La piccola bottega dei sogni di Fiona Harper

fionaNon sempre una copertina di un libro riesce a trasmettere e a rendere l’idea del contenuto.

Questa prometteva non solo nel titolo, ma anche nell’immagine, e persino anche nei colori, una sensazione di tepore, di piacevole attesa. Attesa amabilmente ripagata.

Il messaggio veicolato suggerisce l’idea di una compagnia piacevole, di una storia con gli stessi ingredienti del Natale e che si svolge infatti da un capodanno all’altro: sentimenti ed emozioni la cui atmosfera di sorpresa si può anche visivamente pregustare.

Chi l’ha detto che il sogno di una ragazza dev’essere per forza l’amore?

Nicole ci prova, anzi si sforza di credere che sia vero il contrario, o meglio, lei vende sogni e fantasie agli altri organizzando delle scenografiche e plateali proposte di matrimonio inaspettate e improbabili (quanto le location in cui sono organizzate), ma per la sua vita ha riservato come obiettivi, solo il successo e la realizzazione professionale. Si capisce benissimo che è stata già scottata in passato da un’esperienza sentimentale finita male.

Sogni & fantasie è la piccola bottega di Nicole sulla quale lei e le sue due compagne, Peggy e Mia, hanno investito le loro energie e i loro sforzi. Impieghiamo poco tempo ad aggiungerci a questo simpatico trio di amiche che ci sembra di conoscere da sempre.

È subito affascinante seguirla nel mondo glamour e patinato di Londra con i suoi locali alla moda, mostre fotografiche ed eventi mondani in genere, accanto a spaccati di realtà inglesi pittoresche, incontrate appena ci si avventura un po’ fuori città.

Il lui della situazione si chiama Alex: non solo è bello, un bravo fotografo e un conturbante ragazzo, ma sa anche dire la cosa giusta al momento giusto diventando irresistibile, anche quando è vestito da cowboy o simil fauno (!).

Fin qui sarebbe il solito triangolo romantico di lui, lei e l’altra; ma le cose si complicano perché la vita è più complicata di quel che sembra e di certo sfugge a calcoli e progetti precisi. Quello che Nicole si trova a sperimentare è che è difficile trovare se stessi e quando incontra il ragazzo che la costringe a essere vera, tutto il castello di convinzioni di carta che si era costruita sembra crollarle addosso.

Virginia Woolf ha scritto: “I romanzi che ci fanno vivere fantasiosamente, con tutto il corpo come con tutta la mente, producono in noi sensazioni fisiche di caldo e freddo, rumore e silenzio, e questa è forse la ragione per cui desideriamo di cambiare… È piuttosto che abbiamo bisogno di una scena nuova; di un ritorno ai volti umani; di un senso di pareti e di città intorno a noi, con le loro luci e i loro personaggi dopo il silenzio della brughiera ventosa” (La signora dell’angolo di fronte).

Ora vi lascio il gusto di scoprire quale sensazione la storia di Nicole produrrà su di voi.

 

Annunci

Un pensiero su “La piccola bottega dei sogni di Fiona Harper

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...