un’idea tutta sua: brillante genetista che crede nella scienza e nei numeri, è convinto infatti che la sorte non sia altro che una serie di scelte, più o meno obbligate. E adesso entrambi stanno per scontrarsi con ciò che la vita ha in serbo per loro e per fare scelte che li porranno di fronte a verità inaspettate sull’amore, sulla vita e su molte altre cose che erano convinti di sapere.

Il romanzo è come un puzzle scomposto, ogni capitolo è un tassello che torna al proprio posto, finché alla fine non si ha l’immagine completa.

La storia narra di come due persone che si conoscono durante una rapina, riescano a cogliere l’eccezionalità della situazione e cercano da lì in avanti di dare un senso nuovo alle loro esistenze. Così, mentre William aiuta Shandi a scoprire chi è il padre biologico di suo figlio, Shandi aiuta William a capire che lui ama ancora sua moglie.

“Speranza” è quella cosa con le piume che si annida nell’anima e canta la melodia senza parole e non si ferma, mai. Emily Dickinson

La scrittrice affronta molti temi sociali, come il divorzio dei genitori della protagonista e la sua adolescenziale gravidanza dovuta a una quasi violenza fisica. La sindrome di Asperger del protagonista e la sua incapacità di superare il lutto della figlia neonata. Ci sono i rapporti difficili con la matrigna, i tradimenti, i contrasti derivati da fedi religiose diverse, i traumi emotivi derivati dalla rapina e l’amore non corrisposto.

Alla base di tutto però c’è il perdono e quindi alla fine il destino deve seguire il proprio percorso riconducendo ognuno dei protagonisti nelle braccia di chi hanno sempre amato.

La scrittura è semplice e complessa allo stesso tempo, perché l’autrice ci regala flashback del passato senza alcuna introduzione o cambio di registro, proprio come se fossimo nella testa del personaggio durante quel ricordo. Ci conduce così fino all’epilogo, breve ma intenso come un bacio.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...